TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

www.beppegrillo.it

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

 

 

Promozione turistica di Casarano
Di Francesco De Vita, Casarano 26/08/2005

   francescode.vita@libero.it

 
In questi giorni di agosto, leggendo i quotidiani locali, si è assistito ad una serie di frecciatine tra l'Azienda di Promozione Turistica APT di Lecce e la Provincia nonchè l'Assessore Regionale al Turismo circa i dati dell'affluenza turistica nel Ssalento.
Intanto è condivisibile il fatto che, se i dati devono servire per un'analisi ed una successiva strategia, devono essere i più corretti e completi possibile ma soprattutto, non bisogna creare allarmismi ed immagine di poca sinergia istituzionale a quei turisti che comunque hanno scelto di soggiornare e godere il nostro Salento.
Ogni cosa a suo tempo, sperando che una prossima sessione di valutazioni sotto l'egida dell'Assessorato al Turismo della Provincia di Lecce, veda coinvolte ed ascoltate anche le Pro Loco operative in provincia nonchè l'UNPLI.
Non deve ripetersi l'esperienza dell'ottobre 2004, di cui sono rimasti una serie di proclami emanati nelle riunioni degli "Stati Generali del Turismo" sotto l'egida della Responsabile provinciale al Marketing Territoriale per poi ritrovarsi, all'avvio ed a stagione estiva inoltrata, con spiagge sporche, accessi al mare negati, continue fuoriuscite di liquami , Chiese chiuse, prezzi pazzi e chi più ne ha più ne metta per dar voce alla stampa che ha rafforzato negativamente i riflettori proprio su quelle località che tanto hanno fatto e che costituiscono le principali attrazioni salentine
 
Ma quanto meno, si sta discutendo su un prodotto turistico, il SALENTO, che le Istituzioni devono meglio coordinare coinvolgendo i vari operatori privati e pubblici.
 
Cosa diversa è quanto succede nella nostra Casarano.
Anche qui, si dice, si proclama ma..., chissà perchè, ...non si fa !
La 2a Giunta Venuti, ha pensato bene di istituire l'Assessorato alla Promozione del Turismo.
Fatto ben accettato e che lasciava intendere l'effettiva volontà nel fare qualcosa di concreto, che al momento può sintetizzarsi;
- nel nuovo logo (bello anche se concepito unilaterlamente e non con un concorso di idee);
- La messa in circolazione di varie cartine pubblicitarie (senza il consulto delle Associazioni più attive in barba al bilancio partecipato) con altrettanti esborsi finanziari (il più a ditte extra comunali) e comunicati stampa (bisogna far lavorare l'addetto) finalizzati (si dice) ad attrarre il turista;
- L'Expo Città di Casarano quale rassegna fieristica in cui però è stato poco valorizzato l'artigianato locale e privato;  
- L'affrettata cantierizzazione di "Oltemare Entroterra" (doverosamente sospesa per lutto di rispetto nei confronti della famiglia Bastianutti) ma senza aver interpellato le Associazioni più attive, artisti e compagnie locali (un noto professore nonchè pubblico amministratore era solito dire: "Arte e Cultura non hanno prezzo").
 
Ma quand'anche tutto fosse andato liscio, qual'è il prodotto che "Casarano nel Salento tra due mari", offre con orgoglio e soddisfazione al turista o viandante che decidono di far visita alla Città ?
 
Ingressi anonimi e malmessi ? segnaletica insufficiente o equivoca ? Centro Antico invivibile ? Piazze e Palazzi vetusti e fatiscenti ? Chiese chiuse ? Centro di Accoglienza Turistica ubicato in un lazzaretto e sempre chiuso ? Sito Messapico sul cartello ma non individuabile in loco ? Musei chiusi ?  
 
Pertanto pur considerando efficiente l'attività dell'Assessorato alla Promozione del Territorio il tutto tende a vanificarsi e renderci ridicoli se non sia avvia, propedeuticamente,  un'azione concreta coordinandola con la Pro Loco (nel cui Direttivo l'Amministrazione Comunale ha un componente di diritto) e le altre Associazioni attive, tesa a Valorizzare il Patrimonio Comunale ,  quale contenitore naturale entro cui le azioni di promozione si qualificano e possono anche risultare efficaci per il raggiungimento dell'obiettivo fissato.
 
Francesco De Vita
Segretario Pro Loco - Casarano
Intervento a titolo personale che non impegna l'Associazione

 

Caro Francesco,
non ci conosciamo ma ho letto il tuo intervento sentito e mi trovo in perfetto accordo con il tuo pensiero, fino ad ora e continuerò a farlo mi esprimerò sempre in riferimento al mio settore di interesse e di lavoro: l'agro-alimentare e le sue risorse, ma una mia nota a titolo personale la voglio esprimere.
A Casarano non si adoperano menti eccellenti endogene o esogene per cercare di fare bene, c'è la virtù di "saper fare tutto da soli" secondo la nostra  amministrazione, alla fine per concludere veramente poco o nulla, pochissimo quasi nulla nel caso dell'agro-alimentare. Ritornando brevemente (perchè desidero solo parlare del mio settore con l'a.p. per niente attenta e poco consona ad ascoltare) alla promozione del nostro territorio, ricco di storia e di arte il logo a mio umile parere è stato veicolato poco e niente, sono girate migliaia di copie nel nostro Comune.. giusto per non farli rimanere negli scatoli di cartone..? Perchè non sostenere le associazioni (Pro-loco ad esempio) che hanno l'intento SINCERO di portare in alto la nostra Casarano o contribuire con dei piccoli fondi a offrire un supporto a quei pochissimi turisti che visitano la Chiesetta di Casaranello? la nostra amministrazione si è accorta che quei pullmans che sostavano davanti alla chiesa erano abbandonati a se stessi?
Un aspetto deve essere chiaro: avvaliamoci e lo devono fare in primis i signori dell'Amministrazione di menti competenti, come si propone qualche altra persona dall'importante incarico istituzionale a livello regionale..e non fare tutto alla meno peggio..piu peggio. Voglio smettere di sentire a qualunque interrogativo la seguente risposta: "SI SI CI STIAMO GIA PENSANDO........MA QUANDO?" FRASI DA TAPPA BUCHI

Sperando che questo clima di sconcertante assoluta situazione di abbandono anche per le imprese non solo del turismo, ma a anche dell'agrolaimentare, spero che il vento soffi nella direzione giusta.

                                            ANTONIO STEA  - toniostea@libero.it  -

 

Cari Francesco e Antonio, sottoscrivo in pieno quanto da voi esposto.

Eugenio Memmi