TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

 

 

 

 

 

 

Neviano - via Roma 46 - 0836-1956126 0

  Home page

   La vita Politica

  Lo sport

  Cultura

  Tutto città

   Informazioni turistiche

    scrivici

  oggi vi segnaliamo il blog: genitori scuola salento

Forza nuova o forza vecchia?

 

 

Di Ilenia De Matteis

superile88@libero.it

Casarano, 08/05/2008

 

E' stato dichiarato morto ieri pomeriggio Nicola Tommasoli, il 29enne aggredito giovedì scorso a Verona,  da un gruppo di naziskin, si legge in un bollettino medico diffuso nel tardo pomeriggio.

Morto per una sigaretta, senza colpa, per mano di cinque ventenni.

Il fenomeno ha radici profonde e lontane nel tempo. Queste radici si sono nel tempo rinvigorite ed hanno trovato nuovi modi di comunicazione più sotterranei e per questo incontrollabili. Sappiamo oggi che la maggior parte delle informazioni legate a questa sub-cultura viaggia e prolifera su internet. La rete nella sua vastità permette ai vari movimenti (sia di estrema destra che estrema sinistra) e gruppi nazi-fascisti di rimanere in continuo contatto, dando vita ad un network mondiale. Su siti dai nomi espliciti è possibile conoscere i luoghi di ritrovo, i concerti e le produzioni discografiche. Su questi siti vengono propagandate teorie negazioniste, visioni xenofobe, esoterismi assortiti e misticismo, proclami su razza, eroismo, onore, orgoglio e patria.

A livello nazionale trovano rappresentanza nel partito di Forza Nuova.

Io spesso mi chiedo, quali sono i motivi che danno linfa ad un partito che è stato definito neo-fascista in un paese come il nostro che ha riconosciuto il Fascismo come anti-costituzionale. Per chi non avesse seguito la campagna elettorale uno dei punti parlava dell’ abrogazione della legge Mancino che sanziona l'utilizzo di simbologie politiche riconducibili all’ estrema destra della seconda guerra mondiale e all'odio razziale (ad esempio svastiche ecc).

A Casarano il fenomeno Forza Nuova sta andando via via espandendosi, seguito da molti miei coetanei che non hanno completa contezza dei motivi che li hanno portati a scegliere questo partito.

Sono persone che criticano quello che fanno gli estremisti di sinistra, con molta ipocrisia, in quanto si comportano allo steso modo, hanno passatempi molto simili,  con la differenza che le persone che seguono musica e/o credi punk, rock, reggae mostrano i loro comportamenti e abitudini dinanzi agli occhi di tutti (che forse a volte può risultare sgradevole),mentre loro le fanno di nascosto, in quanto dovendo fare finta di essere “ragazzi per bene” non possono farsi notare da nessuno.

Hanno paura della diversità, non riescono ad assumere un atteggiamento positivo nei confronti dell’ emarginato, o dell’ immigrato, e quando devono necessariamente scontrarsi preferiscono farlo con la violenza piuttosto che verbalmente.

Chiedo a tutti voi di illustrarmi le ragioni per le quali questi gruppi hanno motivo di esistere, perché è un dubbio che mi assale ogni volta che trovo a confrontarmi con componenti di questi gruppi e con chi crede in queste ideologie.

 

11/05/08 Andando ad analizzare approfonditamente la situazione riguardo all'ingerenza della nuova destra si può capire bene che il mondo di internet non è che un piccolo sassolino nella galassia fascista e in ciò che la tiene in vita.
I problemi veri vanno ricercati più a fondo nella società e nella storia.
L'illusione di aver cancellato il fascismo alla fine della seconda guerra mondiale è uno dei motivi principali che ci porta oggi a confrontarci con questa realtà. Subito dopo il crollo del regime molti ex-fascisti hanno deciso di riciclarsi come democratici, chi dentro la DC, chi nei liberali. L'incapacità da parte della dirigenza del PCI di portare a termine quella che era una vera e propria rivoluzione ha permesso a questa gentaglia di trovare spazio addirittura all'interno dei Comitati di Liberazione Nazionale.
Questo cancro ha gestito la società italiana fino ad oggi, modificando la propria visibilità in base alle esigenze (negli anni 50 e 80 nascondendo il proprio terreno ideologico, negli anni 70 ed oggi palesandolo più chiaramente).
Un altro motivo essenziale a farci capire come mai oggi la loro arroganza sia aumentata è quello della mancanza di una sinistra forte, capace di contrastare nella società l'ideologia fascista, offrendo proposte radicali e chiare al movimento operaio e studentesco.
Il vestito di cui si servono queste ideologie non è solo quello di Forza nuova, ma anche quello de la Destra, della Lega e in larga parte anche del PdL. Nemmeno il PD è esente da responsabilità dato che lo stesso Veltroni ha affidato da sindaco di Roma un centro sociale ai fascisti.
Le aggressioni aumentano ogni giorno di più, nel Veneto, a Roma, ma anche in città di "sinistra come Bologna.
L'unica alternativa a questa deriva razzista e reazionaria non è rinchiuderci nelle nostre case, ma aprirci alla collettività, renderci visibili, ricostruire una sinistrra forte che riesca a dare delle risposte e gridare "Non ci avrete mai come volete voi". Solo così possiamo fermare queste eruzioni animalesche.
Al lavoro!!!

Emanuele Miraglia

emanuele86mir@hotmail.it

 

 

 

13/05/08 Vorrei rispondere al sig.Emanuele Miraglia più che alla sig.Ilenia De Matteis.
Il problema del riciclaggio politico se esiste, esiste per tutti.I vecchi comunisti, marxisti,leninisti e chi più ne ha più ne metta, sono cofluiti nei vari pds-pd-arcobaleni-rifondaioli-margheritoni-verdi,dipietristi  ecc.
Se poi ti interessa, sappi che la gentaglia si trova ovunque, anche dall’altra parte.
Io di politica non me ne intendo, ma mi sbaglio o abbiamo avuto in parlamento un rappresentante dei no global?
Sempre se non erro. Non credo che si possa definire fascista.
Purtroppo ci sono persone che vedono le cose con i paraocchi, e non ammettono la sconfitta politica.
Perché a questo punto bisogna decidere: in paese democratico (quale noi diciamo di essere) chi ha ragione, chi vince le elezioni o chi le perde?
Ma siamo sempre convinti che i peggiori sono gli altri e gli onesti e i puliti siamo noi?
Poi vorrei ricordarti un ultima cosa:se davvero ci fossero dei fascisti al governo, le pene giudiziarie verrebbero tutte rispettate e non indultate.
Intelligenti pauca!!!!!
Saluti

Rocco De Maria

roccoluigi.demaria@tin.it

 

 

 

14/05/08 Caro Rocco mi spieghi come fai ad essere così inetto davanti ad un fatto così sconcertante come quello che Ilenia
ci porta all'attenzione, abbiamo davanti, un ragazzo di 25 anni morto per aver rifiutato di dare una sigaretta, abbiamo davanti
una sconsiderata deriva nell'estrema destra di una stragrante percentuale di ragazzi compresi tra i 14 e i 20 anni, etu che fai?????
pensi a discutere con Emanuele sul riciclaggio politico di vermi travestiti da uomini, pensi ancora a rimarcare il fatto che la sinistra ha perso le elezioni e che non ha il coraggio di ammettere la sconfitta, anzichè da uomo di destra, mi auguro democratico, mi aspettavo che descrivessi il tuo parere con uno sguardo diverso magari, ma si spera pur sempre costruttivo, sull'argomento, a " noi " interessa sapere cosa ne pensate voi di questi orribili fatti, a " noi " interessa sapere se ai vostri figli avete mai parlato in maniera negativa del fascismo come sicuramente invece avete fatto con il comunismo, " tralasciando il fatto che volontariamente scambiate lo stalinismo, condannato apertamente da tutti noi con il comunismo ".
 " noi " vogliamo capire chi insegna a questi ragazzi la violenza verso il  " diverso ideologico " e il " diverso " in generale, chi riempie il cervello a questi ragazzi di pattumiera storica???, " noi " ci teniamo a capire perchè un ragazzo di 14 anni deve arrivare a bruciare i capelli ad un suo coetanio, per farci accorgere che quì qualcosa comincia a non andare nel verso giusto, la polizia ha trovato sia in camera che nel computer di questo ragazzo, una miriade di file a scopo NAZIFASCISTA..." noi " ci chiediamo semplicemente dove erano i genitori di questo ragazzo quando questi appendeva la svastica in camera??? a 14 anni si può essere da soli consapevoli di un mondo politico-storico così radicale??? perchè ci sono ancora persone di destra come te che pensano a marcare la sconfitta " a mio parere meritata " della sinistra e non hanno il coraggio di affrontare la deriva in una destra violenta e xenofoba dei " vostri ragazzi "???

Caro Rocco, smettila di comportarti come uno scolaretto a cui hanno tolto il fiocchetto, quì servono pensieri, opinioni, idee, pareri, e non litigi o rimproveri da prima elementare!!! 

Cordiali saluti

Omar Sarcinella

ombradelvento@alice.it  

 

 

 

14/05/08 Vedo che l'argomento "nuovo fascismo" solleva spesso la discussione nel sito, non so bene se più per consapevolezza del problema o se per nuova linfa del problema stesso a Casarano. Probabilmente, però, la questione riguarda solo una radicalizzazione del quadro politico dovuta all'imminente crisi economica. Come la storia insegna in questi periodi avvengono i più drastici sconvolgimenti della storia: guerre, fascismi, populismi esasperati, ma anche rivoluzioni. Sta al fattore soggettivo della storia, a Noi, segnare la strada del futuro.
Per quanto riguarda il Sig. De Maria (mi rivolgo formalmente per rispetto, ma preferirei che potessimo parlarci liberi da vincoli formali) rispondo non per accettare le provocazioni che lui pone, ma solo perchè ritengo che sia sempre opportuno affrontare le questioni con un confronto DIALETTICO e POLITICO.
 
 1 Per quanto riguarda la candidatura di un no-global (termine per altro inappropriato) credo che sia stato un errore da un punto di vista politico per il mio partito, in quanto seguendo queste tendenze si è allontanato dalla sua base naturale, quella dei lavoratori e della lotta di classe, immischiandosi in terreni assai meno politici. Penso che il terreno della lotta di classe debba essere ripreso nel partito al più presto possibile.
Detto ciò non è in alcun modo possibile paragonare la critica politica che può essere mossa nei confronti di Caruso con il rifiuto, che deve essere categorico e imprescindibile, di ogni ideologia fascista, razzista, xenofoba e di quanti di questa ideologia si fanno portatori. L'affronto alle libertà essenziali delle persone, la volontà di riportare alla luce tendenze dittatoriali o quantomeno altamente populiste non sono argomenti a cui si può lasciare spazio. La libertà di espressione non può pretendere di camminare sulle libertà altrui. E' necessario fare terra bruciata intorno a questi ambienti ricostruendo la militanza nel sociale, combattendo ogni forma di disagio a partire da una nuova visione rivoluzionaria.
 2 Chi porta avanti nelle istituzioni l'ideologia violenta del fascismo deve sentirsi responsabile dell'omicidio di Verona e delle centinaia di aggressioni al "diverso" perpetrate ogni anno in tutta Italia. La violenza gli appartiene. Se ne assumano le responsabilità.
 3 Viviamo in uno stato in cui governa un sistema di democrazia rappresentativa di tipo borghese, che porta al suo interno i pregi e i difetti della borghesia stessa. Tra i difetti vi è anche quello di poter crollare da un giorno all'altro nelle mani del populismo, che diviene arma della borghesia nei suoi momenti di crisi. Compito di ogni comunista deve essere impedire tali derive autoritarie, ma anche e soprattutto creare un futuro in cui vige una vera democrazia operaia verso la distruzione delle divisioni d classe.
 4 Per quanto riguarda l'onestà in politica ti parlo per esperienza (nonostante i miei 22 anni ne ho già abbastanza alle spalle).
Se non fossi mosso dall'onestà politica cosa potrebbe spingermi nella mia attività nella speranza in un futuro libero dai mali che lo affliggono, spendendo il mio tempo tra Bologna e Casarano?
Ogni giorno vedo decine di Compagni che si offrono alla causa in cui credono senza personalismi all'interno dei luoghi di lavoro e di studio e questa militanza la fanno nel PRC. Come potrebbero senza l'onestà e la trasparenza che gli riempiono la testa ed il cuore?
 
Saluti a tutti! Anche a chi non sa cosa sia il fascismo,perchè si può sempre imparare.

Emanuele Miraglia

emanuele86mir@hotmail.it

 

 

 

14/05/08 Carissimi tutti che siete intervenuti in questo dibattito dal titolo "Forza Nuova o Forza Vecchia?", sono estremamente stupefatto, da come si possano travisare degli eventi storici, legati ad un atto di delinquenza di un gruppo di scalmanati, perpetrato ai danni di un giovane che come colpa ha solo quella di non aver offerto una sigaretta!

Il fatto successo non è grave ma gravissimo e sicuramente non siamo noi a poter emettere una sentenza e dare colpa a destra e a sinistra.

Io sono convinto di una cosa, che mi è stata insegnata dai miei genitori e da chi in età giovanile mi è stato vicino, mi è stato sempre detto di avere il massimo rispetto di tutte le persone anche dell'ultimo del mondo, premetto che non ho 20 anni, ma quasi il doppio e comunque il nostro motto era studiare a scuola ed imparare dalla strada, questo perché forse all'epoca della mia gioventù si poteva ancora fare in quanto se facevi qualcosa che andava fuori le regole, ancora dovevi rientrare a casa che già lo sapevano e ti menavano.

Oggi tutto questo non è possibile, forse anche dovuto al fatto che sono cambiate molte cose. La maggior parte di voi sicuramente non ricorda le "BACCHETTATE" prese nelle scuole elementari, eppure all'epoca a nessun genitore veniva in mente di denunciare la maestra, idem per le scuole medie e idem per le superiori, cambiavano i mezzi ma se sbagliavi o mancavi di rispetto all'insegnante volavano le sberle.

Oggi tutto è permesso, mistificato dalla parola "è un mio diritto" e dimenticando molto spesso la parola "è un mio dovere".

Tornando su alcuni commenti riferiti all'era del fascismo, ed in particolare ad un affermazione per me offensiva, in quanto indirettamente si da dell'ignorante a chi non la pensa come lui, posso solo consigliare a questa persona di non confondere il fascismo con il nazi-fascismo, che sono due cose completamente diverse e nate in due epoche ben distanti l'una dall'altra.

Al Signor Miraglia, voglio solo ricordare che se oggi in tutte le case abbiamo questo bene prezioso che è l'acqua, lo dobbiamo ad un illustre statista chiamato Benito Mussolini, che ha creato anche l'acquedotto pugliese, opera imponente che termina per quanto riguarda la nostra regione a Santa Maria di Leuca.

Vorrei sempre ricordare al Signor Miraglia, che durante l'era del fascismo si sono fatte delle opere pubbliche ad oggi impensabili o quanto meno non realizzabili, per via della burocrazia che regna sovrana e che nell'era dei governi DC e di centro/sinistra è andata sempre ad aumentare.

Tornando al periodo storico ricordo al Signor Miraglia, la bonifica della zona della pontina, l'edificazione della città di Littoria (ora Latina) e di tutte le zone circostanti, ivi comprese Sabaudia, Pontinia ed altre.

Sempre questo signore chiamato Benito Mussolini, ha creato l'Anas, L' I.R.I. , l' I.M.I. , l' I.N.P.S. , il CONI e tantissime altre cose di cui noi tutti oggi beneficiamo, solo che è più comodo denigrare tutto quello di buono che è stato fatto sotto il nome di "FASCISTI".

Io sono di destra e sono orgoglioso di esserlo, ovviamente non vado a menare uno se non mi offre una sigaretta o comunque non gli do fuoco ai capelli, questo perche non rientra nell'ideologia della destra o dei fascisti come preferite chiamarli in questa discussione.

Carissimo signor Miraglia, credo che dovrebbe informarsi lei sul significato di "FASCISMO" e su tutto quello che è stato fatto in quegli anni, è ovvio che come in tutti i governi si fanno delle cose giuste e delle cose sbagliate, anche oggi succede questo, con l'unica fortuna che non siamo in guerra perchè credo che se malauguratamente tra mille anni dovesse scoppiare un conflitto mondiale, si commetterebbero gli stessi errori di alleanze sbagliate, con risultati più catastrofici di quelli accaduti 60 anni addietro.

Pur essendo di destra, non ho nessun problema a riconoscere le battaglie che hanno fatto migliaia di lavoratori di sinistra insieme ai rappresentanti politici per avere pari diritti in ambito lavorativo, ma cronaca di qualche anno addietro ci porta a vedere due illustri professori D'Antona e Biagi, colpevoli del fatto di essere tecnici di due governi di diverso colore, che lavoravano su una legge giusta o sbagliata che sia per modernizzare il mondo del lavoro. A compiere quest'atto delittuoso erano dei Brigatisti Rossi, sicuramente non fascisti.

Non volendo polemizzare ancora su questi fatti orrendi, cronaca di qualche anno addietro ci porta al G8 di Genova, dove alcuni manifestanti pacifisti a volto coperto, lanciavano di tutto contro le forze dell'ordine mettendo a ferro e fuoco tutta la città e quando ci scappa il morto, che pacificamente e a volto coperto lanciava un estintore contro un dei carabinieri, ci ritroviamo con un carabiniere sospese ed un manifestante pacifista a cui credo tra qualche anno verrà chiesta la beatificazione.

Anch'io ho manifestato, ma con una piccola differenza, ho sempre partecipato a volto scoperto e le mani erano libere da qualsiasi tipo di oggetto che potrebbe compromettere la mia partecipazione alla manifestazione.

Ora se dobbiamo analizzare la storia ed i fatti accaduti, facciamolo a destra e a sinistra ma con molta razionalita.

Le teste calde purtroppo si trovano sia da una parte che dall'altra, cerchiamo di essere meno faziosi.

Tornando al gravissimo episodio in cui ha perso la vita un ragazzo di 25 anni, non posso che confidare in una giustizia (laddove ci sia, visto che preferiamo svuotare le carceri piuttosto che costruirne di nuove) che tenga conto della gravità del fatto e che non si perda nei meandri dei codici e delle leggi sul recupero sociale di certi individui.

Per me l'unico recupero è quello di far scontare tutta la pena in galera, solo in questo modo privandoli della libertà potranno capire cosa significa privare della vita un'altro individuo.

Chi sbaglia è giusto che paghi, a prescindere dall'orientamento politico.

Con questo concludo e ovviamente mi aspetterò decine di commenti.

Saluti.

Toma &.M.

toma@virgilio.it

 

 

Grazie per la tua lettera, tuttavia una bella riflessione come la tua perde di autenticità, e di coerenza, perchè non hai firmato per intero il tuo intervento. Hai paura che si sappia che sei di destra? Compimenti comunque.

Eugenio Memmi

 

 

 

17/05/08 Vorrei commentare le risposte al mio articolo. Oltre ai commenti pubblici, ho ricevuto molte e-mail in privato riguardo quanto scritto sopra. Chiedo a tutti se per voi dire "Fascismo", e dire "nazi-Fascismo" sia la stessa cosa; il mio articolo faceva riferimento a quest' ultimo, molto chiaramente. Avevo posto un quesito molto diverso. Non ho chiesto a nessuno di raccontarmi cos' ha fatto Mussolini durante la sua dittatura, nè tanto meno ho espresso pareri politici. Io sinceramente ho delle idee politiche, che non vado a ricercare nella storia. La storia è importante per capire gli errori e le scelte giuste, nessuno lo mette in dubbio, però ggi non esistono più il Fascismo, il Comunismo, la DC, il PCI, e via dicendo. Basta con i luoghi comuni, i tempi sono cambiati nel caso nessuno se ne fosse reso conto.
Ilenia De Matteis

superile88@libero.it

 

 

20/05/08 L'argomento continua a smuovere gli animi.
Chiarisco solo alcune cose.
1 La "sigaretta" a Verona è stata solo una sporca scusa per poter avvicinare la vittima prima dell'assalto animalesco.
Era successa già altre volte la stessa situazione contro immigrati, ragazzi di centri sociali e gay.
Era già scappato il morto alcuni anni fa, ma quella volta era un immigrato e non fece molto scalpore.
L'azione di Verona è un' azione "politica", nel senso che ha dei moventi e delle radici politiche e ciò sarebbe innegabile se solo si andasse ad esplorare la storia di queste bestie.
2 E' quantomeno ipocrita separare queste crescenti azioni violente dal clima di terrore, odio, disprezzo ed inettitudine portato avanti dalle destre in Italia. E' ipocrita pensare che le richieste di cannonate sulle navi degli immigrati, che gli sgomberi coatti dei campi rom, che la ghettizzazione del diverso, che le ingerenze del fondamnetalismo cattolico per quanto riguarda i diritti civili non abbiano influenzato la nostra società sino a portarla nel baratro della follia.
3 La politica è storia. Senza una chiara analisi della storia del mondo non possiamo pretendere di cambiare il mondo stesso. Le nostre radici sono nel passato e dobbiamo conoscerle fino in fondo se vogliamo tendere al cielo del futuro.
4 Se il comunismo è morto bisogna andare a chiederlo ai lavoratori pakistani, venezuelani, boliviani,... che nel comunismo stanno trovando la via d'uscita dall'oppressione e ci indicano, dalla loro posizione di ultimi della terra, la strada.
5 non credo che "tutti in linea a ricevere le bacchettate sulle mani e le sberle" sia la soluzione migliore. Quelle che vengono poste come alternative rette dalla disciplina (?) non avevano alcuna base pedagogica e non riuscivano in alcun modo a risvegliare lo spirito creativo degli studenti e la loro forza vitale. Andare a chiedere ad autistici e dislessici! Io stesso non sono cresciuto nella scuola delle concessioni, ma non è certo la parte migliore di me quella che mi porto dietro dalla scuola del rigore.
6 Interrogare la propria coscienza politica mettendo in dubbio le proprie concezioni è sempre una cosa positiva, ma non bisogna mai sostituire ciò che si fa e si pensa con idee e concetti ancor più poveri di risposte (a Marx non riesco a sostituire Veltroni ... e neanche Vendola ad essere sinceri). Il nuovo deve essere evoluzione e non disfacimento.
7 Il fenomeno carceri è un problema molto complesso e non ho esitazioni a dire che gli assassini di Verona, come anche molti nostri politici-mafiosi andrebbero rinchiusi lì dentro per ridurre i problemi della società. E' vero anche che le nostre carceri sono pieni di poveracci, colpevoli solo di essere immigrati irregolari o tossicodipendenti. Le persone che vivono in carcere sono esseri umani e la funzione delle carceri stesse dovrebbe essere quella del recupero delle persone e non della punizione (il punire è un compito che spetta al divino ... se esiste). Cesare Beccaria andrebbe riletto un po' meglio, perchè, fieri delle radici italiane, spesso dimentichiamo i nostri geni. Il problema delle carceri è serio e andrebbe affrontato con altrettanta serietà; non basta dire a cuor leggero "costruiamo più carceri".
 
Purtroppo il mezzo di internet è un po' deficente nel riuscire in una discussione capace di sciogliere tutti i nodi, ma per chi è costretto dallo studio in terre lontane è il modo migliore per partecipare alla vita del proprio paese. Appena possibile, però, sarebbe interessante incontrarsi per chiarire al meglio.
Saluti
Emanuele Miraglia

emanuele86mir@hotmail.it

 

 

 

20/05/08 Caro Eugenio, curatore e spero moderatore del sito, vorrei rispondere al signor omar sarcinella (volutamente in piccolo). Non mi risulta che nel mio intervento abbia offeso nessuno. Lui invece mi ha offeso. Vorrei dirgli , prima di offendere le persone di imparare a conoscerle.
Purtroppo omar, non hai capito il mio intervento, te lo rispiego, come  fa uno scolaretto,che comunque le scuole le ha frequentate, si è diplomato, non è stato mai raccomandato e quant’altro.
La gentaglia si trova a destra e a sinistra.Tu vedi solo quella di destra e ti dispiace  quanto c’è di mezzo quella di sinstra, o per lo meno, non gradisci che te lo dicano.
Attualmente, ma non c’è niente di male, devi rassegnarti a non vedere bandiere rosse(non se ne trovano in giro), se proprio vuoi vederle sventolare, devi andare a Maranello. Inoltre il termine “inetto”
lo restituisco al mittente aggiungendo anche un “vergognati” perché come ho detto all’inizio di questo mio intervento non puoi giudicare le persone senza conoscerle.
Comunque se vuoi sapere un piccola differenze tra destra è sinistra la riscontri in Veltroni che ha detto che non deve esistere il reato di immigrazione clandestina.(boh)
Se ti va bene allore VENGHINO SIGNORI VENGHINO. HAI CAPITO PERCHE’ HAI PERSO LE ELEZIONI? 
Saluti
Rocco De Maria

roccoluigi.demaria@tin.it

 

 

 

 

22/05/08 Cara Ilenia e tutti voi che avete partecipato al dibattito, personalmente mi intendo poco di politica per cui preferisco non parlare di quello che è stato il fascismo e il comunismo e di quello che hanno prodotto nel bene e nel male. 

Ciò che più mi preoccupa e che dovrebbe farci riflettere un pò tutti, è che alla base di alcuni episodi a volte tragici (come la morte del povero Nicola), a volte meno tragici ma pur sempre gravi ci sia un allontanamento da alcuni importanti valori che dovrebbero essere il punto di riferimento nella vita quotidiana di ognuno di noi, a prescindere dalla propria appartenenza politica o dal proprio credo religioso.

Giuseppe Cavalera

giuseppecavalera@gmail.com

 

 

 

 

23/05/08 I miei amici caro Rocco mi suggeriscono di non rispondere più ai tuoi interventi, perchè è tutto inutile, e a quanto pare devo dargli ragione, per il semplice motivo, che ancora una volta non hai risposto alle domande che si leggevano nell'intervento di Ilenia, te ne esci ancora con la sconfitta della sinistra, te ne esci che io non accetto che mi si dica che la gentaglia purtroppo c'è anche a sinistra, quando tale gentaglia nel precedente intervento io la chiamo "vermi travestiti da uomini", te ne esci con la questione dello sventolare bandiere rosse, accosti Veltroni alla sinistra, quando questo signore è più democristiano di Andreotti!!! perchè fai finta di non udire, perchè non riesci a rispondere in maniera oculata e costruttiva a tutte quelle domande che ti ho scritto nel precedente intervento, forse pretendo troppo, o semplicemente devo dare ragione ai miei amici...per un discorso costruttivo bisogna essere in due!!!

E comunque caro Rocco...     " L'ignoranza non scompare con la sola istruzione, se ne andrà solo con il cambiamento nel nostro modo di pensare "    ( Mohandhas Karamchand Gandhi )

Cordiali saluti

Omar Sarcinella

ombradelvento@alice.it

 

 

 

 

25/05/08 Ultima risposta per omar sarcinella (sempre volutamante in piccolo). Dal  mio primo intervento su questo argomento, io avevo risposto al sig. Miraglia, poi ti sei intromesso tu ed hai cominciato ad offendermi, per forza di cose ho dovuto replicare.
Comunque mi fa piacere che i tuoi amici ti abbiamo detto che non merito risposta, questo mi ha capire quanto il tuo piccolissimo cervello sia pilotato da altri.
Perciò chiudo con questa considerazione:IL SILENZIO E' LA MIGLIORE RISPOSTA QUANDO SI SENTE UN'IDIOZIA.
Saluti.
P.s.:Nemmeno a Monaco si sono viste sventolare bandiere rosse, ha vinto HAMILTON

Rocco De Maria

roccoluigi.demaria@tin.it

 

 

 
 


 

 


 

Vasco Rossi - Basta Poco

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 www.tuttocasarano.it 

              

 
Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare. Federico Fellini

 

Free Tibet

 

www.astronomiacasarano.it

 

Percorsi d'Arte è in Via Matino, vieni a trovarci

 

 

  07/05/08 Trasparenza. (inserita nuova precisazione)

Di Enzo Schiavano

 

 

  04/05/08 Ciao mia Casarano.

Di Antonio Aradeo (2 commenti)

 

 

  02/05/08 Una riflessione sulle recente sconfitta nelle elezioni da parte del PD

 

 

  01/05/08 Valori persi. Di Ilenia De Matteis

 

 

  29/04/08 Premio Internazionale Torre di Belloluogo Alla Memoria Giuseppina Pasqualino, in arte Pippa Bacca

 

 

  28/04/08 28 Aprile, anniversario di Santa Gianna Beretta Molla

 

 

  27/04/08 Padre Pio: un umile santo nell'era della mercificazione.

Di Concetta Centonze

 

 

  26/04/08 127.000 gli aborti in Italia, secondo il Ministero della Salute
 

 

  26/04/08 La Nobel e le Bestie. Di Marco Travaglio

 

 

  25/04/08 Stadio Capozza da ristrutturare, non sarebbe meglio farne uno nuovo e fuori dalla città?

Di Giuseppe D'Astore

 

   

  24/04/07 Muore a Roma in un incidente stradale Maurizio Pennetta. L'amica Antonella lo ricorda

 

 

http://www.pieroricca.org/

 

 

2000 - 2008 www.tuttocasarano.it All rights reserved.