TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

"CEMENTO" NELLE VERTEBRE PER SCONFIGGERE L'OSTEOPOROSI

di Enzo Schiavano, dal Quotidiano del 15/04/03

L’osteoporosi può essere sconfitta con il cemento. La tecnica innovativa utilizzata nei giorni scorsi, per la prima volta nel Salento, presso il presidio ospedaliero “F. Ferrari”, si basa proprio nell’iniettare nelle ossa malate questa particolare sostanza. Giovedì scorso, infatti, l’equipe ortopedica del dott. Francesco Russo, guidata dal dott. Antonio D’Alessandris, ha eseguito l’intervento di vertebroplastica per frattura da osteoporosi, la malattia che riduce la densità delle ossa aumentandone la fragilità. La paziente sottoposta ad operazione, che è perfettamente riuscita, è una nonnina di Casarano di 70 anni, da tempo affetta dalla malattia con crollo della terza vertebra lombare.

L’intervento consiste nell’iniettare nelle vertebre osteoporotiche una sostanza molto simile al cemento, in modo tale da aumentare la resistenza meccanica delle vertebre. E’ un metodo mutuato dall’ingegneria civile che viene applicato alla colonna vertebrale come se fosse una colonna portante di un edificio. All’estremità della sonda, che viene inserita tra le vertebre, si trova un palloncino che, gonfiandosi, crea lo spazio necessario per far posto al particolare tipo di cemento. “L’intervento è stato fatto in endoscopia – spiega il dott. D’Alessandris – attraverso due fori abbiamo iniettato la sostanza. Grazie a questa tecnica riusciamo a togliere il dolore ai pazienti e quindi li reinseriamo nella vita sociale”. Il dott. Russo aggiunge che “la paziente sta bene e potrà lasciare l’ospedale nei prossimi giorni. L’innovativa tecnica chirurgica è stata “importata” dall’Olanda, precisamente dalla prestigiosa Università di Leiden, dove tempo fa il dott. D’Alessandris era stato invitato per assistere ad una applicazione di tale metodo.

“L’osteoporosi è una malattia sociale – prosegue il dott. Russo – che coinvolge una nutrita schiera di cittadini ai quali il servizio sanitario deve dare risposte adeguate e al passo dei tempi”. Con questo intervento il reparto di Ortopedia di Casarano entra a pieno titolo nella eccellenza. “Contiamo di dare impulso a questo tipo di chirurgia – aggiunge la dott.sa Cretì – sia nel supremo interesse dell’ammalato che per rassicurare l’utenza della bontà della riforma sanitaria regionale”. L’equipe del reparto di Ortopedia e Traumatologia hanno voluto ringraziare il Direttore Sanitario generale, dott. Vitangelo Dattoli, la dott.sa Gabriella Cretì, Direttrice del nosocomio casaranese, e gli anestesisti dott. Antonio Libetta e dott. Donato Martella per aver consentito l’evento.

 

 



 

Scrivi la tua opinione sul nostro Guestbook

Dì la tua sul FORUM di TUTTOCASARANO

 

/div>