TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

www.beppegrillo.it

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

 

 

La squadra continua a vivere momenti di difficoltà economica. Francesco Ferrari, Udc, lancia un appello: "Alleanza per salvare il calcio"

di Danilo Lupo, dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 08/11//2005

 

 

«Mettiamoci tutti intorno ad un tavolo per salvare il Casarano Calcio». L'appello parte dall'esponente Udc Francesco Ferrari, che siede in consiglio comunale tra i banchi dell'opposizione. «Ma di fronte alla salvezza della squadra ci calcio - afferma Ferrari - non ci possono essere distinzioni politiche e di schieramento: dare una mano all'attuale proprietà è un dovere dei politici verso la città». Per questo motivo l'esponente del partito di centrodestra chiede all'amministrazione di centrosinistra di convocare un tavolo al quale far partecipare maggioranza, opposizione, dirigenza sportiva e tifosi. «La situazione è seria - dice - e c'è bisogno di un impegno straordinario per permettere alla squadra, che si è iscritta solo grazie allo slancio di generosità e passione calcistica del suo presidente Fulvio Alfarano, di giungere fino in fondo al campionato, come merita la storia calcistica di Casarano». Tra l'altro era stato proprio Ferrari (in un'interrogazione rivolta al sindaco Remigio Venuti nel corso dell'ultimo consiglio comunale) a mettere in luce una discrepanza sulla proprietà dell'Unione Sportiva Casarano: mentre in municipio e presso la Lega Calcio a risultare amministratore era Fulvio Alfarano, nell'archivio della Camera di Commercio figurava ancora alla testa della compagine rossoazzurra l'ex senatore Eugenio Filograna. Il «caso» aveva sollevato non poco clamore, ma si era risolto di lì a poco con l'aggiornamento delle pratiche anche presso la Camera di Commercio e la presa d'atto della commissione consiliare allo Sport (presieduta da Antonio Maggio) e dell'assessore al ramo Giuseppe Morgante: è Alfarano, senza dubbio, l'unico patron del Casarano Calcio. «Quell'interrogazione è servita più che altro a fare chiarezza - conclude Ferrari - e ora che tutte le carte sono a posto, il Comune deve pensare ad uno sforzo straordinario per sostenere il calcio in città».