TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

www.beppegrillo.it

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

 

 

Il Tribunale dei Diritti del Malato lamenta l'esclusione nella progettazione dei Piani di Zona

di Danilo Lupo, dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 04/11//2005

 

 

Piani sociali di zona, continua la discussione con una dura presa di posizione del Tribunale per i diritti del malato, associazione aderente a CittadinanzAttiva. La coordinatrice del Tdm per la Asl Lecce2, Anna Maria De Filippi, infatti, lamenta l’esclusione della sua associazione dai lavori di preparazione dell’importante progetto e annuncia l’intenzione di ricorrere alla Procura della Repubblica. «Non siamo mai stati seduti al tavolo di concertazione – spiega la De Filippi – nonostante io abbia richiesto a più riprese la convocazione. Abbiamo preparato un documento dopo oltre due mesi di lavoro dei volontari, ma non abbiamo mai potuto presentarlo, nonostante CittadinanzAttiva sia l’unica associazione di difesa dei consumatori e dei cittadini presente sul territorio». Un eventuale ricorso in sede giudiziaria finirebbe per allungare ancora di più l’iter per l’approvazione del Piano sociale di zona dell’ambito di Casarano, che già risulta essere l’ultimo della provincia. I lavori si sono allungati, secondo l’assessore alle politiche sociali Antonio Memmi (Margherita), a causa del ritardo con cui la Asl Le/2 avrebbe provveduto ad inviare i dati (per quanto gli altri ambiti territoriali ricadenti nel territorio della stessa Asl abbiano già concluso i lavori) e anche a causa della procedura seguita da Casarano, che ha scelto di far partecipare associazioni e istituzioni già nella prima fase della progettazione del piano sociale. Qualcosa, però, non deve aver funzionato visto che il Tdm lamenta la propria esclusione. «Sono indignata perchè abbiamo lavorato, abbiamo preparato documenti e non siamo mai stati convocati – attacca la De Filippi – mentre, ad esempio, il Tribunale per i diritti del malato di Gallipoli è stato chiamato, fa parte dei tavoli ed è stato parte attiva della progettazione. L’assessore e dirigente alle politiche sociali mi hanno assicurato che la lettera di nomina sarebbe arrivata quanto prima, ma - mi chiedo - che significa? Che la nomina arriverà quando il lavoro di progettazione sarà terminato?»