Il piacere puo' fondarsi sull'illusione, ma la felicita' riposa sulla verita'  (Anonimo americano)

 

 

 

 

 TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

  Home page

   La vita Politica

  Lo sport

  Cultura

  Tutto città

   Informazioni turistiche

    scrivici

  oggi vi segnaliamo il blog: genitori scuola salento

Commento alla mancata realizzazione del presepe dall'ass. Belloluogo 

 

Di Cristina Giaccari

solegi23@yahoo.it 

Casarano,14/12/2008

 

In riferimento all'iniziativa di non realizzare il presepe di Belloluogo per commemorare la morte di Luca Muscella, ritengo una cosa alquanto fuori luogo, il presepe rappresenta la gioia della nascita di Gesù ed è un omaggio che ogni anno ognuno di noi dovrebbe fare nei confronti di Gesù che nasce e di sua madre la Madonna, al di là dei nostri dolori, dispiaceri e disgrazie.

 

Mi dispiace tantissimo per la prematura morte di un giovane come Muscella, ma non è un buon motivo per rinunciare a fare un dono a Gesù e festeggiare Gesù.

L'unica cosa che si dovrebbe fare per commemorare realmente Muscella sarebbe rinunciare non al presepe, ma al divertimento della notte di Capodanno che non ha nulla a che vedere con il sacro, per cui l'adesione del sindaco di Lecce mi dispiace dirla è ridicola.

 

Beh che dire, si rinuncia al presepe ma poi la notte di capodanno quanti piangeranno il Muscella, forse lo stesso Sindaco Perrone o chi ha rinunciato a fare il presepe?

I morti si commemorano nel mese di novembre con altre iniziative, con messe e con andare al cimitero non rinunciando al presepe, non credo che neppure Muscella sarebbe contento di questa "enorme" privazione del presepe in suo cosa onore?

 

Commemoriamo davvero i morti e non per finta con iniziative false.

Iniziamo a rinunciare ai divertimenti della notte di Capodanno durante la quale li vorrei vedere tutti cosa faranno sia il sindaco che colui che doveva fare il presepe. 

Saluti. 

 

 

14/12/08 Gentilissimo Eugenio Memmi, da alcuni anni, il "Presepe della Torre di Belloluogo" è stata un'iniziativa di puro volontariato culturale, nata e realizzata spontaneamente dagli artisti che hanno realizzato le figure del "Presepe" e dall'Associazione Ideale Osservatorio Torre di Belloluogo, intorno al bellissimo e suggestivo monumento medievale della Torre di Belloluogo, che è un bene pubblico, appartendo per la precisione alla Città di Lecce.

 
Gli artisti e l'Osservatorio Torre di Belloluogo hanno dato vita, negli anni scorsi, al "Presepe della Torre di Belloluogo", per festeggiare la solennità del Natale, realizzando ed esponendo le figure della Natività, affiancate dal Bue e dall'Asinello, e dall'Angelo di Gloria.
 
Questa iniziativa -ripetuta negli anni scorsi- è stato un omaggio degli artisti e dell'Osservatorio Torre di Belloluogo ai valori culturali, religiosi e spirituali che sono il tesoro degli autori e dei promotori, oltre che di chiunque si ritenga affascinato cultore di quei valori e della tradizione del Presepe.
 
Questi valori di riferimmento esistono e sono sentiti indipendentemente dalla esposizione o meno -per le più diverse circostanze e motivi- del "Presepe della Torre di Belloluogo".
 
Quest'anno, gli artisti e l'Associazione Ideale "Osservatorio Torre di Belloluogo" hanno ritenuto -con la mente e col cuore- di dover esprimere un forte gesto di solidarietà nei confronti della Vedova del compianto Signor Luca Muscella dopo aver ascoltato le parole del suo accorato appello, e per questo hanno deciso nelle ore immediatamente seguenti -nel mentre si accingevano anche quest'anno ad allestire nuovamente il "Presepe della Torre di Belloluogo"- a dare vita a questa propria iniziativa artistica e culturale di rinuncia all'esposizione del "Presepe della Torre di Belloluogo", in segno di rispetto per il compianto Signor Luca Muscella, delle Vittime del Lavoro e dei loro Familiari.
 
Dispiace che la persona che ha dato un tale commento non abbia colto il senso profondo di questa sofferenza e di questa rinuncia all'esposizione dell'artistico Presepe realizzato ed esposto negli anni scorsi presso il sito monumentale della Torre di Belloluogo, che vuole essere un segnale degli artisti e dell'Osservatorio Torre di Belloluogo per renderte omaggio a tutte quelle Persone che hanno immolato la propria Vita nel momento in cui compivano il loro dovere sociale di Lavoratori ed il loro ruolo di Capofamiglia.
 
Gli artisti e l'Osservatorio Torre di Belloluogo,  pur rinunciando all'esposizione del "Presepe della Torre di Belloluogo", hanno comunque lasciato intangibile la libertà di ognuno di erigere il proprio Presepe nel proprio cuore e nella propria mente, con la propria sensibilità, e lasciando a tutti la possibilità di riflettere sulla triste ed inarrestabile catena di omicidi sul lavoro, su quelle che vengono eufemisticamente chiamate "morti bianche" alle quali è necessario (oltre che ovvio) che non si debba pensare solo il 2 novembre.
 
Cordiali saluti
 
Carla De Nunzio

Presidente dell'Associazione Ideale "Osservatorio Torre di Belloluogo"

info@torredibelloluogo.eu

 

 

 

 

15/12/08 Rispondo al Presidente dell'associazione Torre Belloluogo, dicendole che ho capito e colto benissimo il senso della sofferenza di una morte prematura ma non è sacrificando Gesu' o il presepe che si possa aderire alla sofferenza, anzi dovremmo chiedere ancora di più un aiuto per i tempi difficili che stiamo attraversando tutti e anche per tutti i defunti e non rinunciando a Dio stesso.
Anche la chiesa, il Papa è partecipe a tutte le disgrazie e lutti ma non per questo si rifiuta a celebrare la Messa o a presiedere eventi religiosi.
Cara presidente, ripeto il fatto che non avete esposto il presepe non significa assolutamente essere vicino alla vedova Muscella o avere una enorme sofferenza nel cuore per il Muscella, avrei capito altri tipi di iniziativi quale celebrare una messa a suffragio di Muscella con la partecipazione di tutti o rinunciare ai regali di Natale per offrire un aiuto concreto alla vedova Muscella o altre cose simili, ma rinunciare al presepe mi sembra più un'idea semplice di un non credente e basta e niente più.
E lo stesso come quando ci capita qualcosa di brutto con chi ce la prendiamo? con Dio e lo stesso e stato fatto in questo modo la sofferenza di Muscella la facciamo pagare a Gesù che nasce non esponendo il presepe.

E' inutile prenderci in giro ammettiamolo apertamente ma tutto ciò non è solidarietà alla sofferenza ma non essere cattolici.

Cordiali saluti.

Cristina Giaccari

solegi23@yahoo.it 

 

 

 

16/12/08 Gentilissimo Eugenio Memmi, le critiche e le obiezioni personali della Signora Giaccari nulla tolgono al senso profondo dell’iniziativa civile, culturale e morale posta in essere dagli artisti e dall’Osservatorio Torre di Belloluogo.

 

Il nostro scopo era e rimane quello – attraverso un segno forte e chiaro qual è la doverosa rinuncia all’artistica esposizione del “Presepe della Torre di Belloluogo” – di esprimere la nostra partecipazione al dolore per la scomparsa del compianto Signor Luca Muscella – ad un anno esatto dalla Sua morte e dalla strage di Operai a Torino causata dal rogo in quella che è stata definita “la fabbrica della morte”, e a pochi giorni di distanza dal susseguirsi nel nostro Paese di un’altra orrenda strage di Lavoratori.

 

Con la nostra scelta, abbiamo deciso di esprimere la ferma protesta per l’insensibilità di coloro che dimenticano presto e di quanti fanno finta di non vedere e di non sentire, e quindi per richiamare l’attenzione dei cittadini e delle istituzioni, a partire dal nostro territorio, e quindi dalla cittadinanza e dalle istituzioni di Lecce come di Castrano, sulle tragedie disumane che si ripetono di giorno in giorno con la catena inarrestabile delle “morti bianche, che non solo da noi, ma anche dai pubblici ministeri, vengono definiti omicidi sul lavoro.

 

Siamo riconoscenti, pertanto, al Sindaco di Lecce che ha compreso e condiviso il senso della nostra iniziativa che si manifesta nei modi in cui degli artisti ed un’associazione culturale possono fare, in forma artistica, culturale e civile, e siamo ugualmente grati a TuttoCasarano.it per aver deciso di dare spazio e di pubblicare gli articoli dedicati all’iniziativa, ivi compresa la pubblicazione dei commenti ricevuti e che eventualmente seguiranno.

 

Se la nostra iniziativa dovesse essere servita a richiamare l’attenzione e a suscitare le risposte anche soltanto della Signora Giaccari, che ringraziamo per l'interesse dimostrato, ciò significherebbe che comunque abbiamo risvegliato e richiamato l’attenzione di un cittadino, spingendolo a riflettere ed a porsi il problema, e ad affrontare insieme a tutti noi, seppure in maniera discordante, la questione del ricordo e del rispetto dovuto a Chi, privato della Sua Vita sul posto di lavoro, non potrà più festeggiare il Natale insieme ai Suoi Cari.

Cordiali saluti

Carla De Nunzio

Presidente dell' Associazione Ideale OSSERVATORIO TORRE DI BELLOLUOGO

info@torredibelloluogo.eu

 

 

16/12/08 Mi permetto solo di aggiungere una piccola riflessione su questa delicata discussione; l’osservazione della sig.ra Giaccari in se è giusta, non c’è nulla da eccepire, tuttavia la sua intransigente presa di posizione scadendo in una polemica che non ha nessun fine costruttivo porta inevitabilmente a far perdere il  suo valore di suggerimento/critica alla sua segnalazione.

A mio parere, assumere i toni di condanna, di giudizio assoluto, verso un Associazione che ha avuto il merito di ricordare a tutti noi la tragica morte di Luca Muscella non è la strada migliore del dialogo costruttivo.

Eugenio Memmi

tuttocasarano@tin.it

 

 

     

 

 

 

               

 
Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare. Federico Fellini

 

Free Tibet

 

 

 

 12/12/08 Procure contro e Pd nei guai.

Di Anselmo Ciuffoletti

 

 

 12/12/08 Centrali a punta di spada.

Di Gianni Bellisario

 

 

 12/12/08 Le facce della paura.

Di Antonio Memmi

1 commento

 

 

 11/12/08 La volpe e i leone.

Di Paolo Memmi

3 commenti

 

 

 10/12/08 Zorro.

Di Marco Travaglio

 

http://www.pieroricca.org/

 

 

2000 - 2008 www.tuttocasarano.it All rights reserved.