TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

www.beppegrillo.it

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

Comune di Casarano
Assessorato alla Cultura

Regione Puglia
Ministero Beni e Attività Culturali
Ente Teatrale Italiano

La città e i centri vicini si scoprono affamati di cultura. Incassi ben oltre le previsioni. Una scommessa vinta

 

di Alberto Nutricati, dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 22/05/05

 

 

Con circa quattromila spettatori e 40mila euro di incassi, la stagione teatrale «Pensiamo in prosa» porta il Teatro Filograna al terzo posto nella classifica dei teatri pugliesi, dopo il Politeama di Lecce ed un teatro di Taranto. «Un simile risultato - dice l'assessore alla Cultura Claudio Pedone - va al di là di ogni più rosea aspettativa ed è un indicatore di città sostenibile. L'aver portato a Casarano una rassegna di questo calibro, che è riuscita ad attrarre spettatori precedentemente costretti a spostarsi per poter assistere ad uno spettacolo teatrale, è qualcosa di molto positivo e che il pubblico ha dimostrato di apprezzare». La rassegna, organizzata dall'Assessorato alla Cultura, in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese e per un costo complessivo di 50mila euro, avrebbe dovuto gravare sul bilancio comunale per una somma pari a 31.500 euro. Tale era, infatti, l'impegno di spesa del comune, sulla base del calcolo previsionale degli incassi. Tuttavia, grazie ai 39.918 euro lordi incassati (18.124 derivanti dai soli abbonamenti, 17.294 dalla vendita dei biglietti e 4.500 dagli sponsor), l'intera rassegna costerà al Comune solo 11.500 euro, con un risparmio di ben ventimila euro rispetto alle previsioni. Un bel colpo per una manifestazione dal cartellone di grande prestigio, che ha portato sul palcoscenico casaranese attori del calibro di Ugo Pagliai, Paola Gassman, Luigi De Filippo, Beppe Barra e Flavio Bucci. I dieci spettacoli della rassegna sono stati seguiti in media da 396 spettatori, con picchi di 540 spettatori nei quattro spettacoli che hanno registrato il tutto esaurito, mai verificatosi nella scorsa stagione.I casaranesi hanno dimostrato, quindi, la loro sete di «cultura», lanciando all'Amministrazione un chiaro messaggio. Un significativo incremento si è registrato anche nel numero di abbonati, che quest'anno ha raggiunto quota 242 (circa la metà dei posti disponibili), il 25 per centi dei quali proveniva da Ruffano, Taurisano, Matino, Collepasso, Melissano, Tuglie e Supersano, segno del forte richiamo attrattivo della rassegna su un territorio ben più ampio di quello comunale. «Un ringraziamento a nome di tutta l'Amministrazione - conclude l'assessore - va fatto a tutti gli abbonati e agli spettatori provenienti da Casarano e dall'intera provincia, agli sponsor e alla Fondazione Filograna per la disponibilità e la sensibilità dimostrate».