TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

www.beppegrillo.it

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

La direzione della Asl risponde al Tribunale del malato

«I pasti controllati da una dietista»

di Danilo Lupo, dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 22/04/05

 

 

Pasti freddi e scarsi al «Ferrari», arriva la replica della Direzione generale della Asl. Nei giorni scorsi, infatti, il Trbunale per i diritti del Malato, in una nota della sua presidente Anna Maria De Filippi, aveva definito il cibo distribuito ai degenti dell'ospedale casaranese «scadente, servito freddo e in quantità insufficiente». Una situazione tale che «tutti i pazienti hanno sottoscritto una protesta rifiutando le porzioni», secondo quanto riferito dalla De Filippi, che non aveva escluso il ricorso ai Nas. La replica dell'ufficio relazioni con il pubblico controbatte le affermazioni dell'associazione di volontariato, anche se ammette qualche problema sulla temperatura dei cibi, che vengono cotti nell'ospedale di Poggiardo. «Il cibo somministrato ai pazienti - afferma una nota dell'Urp - viene quotidianamente controllato dalla Direzione del presidio ospedaliero di Casarano, che si avvale della collaborazione professionale di una dietista. Il cibo risulta idoneo dal punto di vista igienico, per ciò che concerne l'aspetto quantitativo è corrispondente a quanto previsto dal bando di gara». I pasti serviti freddi, invece, sono un problema a cui si sta ovviando, secondo la direzione della Asl. «Siamo consapevoli dell'esistenza del problema, in quanto i pasti non vengono cotti in loco, poichè le cucine non sono allocate presso il Presidio di Casarano e le pietanze, pertanto, vengono preparate presso il presidio ospedaliero di Poggiardo e poi da qui trasferite in appositi contenitori». Il risultato, però, è che «nonostante tutte le precauzioni possibili per la conservazione del prodotto spesso le pietanze arrivano fredde». La soluzione dovrebbe arrivare il 5 maggio, quando cioè verranno ultimati i lavori di rifacimento delle cucine, di modo che «il cibo da distribuire ai degenti della struttura verrà preparato in loco con notevoli vantaggi dal punto di vista qualitativo