Il piacere puo' fondarsi sull'illusione, ma la felicita' riposa sulla verita'  (Anonimo americano)

 

 

 

 

 TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

 

  Home page

   La vita Politica

  Lo sport

  Cultura

  Tutto città

   Informazioni turistiche

    scrivici

  oggi vi segnaliamo il blog: genitori scuola salento

Nuova illuminazione nel centro storico, giusto protestare, ma perchè solo ora?

 

 

 

Di William Ghilardi

william.ghilardi@googlemail.com

Stoccarda, 22/11/08

 

 
Carissimi,
non vorrei sembrarvi troppo pignolo e polemico, ma ve ne venite adesso ad organizzare manifestazioni di protesta contro quello che fa questa amministrazione?
Voglio dire a pochi mesi dalle elezioni?
E nei passati 10 anni?
Quante occasioni sono state perse?
E soprattutto, e´ mai possibile che questa giunta dalla sera alla mattina cambia il volto di una delle piazze piu´ importanti del centro storico senza che il consiglio comunale ne sia minimamente informato?

 

 

22/11/08 Che tutte le manifestazioni di questi mesi possano essere particolarmente motivate dalle prossime elezioni, comprese magari quelle di chi ti scrive ,mi pare logico "ipotizzarlo"!
Detto questo, due considerazioni :
- la prima d'ordine tecnico è che questi progetti non passano dal Consiglio Comunale , e difatti sono sicuro che nemmeno i consiglieri di maggioranza ne sono stati informati , perchè sono progetti nel PIS e determinati da giunta e dirigente ;
- la seconda è che il fatto di promuovere una manifestazione per una cosa giusta, che sia magari tardiva  non per questo esime di parteciparvi e rendere il proprio contributo,  perchè altrimenti per difetti di " metodo" si perde la sostanza delle cose e non si fa qualcosa che obiettivamente è sensata.
Terza ed ultima , è una riflessione : come sempre i progetti che ha coniato l'amministrazione non sono di per se stessi errati e quindi non se ne può fare una critica aprioristica ( come si sarebbe potuta criticare a priori P.zaz Diaz, Il PIT il PIS e l'abbattimento dell'inquinamento luminoso ; è nei fatti poi che invece si riscontrano delle cacate!
Questo perchè , le ditte sono scelte a cavolo i progettisti esecutivi idem , e perchè poi alla fine il risultato che fa vergognare di essere casranesi , non importa certo agli amministratori che non hanno dignità di essere di Casarano e vedremo quanto interessano ai Casaranesi !
Ciao

Francesco Ferrari

Capogruppo consiliare UDC

studioferrari66@libero.it  

 

 

 

24/11/08 Grazie per la puntualizzazione, caro avvocato
Apprendiamo quindi che il "parlamento" di Casarano puo´ venire di fatto esautorato da una funzione di controllo sull´esecutivo, perche´ (correggimi se sbaglio) a decidere su questa materia e´ una di queste sigle sfornate da questa amministrazione comunale.
A questo punto ti sarei eternamente grato se, da uomo di legge, potresti chiarire a tutti noi poveri ignoranti in materia il motivo per il quale esiste un consiglio comunale. Sarebbe piu´ semplice se una persona viene eletta sindaco, si sceglie i suoi collaboratori e quando alla cittadinanza qualcosa non sta bene si aspetta il periodo pre-elettorale per scendere in piazza a protestare... sarebbe tutto piu´ semplice, ti pare?
Anche perche´ questa pratica potrebbe di fatto applicarla qualunque sindaco, senza distinzione di lingua, religione, razza (albina o abbronzata) e opinioni politiche e personali...

William Ghilardi

william.ghilardi@googlemail.com

 

 

 

 

24/11/08 E' vero è un'anomalia antidemocratica.
Non ho la presunzione di spiegare il perchè, ma il Testo Unico Enti Locali ( D.leg.vo 267/2000) ha rivoluzionato il meccanismo amministrativo.
Ora qualunque sindaco, anche abbronzato ed albino, ha di fatto la possibilità di amministrare in proprio con giunta e dirigenti. Solo pochissime materie e circostanze richiedono l'intervento del Consiglio Comunale .
Ma paradossalmente proprio ciò rafforza il mio convincimento di dover portare in Consiglio donne e uomini di indipendenza e reale dignità personale . E cerco di esprimere il perchè. Infatti se i consiglieri che hanno fatto eleggere il sindaco , sono così privi di personalità politica e di coerenza personale e di dignità  e/o peggio sono legati al Sindaco da un rapporto che va al di là della politica ( favori , affari , ecc) accade che il Sindaco possa fare e disfare ciò che vuole tanto la maggioranza lo tiene sempre in piedi . Differentemente il Consiglio -nella parte di componenti dignitosi di maggioranza - se Sindaco , o Assessori , o Dirigenti sbagliano , dovrebbe aprire un duro confronto per il bene della collettività e mettere a repentaglio la stessa possibilità per Sindaco &. Co. di continuare a fare il porco comodo loro dando pessimi risultati alla città.
Ecco ancora un ulteriore motivo per cercare di iniettare consiglieri nuovi , fuori dalle linee di razza ed il  perchè ho proposto il meccanismo del candidato Sindaco  dimissionario da Consigliere qualora non dovesse essere eletto Sindaco.
Il TUEL interpretato come a Casarano ha comportato il pieno ed incondizionato potere in mano al Sindaco. E sai , per esperienza -come in monarchia- così come  può capitare il Sindaco buono e bravo, così può capitare altro uomo dotato di ben altre e differenti "qualità". Ci si può affidare ad un terno all'otto ?   
Ciao

Francesco Ferrari

Capogruppo consiliare UDC

studioferrari66@libero.it  

 


 

25/11/08 Proprio qui si nasconde il diavolo...
chi sarebbe disposto a candidare consiglieri "ribelli"? Probabilmente nessuno...
anche perche´ se poi al consigliere "ribelle" dovesse venire l´infelice idea di mettere in crisi la maggioranza, a pagarne le conseguenze sarebbero tutti quanti, ma soprattutto lui stesso, che a quel punto o ha le spalle moooolto forti (elettoralmente parlando) oppure una volta silurato non troverebbe nessuno disposto a "caricarselo"...
quindi gli conviene starsene zitto e buono.
Voglio dire, l´esperienza insegna... anche in questa maggioranza ci sono dei ribelli... solo, non abbastanza ribelli, a quanto pare... e comunque sembra stiano prendendo strade diverse da quelle intraprese dal loro partito di appartenenza... che per loro non ci sia piu´ posto?

Vorrei sbagliarmi, ma dubito che il nuovo "uomo forte" di palazzo dei Dominicani sapra´ essere diverso dal suo predecessore... benvenuti nella realta´, signore e signori...

Di questo ne riparleremo comunque....

William Ghilardi

william.ghilardi@googlemail.com

 

 

 

 

26/11/08 Intervengo nell’interessante dibattito tra William Ghilardi e Francesco Ferrari per fare una semplice considerazione. Il consigliere Ferrari ha ben spiegato i limitati poteri imposti dal Testo Unico al Consiglio Comunale e i condizionamenti che un sindaco può imporre alla sua maggioranza.

Dopo aver assistito a decine e decine di consigli comunali, mi sono fatto l’idea che i consiglieri di maggioranza si comportino come ha descritto il capogruppo dell’Udc perché non esiste un controllo diretto dei cittadini sul loro operato: non presenziano alle sedute consiliari, non verificano il voto dei loro rappresentanti e, di conseguenza, non ne chiedono conto.

Seguo la politica locale dal 1992 e posso testimoniare che solo quando le gradinate dell’aula consiliare erano piene di gente il dibattito politico si accendeva, diventava più appassionante e l’esito della votazione, spesso, risultava incerto.

Era evidente che in quelle circostanze i consiglieri comunali percepivano l’interesse dei cittadini. Se durante le sedute consiliari non c’è nessuno, è naturale che l’unico condizionamento che subiscono è quello della loro parte politica. Se il cittadino dimostra interesse ai problemi della città il consigliere di maggioranza può essere condizionato, perché si sente controllato.

Enzo Schiavano

enzo.schiavano@alice.it

 

 

 

 

26/11/08 Certo, Enzo... ci mancherebbe... quando la gente e´ li, cercano anche loro di fare la loro parte... devono pur far vedere di essere li´ per qualcosa, no?
E poi, diciamoci la verita´, la presenza di tanta gente in sala fa aumentare il livello di adrenalina nel sangue... questo e´ un fatto scientifico ampiamente dimostrato... quindi piu´ adrenalina, piu´ grinta e i conti tornano...
Io pero´, che sono uno che si fa poche illusioni su questa materia, vado oltre... e mi chiedo che cosa rimane di tutto quel "movimentato" discutere dopo che la seduta si e´ conclusa...
Credo che su questo punto il consigliere Ferrari sia stato anche troppo esplicito. Sono poche le materie dove il consiglio ha la sua da dire... molte di piu´ sono quelle dove Sindaco, Giunta e Dirigenti decidono da soli... quindi piu´ che una risatina "sotto i baffi" certe "movimentate" discussioni non possono fare...
Prendiamo un esempio molto pratico. Il bilancio. Deve passare per il consiglio e su questo punto ci sono stati un bel po´ di dolori de panza, qualche dimissione, minacce di crisi, addirittura di commissariamento un casino che la meta´ sarebbe anche avanzata, e poi alla fine? "Trionfa il senso di responsabilita´", e, al fine di evitare la crisi ci si chiude il naso e si ingoia...
morale della favola, c´era proprio bisogno di farla tanto lunga? Se poi alla fine volente o dolente li´ ti tocca???

William Ghilardi

william.ghilardi@googlemail.com

 

 

28/11/08 Gentile Eugenio, condivido perfettamente la linea del sig. Enzo Schiavano circa la mancata partecipazione dei cittadini ai consigli comunali.
Tale assenza è/potrebbe essere  motivata dal fatto che tali consigli vengono sistematicamente convocati di mattina quando la maggior parte di noi purtroppo ( o per fortuna  ) è impegnato con il proprio lavoro e le proprie occupazioni.
Mi risulta, che qualche tempo fa fu protocollata una richiesta da parte dei gruppi politici, indirizzata al presidente del consiglio comunale, con la quale si chiedeva la possibilità di convocare i consigli preferibilmente di sera, la quale, per ragioni sconosciute ai più è rimasta inspiegabilmente disattesa.
Altrettanto interessante  mi era sembrata la proposta del consigliere Amedeo SABATO, il quale proponeva una "messa in onda radiofonica" dei lavori del consiglio.
Si potrebbe, dunque,  pensare di iniziare ad avviare un percorso di avvicinamento dei cittadini di Casarano alla politica, iniziando dalla convocazione accessibile dei consigli stessi,  garantendo maggiore accesso alle discussioni che riguardano la comunità.
Fabio De Nuzzo

f.denuzzo@ngi.it


 

 

 

Vi segnaliamo il sito di Enrico, un cantautore di Casarano.
Vive tra Casarano e Roma.
Ha da poco realizzato lp "Oracoli e Miracoli",

contenente oltre al singolo anche due altre canzoni.
L'lp è in vendita anche su Itunes, spera di presentarlo presto in concerto a Casarano.

Ascoltarlo è semplicissimo, basta entrare nel suo spazio web:
 

www.enricocalabrese.it
www.myspace.com/calabreseenrico

 

 

               

 
Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare. Federico Fellini

 

Free Tibet

 

www.astronomiacasarano.it

 

 

 

  22/11/08 Buffonate a palazzo.

 Di Anselmo Ciuffoletti

 

 

  21/11/08 Dedicato a tutte le copie di Obama.

By ledicolantepazzo

 

 

  19/11/08 22 Novembre 2008 PUGLIA, Nardò: NO AL NUCLEARE.

Di Chiara Falcone

 

 

  18/11/08 Libertà di pensiero, l'essenza della democrazia.

Di Maria Teresa Bellante

 

 

  18/11/08 La seconda navigazione.

Di Gabriele Bastianutti

 

 

  17/11/08 Eluana vive.

Di Enrico Giuranno

 

 

  17/11/08 Elezioni amministrative 2008: un pensiero personale.

Di Giuseppe Coletta

 

 

  17/11/08 Lettera aperta sulla candidatura di Ivan De Masi. Di Paolo Memmi

 

http://www.pieroricca.org/

 

 

2000 - 2008 www.tuttocasarano.it All rights reserved.