TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

 

 

 

TuttoCasarano cerca agente/agenzia  pubblicitaria

per info tuttocasarano@tin.it

  Home page

   La vita Politica

  Lo sport

  Cultura

  Tutto città

   Informazioni turistiche

    scrivici

oggi vi segnaliamo il sito: http://www.tiamobastardo.com/  

Quattro "MA"... sui parcheggi a pagamento

 

Di Roberto Spennato

robyspennato74@gmail.com

Casarano, 02/10/09

 

La foga con la quale l’amministrazione comunale di Casarano ha trattato il problema delle strisce blu non è stata certo buona consigliera al gruppo che si stringe intorno a IVAN DE MASI, sindaco della città.

Vi sono alcuni “ma” che ci sembra giusto proporre all’opinione pubblica e ai vertici della città, per una giusta e pacata riflessione.

“Ma numero 1”: L’articolo 7, comma 6 del codice della strada stabilisce che le aree destinate a parcheggio devono essere ubicate fuori dalla carreggiata e comunque in modo che i veicoli parcheggiati non ostacolino lo scorrimento del traffico. Questo in buona parte non è vero lungo via MATINO, ma anche su buona parte del percorso scelto. In pratica, questo articolo ci dice che le strisce blu parallele alla carreggiata non delimitate quindi all’inizio ed alla fine da appositi cordoli conglobati – ad esempio all’interno del marciapiedi – sono fuorilegge. Varie sentenze dei Giudici di Pace fanno testo per eventuali ricorsi (sentenza 16237 del 27 marzo 2006 del Giudice di Pace Romano di Roma, sentenze dei Giudici di Pace di Bari 1824/01, 27015/03, 16353/03, 30229/03 e 14338/04).

“Ma numero 2”: riguarda il disposto dell’art. 157 lettera f) del codice della strada che fa divieto all’automobilista di parcheggiare entro i 5 metri da un incrocio. Le nuove strisce in molti casi hanno dimenticato questo dettame giuridico, quindi chi parcheggia potrebbe pagare anche due volte, grattino e multa. Ma ciò potrebbe anche significare che a Casarano la legge non è la stessa di tutte le altre parti d’Italia.

“Ma numero 3”: l’articolo 7 del codice della strada prevede che i proventi derivanti dall’esercizio della sosta in ambito di strisce blu devono essere destinati alla costruzione di altri parcheggi, non conosciamo le determinazioni della delibera istitutiva di tutto quanto, ma sarebbe il caso fosse resa pubblica.

“Ma numero 4”: ancora articolo 7 codice della strada, comma 8, che prevede che nelle zone adiacenti a quelle individuate, bisogna aversi alternativa per la sosta libera. Tale obbligo è fatto salvo per le zone destinate ad area pedonale e zona a traffico limitato, fatto questo che a Casarano non pare sussistere, a meno che la citata delibera non nota, le preveda.

Crediamo che i quattro “ma” espressi, siano ben noti a chi di traffico lavora (Comandante della Polizia Municipale e delegato ai parcheggi che a Casarano è l’assessore DE MARCO), quindi una rinfrescata legislativa ed un tantino di buon senso non potranno che far rivedere il tutto, per buona pace dei cittadini.      

 


 

 

 

abbonamento a il fatto quotidiano

 

 

Lascia stare Biagio Antonacci

 

 

 

 

               

 

 

http://www.percorsidarte.org/

 

www.livingcasarano.it

 

Sabato 3 ottobre - ore 16.00

 

------------------------------------

o 17 - 27 settembre

------------------------------

 

 01/10/09 Il mio addio alla toga -Lettera al Presidente Napolitano.

Di Luigi De Magistris

 

 

 01/10/09 Non sopprimiamo il P.A.I.

Di Carmine Brigante

 

 

 28/09/09 Fuori.. la mafia dallo Stato. Di Francisco La Manna

 

 

 28/09/09 “Non sarà la Chiesa a farla finita con Berlusconi”. El País intervista Andrea Camilleri

 

 

 25/09/09 Piccoli appunti. Di Piergiorgio Caggiula

 

 

 22/09/09 "Annozero", l'ultimatum di Santoro
"Travaglio ci sarà, è irrinunciabile"

 

 

 19/09/09 Bagnasco: "Degrado politico e crisi
perché mancano progetti ed etica"

 

 

http://www.pieroricca.org/

 

 

 

 

2000 - 2009 www.tuttocasarano.it All rights reserved.