TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

natale108.gif (7919 byte)

Natale è l'occasione giusta...
per ricordare gli amici speciali.  Buone Feste

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

 

 

 

Umberto Albanese di casa a New York

di Mauro Stefano, dal Nuovo Quotidiano di Lecce del 27/12//2005

 

 L’arte di Umberto Albanese conquista New York. Inaugurata lo scorso ottobre, la nuova personale del pittore casaranese continua, infatti, a mietere consensi ed apprezzamenti pressoché unanimi da parte di pubblico e critica. Presso la Salute Gallery di Madison Avenue, ovvero il principale viale che attraversa Manhattan, “From dusk to dawn” (”Dal buio all’aurora”), questo il titolo della mostra, è giunta al suo secondo mese di esposizione ed ha conquistato non solo i newyorkesi ma anche numerosi stranieri visto che alcune delle opere esposte sono state acquisite da collezionisti d’arte dell’estremo oriente. Per Albanese, ormai un nome nell’arte contemporanea, quella di New York può a giusta ragione essere considerata la consacrazione della sua arte pittorica. In questi giorni, tra l’altro, Albanese è stato invitato dalla first lady Matilda Cuomo a partecipare al galà di beneficenza che si terrà a New York il 10 aprile 2006. Previsti gli interventi di numerosi divi della musica e del cinema ed addirittura dell’ex presidente degli Usa Bill Clinton. Per l’occasione, Albanese preparerà un dipinto che sarà messo all’asta per beneficenza. Intanto l’eco del successo americano è giunto anche in Italia. In questi giorni il “Giornale d’Italia” ha usato parole lusinghiere per l’artista salentino, tra l’altro anche apprezzato cardiologo, descrivendo la sua pittura come “magia nel senso di scavo nella ragione, nella poeticità della fantasia e nella ricerca del vero, sino all’impossibile”. La personale di New York rimarrà aperta al pubblico fino al 15 gennaio ma ,in considerazione del successo riscontrato, gli organizzatori sono già al lavoro per altre mostre in Messico ed a Brooklyn.