Il mondo è nelle mani di coloro che hanno il coraggio di sognare e di correre il rischio di vivere i propri sogni. (Paulo Coelho)

 

 

 

 

 TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

  Home page

   La vita Politica

  Lo sport

  Cultura

  Tutto città

   Informazioni turistiche

    scrivici

oggi vi segnaliamo il sito: http://www.tiamobastardo.com/  

Casarano, viale stazione

Una via per tre illustri salentini

 

 

di Matteo Gambettino

mgambettino@gmail.com

Casarano, 19 novembre 2009

 

Salve a tutti!

Oggi (ri)scrivo su tuttocasarano riguardo a una mia personale passione, la toponomastica. Sin da piccolissimo infatti ho avuto la curiosa abitudine di "indagare" sui personaggi, sulle città o sulle date cui sono intitolate vie e piazze varie; un po' più "cresciuto" ho avuto l'occasione di leggere con interesse le sane invettive del compianto architetto Pinuccio De Nuzzo contro alcune denominazioni (molto) discutibili. Sarà stato un caso ma nei mesi scorsi uno dei personaggi controversi cui mi riferisco, Nino Bixio (braccio destro di Garibaldi ma anche braccio armato nei fatti di Bronte e non solo), è stato cancellato dalla toponomastica casaranese per essere sostituito con il nome dell'educatrice Elisa Sansonetti, ancora oggi ricordata dai miei concittadini più grandicelli come una persona assai ricca di virtù.

Anche se mi rendo conto che possa sembrare un argomento secondario o comunque molto subordinato rispetto ad altre situazioni, la toponomastica, come ricorda giustamente la pagina di Wikipedia dedicata ai nomi di vie e piazze di Roma, può essere "uno dei modi interessanti e non banali di entrare in contatto con la storia di una città". Se si parla della toponomastica, e quindi della storia, casaranese come non ricordare le vie dedicate alle personalità illustri locali (Francesco Antonio Astore, Adele Lupo, Luigi Capozza, Francesco Ferrari, Salvatore De Matteis, Luigi Memmi, etc. oltre ai giardini comunali intitolati a William Ingrosso). Ripeto, dunque, essa può non essere un fatto banale se anche nei mesi scorsi sono divampate diverse polemiche sull'intenzione da parte del sindaco di Roma Alemanno di intitolare alcune strade della capitale a Craxi, Almirante, Fanfani e Berlinguer.

Fatte queste premesse, vorrei proporre i nomi di tre illustri salentini, tre personaggi diversi che in vario modo hanno dato lustro a questa terra e che vorrei si conoscessero meglio, anche tra le giovani generazioni e quindi tra i miei coetanei (ho ventuno anni...).

Partiamo con don Tonino Bello, infaticabile "costruttore di pace", nativo di Alessano, vescovo di Molfetta-Terlizzi-Giovinazzo-Ruvo, scomparso prematuramente nel 1993 a causa di un cancro, pochi mesi dopo un'esaltante e eccezionale missione di pace a Sarajevo, proprio sotto le bombe.

 

 

Il secondo nome è quello di Vittorio Bodini, nato a Bari nel 1914 ma leccese "doc". Bodini è stato un poeta straordinario, che come pochi ha parlato del Salento, dei suoi paesaggi e dei suoi abitanti con grande lucidità, cogliendo l'essenza di un Sud dai tratti mitici, tutto da scoprire. Un autore fin troppo sottovalutato, che andrebbe assolutamente studiato nelle scuole salentine.

 

Infine, Renata Fonte, consigliere comunale di Nardò e assassinata dalla mafia per il suo impegno a favore delle politiche ambientali, specie contro la lottizzazione di quel paradiso naturale che è Porto Selvaggio. Sarebbe un bel segnale intitolare una strada a Renata in una città che ha sofferto duramente il male della Sacra Corona Unita e in cui, non a caso, si è svolta la Giornata Nazionale contro le mafie il 21 marzo 2000.

 

Spero di non essermi dilungato troppo; credo però che dedicare delle strade o delle piazze o altri spazi a persone altamente meritevoli possa essere un piccolo segnale per riflettere sui loro meravigliosi percorsi umani e, un po' mutuando da Foscolo, credo che esse, attraverso questa minima "traccia", possano essere da esempio per tutti noi, per migliorarci ogni giorno, per riflettere e per esercitare una delle più importanti capacità a disposizione degli uomini, la memoria.

A presto.

Matteo Gambettino

 

A coloro che non contano niente (don Tonino Bello)

 

 

 

               

 

 

http://www.percorsidarte.org/

 

www.livingcasarano.it

 

 

 17/11/09 Luci di Natale.

Di Enrico Cacciatore

 

 

 15/11/09 A proposito della sentenza della Corte europea sui crocifissi.

(Comunione e Liberazione)

1 commento

 

 

 14/11/09 Lettera aperta all'assessore Marcello Torsello.

Di Rocco De Maria. Risponde l'ass. Marcello De Marco

 

 

 12/11/09 Modena: Sitcar. “Dal tetto non scendiamo”

 

 

 12/11/09 Le dieci domande formulate dal giornale "La Padania" a Berslusconi nel 1998 e che non hanno mai avuto una risposta.

Di Fernando De Paola

1 commento

 

 

 11/11/09 “Il Futuro Della Libertà”... La politica che ci si aspetta….

Di Francisco La Manna 

 

 

 09/11/09 Lettera aperta al Ministro della Pubblica Istruzione Mariastella Gelmini. Di Daniele Manni

 

 

 08/11/09 Addio università pubblica.

Di Marta Melgiovanni

 

 

 06/11/09 Strisce blu: sconcerto Assoluto.

Di Roberto Spennato

La replica dell'assessore Attilio De Marco

 

http://www.pieroricca.org/

 

 

 

 

2000 - 2009 www.tuttocasarano.it All rights reserved.