TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

Sabato 17/12 serata di beneficenza organizzata dalla Croce Rossa. Ore 21.00 presso il teatro Fondazione Filograna si terrà lo spettacolo teatrale “CRUCIS” del balletto Terrapulia di Danza.

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

 

 

Il responso definitivo sul progetto che aveva infiammato la campagna elettorale in occasione delle Comunali

Fuori dai contratti di quartiere

di Danilo Lupo, dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 17/12//2005

 

E' ufficiale: partono i contratti di quartiere, ma non per Casarano. L'importante progetto era uno dei temi che aveva infiammato la campagna elettorale per le comunali; ora arriva il responso definitivo e non è positivo per la città, ma il Comune ancora spera. Martedì scorso infatti è stato firmato l'accordo di programma quadro tra Regione Puglia e Ministero delle infrastrutture che ha per oggetto proprio i contratti di quartiere; si tratta di un programma di finanziamenti per la rivitalizzazione dei quartieri attraverso interventi pubblici e privati, a cui anche Casarano si era candidata. Il corposo progetto dell'amministrazione aveva un importo di circa sette milioni di euro e prevedeva, tra le altre cose, la pavimentazione con basoli delle strade del centro storico e la creazione di miniappartamenti all'interno dell'ex caserma dei carabinieri di piazza Malta. Come si ricorderà, in pieno clima pre-elettorale si era diffusa la notizia del mancato finanziamento a Casarano, il cui progetto non si trovava in posizione utile per ottenere fondi. Il sindaco Remigio Venuti (Ds) aveva assicurato allora che non tutto era perduto e aveva chiesto agli uffici competenti l'acquisizione degli atti per valutare la possibilità di fare ricorso. La graduatoria, però, è ormai ufficiale e nel Salento sono solo tre i comuni che usufruiranno dei contratti di quartiere, ovvero Lecce, Galatone e Maglie. «Rimane l'amaro in bocca - commenta il sindaco Venuti - perchè il nostro progetto si trova al ventottesimo posto, a fronte di centinaia di domande. Purtroppo, però, solo i primi diciotto progetti sono stati finanziati e quindi Casarano, pur trovandosi nella parte alta della graduatoria, è rimasta fuori dai finanziamenti». Venuti, però non dispera: l'amministrazione starebbe ancora vagliando la documentazione che ha portato al mancato finanziamento, ma un ricorso a questo punto è improbabile anche se ufficialmente non si esclude nessuna strada. La speranza del Comune in realtà è un'altra, ovvero che da Roma o da Bari arrivino nuovi soldi e che di questi possano beneficiare i progetti che si trovano vicini alla «zona Cesarini» del finanziamento, come Casarano. «Esiste la possibilità di risorse aggiuntive - conclude Venuti - Noi abbiamo fiducia che arrivino e in questo caso il nostro progetto, che si trova a soli dieci posti di distanza dall'ultimo progetto finanziato, beneficerebbe certamente dei fondi dei contratti di quartiere»