TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

domenica 11 ottobre

Percorsi d'Autunno

nelle piazze del centro

  Home page

   La vita Politica

  Lo sport

  Cultura

  Tutto città

   Informazioni turistiche

    scrivici

oggi vi segnaliamo il sito: http://www.tiamobastardo.com/  

"De Proponentia"

 

 

 

Di Marco Rocco Cavalera

maca2007@libero.it 

Casarano, 12 ottobre 2009

 

Non sono un esperto di economia, non mi interesso di finanza. Ho imparato soltanto che più cresce la richiesta, più diminuisce il prezzo oppure che se tra il compratore e il venditore non ci sono intermediari i costi sono limitati.

Ora in virtù di questo sistema perché non sviluppare un discorso che potrebbe sanare, un po’, la situazione della nostra città?

Perché non proporre agevolazioni sia fiscali, sia sociali al comune e ai cittadini tali da permettere l’assunzione di tutti i disoccupati per lavori che siano utili alla città e alle casse del comune?

Perché non assumere tutte queste persone che hanno bisogno, magari incentivandole con premi di produttività (più lavori, più ti pago), e assicurandoli con qualche tipo di contratto particolare che consenta loro benefici e non permetta di approfittarne: tipo cottimisti, giusto per intenderci ma con assunzione, contratto e contributi.

Magari vi farete due risate per le fandonie che scrivo, ma vorrei rendere bene l’idea che ho, tenendo presente che di economia sono come gli africani di fronte a un orologio.

Ci sono strade da rifare. Perché pagare ditte esterne, di chissà quale paese, che ti offrono il servizio per quattro soldi, sostituendo il catrame con la sabbia? Tanto loro non cammineranno su quelle strade, ma i cittadini di Casarano si!

Perché non ripristinare tutti i giardini, villa comunale e le aiuole della città, abbellendole e addobbandole in modo che i bambini possano andarci a giocare o gli adulti a trascorrere un po’ di tempo libero, magari mettendo un servizio d’ordine come quello dei parcheggi che non faccia verbali a caso anche se vai in farmacia per bisogno?

Perché non creare degli impianti sportivi, che non siano quelli che già “ci sono” dove si paga abbastanza e il servizio, per le condizioni in cui versano, è già tanto?

Perché non mettere degli addetti alla custodia di tutti i luoghi più frequentati visto che c’è poco rispetto da parte nostra verso tutto?

Purtroppo per cambiare la mentalità dei cittadini è un’impresa lunga una crociata, soprattutto se vediamo le nuove generazioni che crescono sotto le ali del disprezzo e del consumismo assoluto della precedente. Nulla è guadagnato, ma tutto è dovuto.

Anche mio padre mi ha dato quello che lui dal suo non ha mai avuto, ma non per questo ho considerato tutto inutile senza bisogno di guadagnarmelo.

Perché non fare un piano di traffico adatto a Casarano e non lasciato al suo destino come ora? Perché non chiudere il centro da piazza san Domenico a piazza Martiri Ungheresi, da via Roma al Sacro Cuore, i giorni prefestivi e le festività anche come un semplice sabato o domenica del mese? Non ci sarà gente la prima volta, forse anche la seconda, ma poi si camminerà con gusto per il paese.

Perché non mettersi d’accordo con forze dell’ordine, vigili urbani e quant’altro per ripristinare il centro storico e renderlo più percorribile, gustabile e civile con l’illuminazione adatta e con meno delinquenza?

Perché non si manda in giro un incaricato di tanto in tanto, a vedere se l’illuminazione pubblica funziona, se la spazzatura viene raccolta, se i cittadini rispettano le regole, se per tutti questi cani randagi, e non, sparsi per le strade non si potrebbe trovare una sistemazione più consona? Magari ci vorrebbe un vigile ma visto che sono in quattro su ventitremila (ne servirebbero almeno 20 altri che lavorino per strada) si può fare con ausiliari.

Rimango dell’opinione che se non si produce per il paese questo non troverà per sempre risorse a cui attingere per vivere di rendita. Se i cittadini lavorassero per la propria città si potrebbe creare una situazione di benessere generale.

Non è necessario spendere soldi per chiamare gruppi o gente esterna, ma con la collaborazione delle associazioni paesane (azioni cattoliche, scuole, gruppi musicali, gruppi sportivi, giovani, commercianti, volontariato, famiglie) costituite o da costituire, ci si potrebbe inventare di volta in volta qualcosa di nuovo.

Non bisogna solo criticare, condivido, ma proporre e soprattutto agire. È così che si costruiscono le basi per un futuro migliore?…Si spera.

__________________________________________________________________________

 

 

13/10/09 Ehm, mi scusi sig. Cavalera, comprendo benissimo che lei esordisca dicendo che non è un esperto di Economia e che non si interessa di Finanza ma a me risulta che più aumenta la richiesta (ossia la domanda), a parità d'offerta, il prezzo aumenta e non diminuisce come lei scrive.

Ho forse delle informazioni errate? Però forse mi sbaglio ...

saluti.

Salvatore Schito

malotu@email.it

 

 

 

13/10/09 sig. Schito, prendo il suo insegnamento in maniera umile senza indagare se è giusto ciò che dice.
Abbiamo studi  e percorsi studenteschi differenti e sicuramente lei nel suo è  indiscutibile.
Grazie per la correzione e mi scusi se l'ho urtata nell'esporre qualcosa di inesatto.
cordiali saluti.

Marco Rocco Cavalera

maca2007@libero.it 


 

 

Il Regalo Più Grande - Tiziano Ferro.

 

 

 

               

 

 

http://www.percorsidarte.org/

 

www.livingcasarano.it

 

Casarano

 

Domenica 18 ottobre

 

 

------------------------------

 

 

 09/10/09 Parcheggio selvaggio a Casarano.

Di Gianluca Memmi

 

 

 08/10/09 L'uso politico dei parcheggi per colpire Casciaro.

Di Marco Memmi

1 commento

 

 

08/10/09 Strisce gialle e nere.

Di Franca Memmi

 

 

 08/10/09 Un giorno in consiglio comnuale.

Di Antonio Fracasso

 

 

 

 

http://www.pieroricca.org/

 

 

 

 

2000 - 2009 www.tuttocasarano.it All rights reserved.