TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

www.beppegrillo.it

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

172.000 EURO DALLA REGIONE PER IL MALANDATO "CAPOZZA"

di Enzo Schiavano, dal Quotidiano del 17/05/05

 

La Regione Puglia, in seguito alla determinazione del dirigente del settore Sport del 20 aprile scorso, ha reso noto l’assegnazione dei contributi a fondo perduto in favore degli enti locali risultati idonei e non ancora finanziati. Si tratta di contributi destinati all’ampliamento, ammodernamento e manutenzione straordinaria di impianti sportivi per uso sociale per attività dilettantistica. Tra gli enti idonei è incluso anche il Comune di Casarano che aveva presentato un progetto relativo alla sistemazione dello stadio comunale “G. Capozza”.

Il contributo concesso per l’impianto sportivo casaranese è pari a 172.616 euro, di cui il 30% (pari a € 51.784,00) a carico del beneficiario. Il finanziamento servirà a mettere a posto il glorioso stadio che, durante la scorsa stagione calcistica, è stato sotto la lente d’ingrandimento della commissione comunale per i pubblici spettacoli, a causa di problemi sulla sicurezza, restando chiuso per una quindicina di giorni. Soddisfatti gli amministratori comunali per l’inserimento del relativo progetto nella graduatoria. “La notizia del contributo assegnato – ha affermato Mario Turco (Ds), capogruppo consiliare – è un fatto positivo. Lo stadio comunale potrà essere riqualificato e potrà diventare sede adeguata per gli eventi calcistici e sportivi della nostra città”.

Sugli stessi toni la dichiarazione di Giuseppe Morgante (Ds). “Siamo soddisfatti per questo contributo – sostiene l’assessore allo Sport – di cui la struttura ne aveva assolutamente bisogno. Lo stadio è un bene comunale prezioso e la sua riqualificazione potrebbe essere uno stimolo in più per rilanciare il calcio casaranese”. L’impianto per produrre la luce artificiale, necessaria per gli eventi in notturna, sembra la parte della struttura più urgente da affrontare. Le quattro torri che sostenevano i potenti riflettori, infatti, alcuni mesi fa sono state tagliate per ragioni di sicurezza.