TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

www.beppegrillo.it

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

IL TAR DICE NO AL COMUNE

di Enzo Schiavano, dal Quotidiano del 13/04/05

 

Una spesa di 40.000 euro, oggetto di contenzioso con un cittadino, non può considerarsi per un Comune talmente grave da compromettere le sue finanze e metterne in pericolo la stessa attività. Sulla base di questo elementare principio, nei giorni scorsi la Corte di Appello di Lecce ha respinto il ricorso del Comune di Casarano che aveva chiesto la sospensione della sentenza del Tribunale di Lecce, emessa lo scorso mese di novembre, che aveva accolto la domanda di risarcimento danni proposta da una cittadina, la signora Tommasa Toma.

I giudici di secondo grado, infatti, con il provvedimento del 7 aprile scorso, hanno ritenuto che “nella comparazione delle diverse posizioni delle parti il pagamento di una somma di denaro non può comportare un danno grave per un ente quale il Comune di Casarano”. Per ottenere la sospensione dell’efficacia della sentenza di primo grado, con la quale la signora Toma aveva ottenuto un risarcimento di 40.000 euro, era necessario avere dei gravi motivi che la Corte ha ritenuto non sussistono. La signora Toma, assistita dall’avv. Bartolo Ravenna, aveva ottenuto il risarcimento per i danni subiti alla propria abitazione, situata in via Ruffano 30, causati dalle piogge torrenziali verificatesi nell’ottobre del 1990 e nel novembre del 1993.

Il Tribunale aveva accertato che la causa degli allagamenti, come recita la relativa sentenza, era “da attribuire alla mancata esecuzione, da parte del Comune di Casarano, di quegli interventi necessari a garantire un regolare deflusso delle acque meteoriche e, quindi, ad evitare il verificarsi di simili fenomeni, determinati, in particolare da una edificazione incontrollata che ha contribuito alla inesorabile alterazione della particolare natura orografica dei luoghi, causando pertanto il mancato smaltimento delle acque con conseguente allagamento dell'abitazione della Toma”. Il Comune, invece, aveva contrapposto l’ipotesi del caso fortuito e dell’eccezionalità dei fenomeni atmosferici.