TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

 

 

Per la pubblicità su www.tuttocasarano.it

scrivi a bannertuttocasarano@virgilio.it   

  Home page

   La vita Politica

  Lo sport

  Cultura

  Tutto città

   Informazioni turistiche

    scrivici

 

Io me ne frego! Io voglio!!!  

 

Di Simone Totaro

 slug_lot@hotmail.com

Casarano, 29/07/09

 

Sogno un mondo diverso.
Va bene non esageriamo, sognare è lecito ma solo ad occhi aperti. I sogni notturni muoiono all'alba, m'insegna un'amica.
Allora voglio "sognare realisticamente", ad occhi aperti, crederci davvero, quindi più che il sogno irrealizzabile voglio una sfrenata, presuntuosa ed arrogante ambizione.
Voglio una politica diversa, un modo di fare incentrato sul rispetto della gente, sulle opinioni altrui, sui confronti, sull'abbraccio delle emozioni e dei sentimenti dei comuni cittadini che desiderano sentirsi considerati, serviti da coloro che scelgono per guidarli e rappresentarli.
Voglio un partito diverso, un partito che non decida, che non faccia tutto da sè, con i vertici e i potentati: ma deleghi, incarichi, dia credito e fiducia.
Che ascolti la gente, che ascolti la cosiddetta base, che si faccia consigliare, ora il candidato principe, ora i nomi delle liste, ora le strategie, in ogni luogo in cui è situato, ascoltando le persone DEL LUOGO, per prendere decisioni che riguardano QUEL LUOGO.
Un partito che sembrava essere quello Democratico, ma come al solito i sinistroidi frustrati dal quel maledettissimo incubo che li attanaglia da 15 anni, hanno smentito e rinnegato i presunti buoni propositi per i quali avevano fondato il nuovo contenitore politico italiano.
Dovevano esserci le primarie per tutto, per i candidati sindaci, per i Presidenti di Provincia e Regione, persino per la Presidenza del Consiglio dei Ministri e per la segreteria dello stesso partito.

Poi inspiegabilmente si vede che da certe parti queste primarie si fanno, ma con regole deroghe e proroghe, e per questo alcuni abbandonano il partito perchè "traditi dallo stesso". Da altre parti si "calano dall'alto" i nomi e le strategie, e ANCHE IN QUESTO CASO, sempre i soliti abbandonano il partito, SEMPRE PERCHE' "traditi dallo stesso".
Avevo il sogno che potesse essere il PDL questo partito, il partito della libertà, dove libertà è un concetto evidentemente molto ristretto. Bene ho avuto la dimostrazione che questo è il partito del suo indiscusso Presidente, nato per sua volontà e "lucida follia", destinato a morire con lui, quando accadrà, fra una trentina d'anni (spero :D). Non potrà mai essere il PDL il partito che sogno, anzi che VOGLIO. Perchè, almeno per quanto riguarda me e la mia città, è gestita da un branco di giullari vassalli e servitori di un barone con le mestruazioni (mentali, of course) quotidiane piuttosto che mensili.
Allora vedo nascere partiti e partitini, movimenti e nuovi cartelli, insieme a vecchie rivendicazioni.
D'accordo, il territorio assume sempre maggiore importanza nella società odierna, vista la scomparsa delle ideologie e l'introduzione del federalismo.
Ma non basta, sappiamo che non basta, è tutto il solito fumo senza quell'agognato arrosto.
Bene non me ne frega niente dei partiti vecchi e nuovi, dei movimenti culturali o territoriali, da anni sostengo che la politica si debba fare e scegliere sugli uomini e questo, a quanto pare, deve continuare.
Me ne frego dei proclami e delle imposizioni dall'alto. Mi è capitato al Liceo, e questi politici mi ricordano proprio i peggiori professori della storia, coloro che non si rendevano conto di avere un privilegio unico, quello di insegnare ed educare "le giovani avide menti di domani" (John Nash, Premio Nobel per l'economia), coloro che pensavano che la loro laurea permettesse di usurpare e disintegrare la cattedra con la finalità di imporre il proprio pensiero e di elargire una superiorità inesistente. Quando l'unico compito assegnato loro è, al contrario, quello di far emergere ogni pensiero che si trovano di fronte.
Si, questi politici mi ricordano proprio quei professori, i miei nemici giurati (anche se, vista la proporzione numerica, sarebbe meglio dire che io sono il loro nemico giurato) e quindi dico con forza, arroganza e presunzione: me ne frego, e li voglio cambiare! Li voglio buttare via! Li voglio mandare a casa!
Basta tessere di partito, basta dinamiche politiche, bisogna scegliere con la testa e non più con il cuore, scegliere le persone e non le ideologie, altrimenti si rischia di sprofondare in un pozzo senza fondo.
Ho sempre sostenuto che la scuola fosse degli studenti, che i professori, i dirigenti ed i collaboratori fossero solo funzionali ed accessori ma mai indispensabili, al contrario proprio di noi che richiediamo il servizio dell'istruzione.
La politica è e deve essere così, VOGLIO che sia così: loro non sono indispensabili, sono utili, sono accessori, e devono ricordarsi che non sono padroni di castellacci che pullulano di giullari e vassalli, pronti ad accompagnarli nell'elargire ordini ai sudditi delle loro sconfinate terre.
Devono capire che i re siamo noi, e loro li scegliamo o come nostri sudditi per servirci, o come vassalli per farci guidare ed indirizzare o, perchè no?, a volte anche come giullari, perchè spesso non possiamo far altro che ridere. E loro sono i migliori per esaudire questo desiderio.
Voglio tutto questo, e farò di tutto per ottenerlo, perchè è questo l'ordine naturale delle cose, non quello che ci propinano ogni giorno.
E metterò tutto me stesso per ripristinarlo. Chiamatemi arrogante, chiamatemi folle, chiamatemi come volete. Io mi sentirò solo come l'uomo che sente d'avere il caos in sè, perchè vuole partorire una stella danzante. (Friedrich Wilhelm Nietzsche, filosofo).

PS. Auguri alla nuova giunta, in particolare a Giulia Tenuzzo.

____________________________________________________

 

29/07/09 Caro Eugenio ti scrivo queste poche righe, per puro sfogo personale. Io come tanti altri lettori del sito siamo stati tartassati durante tutta la campagna elettorale ( ed anche dopo ) dalle lettere e dai commenti del sig. Simone Totaro che ergendosi al ruolo di cavaliere del 21 secolo ha difeso a spada tratta le sua gentil donzella alias Francesca FERSINO. Le lodi verso la coerenza, la rettitudine e l' onestà di questa donna si sono sprecate, andando poi ad offendere chi aveva fatto un volta faccia, a suo dire, POCO DIGNITOSO.

Vorrei sapere se dopo li ultimi eventi questo signore ha deciso di emigrare da Casarano o si è sottoposto a qualche intervento per essere irriconoscibile. A mio parere è meglio fare un volta faccia quando i dadi sono ancora in movimento... anzichè salire sul carro dei vincitori dopo che essi ci hanno schiacciato. Il sig. Totaro dovrebbe imparare che ci si può fidare solo di noi stessi e non bruciarsi come ha fatto lui.

Saluti

De Donno Pietro

dedonnopie@alice.it 

 

 

 

29/07/09 Carissimo, non credo che a Simone Totaro si possa addossare qualche colpa, lui credeva nella sua leader, nelle sue battaglie, nelle sue idee, nel suo programma e di conseguenza con sana passione sosteneva Francesca Fersino. Mi sembra di capire da ciò che ha scritto il caro Simone, che la decisione di aderire ad IO SUD e l'ingresso nella coalizione di maggioranza sia stata una decisione presa dai vertici e poco discussa con la base..... da quì la sua cocente delusione. Mi sento di solo di incoraggiare questo ragazzo perchè non avrà visto la tanto desiderata partecipazione e condivisione che dovrebbe essere alla base della democrazia e dei partiti che la rappresentano. Io che sono un po più grande di lui, ho vissuto le sue stesse delusioni, in altre analoghe esperienze, e, devo constatare per l'ennesima volta, che nei partiti, il dialogo, la partecipazione è tutt'altro che presente, sono sempre i soliti che decidono, infischiandosene degli iscritti, decidendo per tutti. Simone lo ha capito sulla sua pelle, ha deciso che questo sistema non gli piace (e gli do ragione) e cercherà con tutte le sue forze di cambiarlo.

Non posso che essere d'accordo.

Un caro saluto a tutti

Eugenio Memmi

Tuttocasarano@tin.it

 

 


 

 

 

Via Pimmenthel: una zona da riqualificare

 

 

 

 

 

 

 

               

 

 

http://www.percorsidarte.org/

 

www.livingcasarano.it

 

 

 

Serve un altro miracolo...

 

 

 

26/07/09 Caro PD cittadino...

Di Giuseppe Cavalera

 

 

23/07/09 Stile = signorilità, eleganza!!!

Di Paolo Sabato

2 commenti

 

 

23/07/09 Un cono di pochi metri invece dei piloni: ecco l'eolico senza pale

 

 

21/07/09 Opportunità storica e vecchia caccia al potentato.

Di Simone Totaro

2 commenti

 

 

17/07/09  La pillola del giorno dopo è abortiva. L'obiezione di coscienza è quindi pienamente legittima

3 commenti

 

 

http://www.pieroricca.org/

 

 

 

 

2000 - 2009 www.tuttocasarano.it All rights reserved.