TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

www.beppegrillo.it

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

RISARCIMENTO DANNI PER I LAVORI IN PIAZZA DIAZ: IL COMUNE DICE NO!

di Mauro Stefano, dal Quotidiano del 14/04/05

 

L’amministrazione comunale intende resistere dinanzi alle richieste di risarcimento danni avanzate da alcuni titolari di esercizi commerciali siti in piazza Diaz. Per questo, lo scorso lunedì, la giunta comunale ha conferito incarico all’avvocato Giovanni De Nigris affinché assuma le difese della parte pubblica nella causa intentata innanzi al Giudice di Pace, in nome e per conto dei commercianti, dall’avvocato Francesco Ferrari, tra l’altro consigliere comunale di minoranza per l’Udc. Ciò che i ricorrenti chiedono è il risarcimento dei danni sopportati nel solo mese di dicembre (per rimanere nell’ambito della competenza del Giudice di Pace che è pari a 5 milioni delle vecchie lire) derivanti dai lavori in corso nella centralissima piazza cittadina. “Ciò che si contesta non è certo l’esecuzione delle opere quanto il loro protrarsi oltre ben oltre il termine in un primo momento indicato addirittura nel 30 novembre” affermano i ricorrenti. Lo stesso avvocato Ferrari afferma che “l’azione legale intrapresa ha lo scopo di verificare quale possa essere la risposta dell’amministrazione comunale in termini di agevolazioni verso quanti stanno soffrendo danni ingenti, in alcuni casi nella misura del 60- 70 per cento”. In attesa dell’udienza fissata per il 13 maggio, il sindaco Remigio Venuti afferma di essere “consapevole del fatto che ogni opera pubblica possa arrecare uno stato di disagio”, ma, allo stesso tempo, di non individuare “un nesso diretto tra i lavori in piazza Diaz ed gli eventuali danni di carattere economico lamentati”. “Emblematico”, per il primo cittadino, è l’esempio dei lavori per il gas metano, “che hanno interessato tutta la città, con conseguenti e comprensibili disagi per tutti, senza poter, tuttavia, dire che da quest’opera possano essere derivati chissà quali danni economici”. La posizione dell’amministrazione comunale non appare, comunque, di totale chiusura nei confronti dei commercianti di piazza Diaz. “Dinanzi a situazioni di particolare bisogno siamo pronti a valutare il da farsi, fermo restando che per noi non sussiste un nesso diretto tra i lavori ed eventuali danni”. Possibili, comunque, sgravi di natura tributaria (con riferimento ad Ici e Tarsu, per esempio), come proposto di recente tanto dall’associazione Azione Democratica quanto dai Democratici di Sinistra. “Verificheremo all’interno del consiglio comunale quale forma di aiuto adottare non solo per piazza Diaz ma per tutti coloro che, collaborando con l’amministrazione, intendano lavorare per il recupero e la valorizzazione del centro storico”, conclude Venuti.