TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

www.beppegrillo.it

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

 

 

Liber@città lancia un appello contro il degrado del borgo antico. 
Di Mauro Stefano, dal Nuovo Quotidiano di Puglia, 09/08/2005

 

 

Salviamo dal degrado il centro storico di Casarano. Questo il grido d’allarme lanciato da Mauro Costa, responsabile del settore ambiente e territorio per il movimento giovanile Liber@città; che in una nota diffusa alla stampa denuncia “la situazione di sempre maggiore degrado al quale è  destinato il nostro centro storico”. Oltre alla considerazione sull’attuale stato delle cose, a preoccupare è anche la recente bocciatura, da parte della commissione mista Stato-Regioni del Ministero delle Infrastrutture del progetto di recupero denominato “Contratto di Quartiere II”. Con l’approvazione di tale progetto, l’amministrazione comunale sperava di poter disporre di una cifra consistente (pari a circa 4.600.000 euro) con la quale finanziare numerosi interventi di recupero proprio nel centro antico. “Liber@città intende stimolare l’amministrazione affinchè intervenga per migliorare l’attuale situazione anche alla luce della bocciatura dei Contratti di Quartiere” si legge ancora nella nota del movimento diretto dall’ex assessore Francesca Fersino. Si invitano, dunque, i responsabili dell’ufficio tecnico comunale ad effettuare dei sopralluoghi “per rilevare edifici pericolanti che costituiscono un serio pericolo per l’incolumità di altri edifici ed abitanti, per controllare pozzi neri pericolosi e maleodoranti, per migliorare l’illuminazione e la pavimentazione sconnessa che crea danni a persone e veicoli nonché per rivedere le indicazioni delle strade ed i numeri civici in molti casi inesistenti”. Ciò che si chiede è, insomma un intervento di risistemazione a 360 gradi “anche con risorse economiche per incentivare i residenti del centro ad eliminare tutte quelle anomalie che risultano in disarmonia con lo stile architettonico del centro”. Il recupero della parte antica della città “contribuirebbe, inoltre, ad ottenere l’apprezzamento da parte dei turisti e dei cittadini dei paesi limitrofi”. Di recente era stato l’ex consigliere comunale Antonio Dei Baroni a denunciare la grave situazione igienico sanitaria del quartiere Terra, sempre in pieno centro antico, chiedendo un immediato intervento di bonifica. L’area indicata viene, infatti prescelta ormai da anni da quanti hanno urgente necessità di espletare bisogni fisiologici. Circa i contratti di quartiere, intanto, c’è da ricordare come l’amministrazione comunale abbia attivato un contenzioso per far valere le proprie ragioni nella speranza di poter ancora ottenere il previsto finanziamento.