TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

 

 
 
 
ARCHIVIO  

 VIDEO

 CHAT

ECONOMIA

CHIESE

MONUMENTI

AGRICOLTURA

VOLONTARIATO

MAURIZIO MAGGIANI, UN GRANDE!

di Eugenio Memmi, Casarano 23/03/05

 

 

Avevo ascoltato Maggiani la prima volta l’11 Aprile del 2003, quando fu invitato per presenziare alla premiazione del Concorso per Giovani Narratori " Forum dei Giovani - Presìdi del Libro". Quella serata è rimasta impressa in me perché avevo avuto la fortuna di ascoltare uno scrittore, una persona straordinaria.

Il prof. Gino Pisanò

e Maurizio Maggiani

 

 

M. Maggiani

 

 

Lo scrittore neretino

Livio Romano

 

 

Guarda e ascolta

Maggiani

Dimensioni file video

Kb 5825

Maurizio Maggiani è una persona semplicemente straordinaria, e stasera ha riconfermato quelle sensazioni e l’idea che mi ero fatto di lui. Oggi avevo il morale sotto i tacchi, ero andato all’auditorium solo perché sapevo che Maggiani  era un grande, perché c’era il mio grande amico Danilo, ma a parte questo non c’era niente e nessuno che mi interessasse incontrare o vedere, ero troppo giù. E’ iniziata la serata, con l’introduzione del prof. Gino Pisanò in una degna cornice di pubblico. Poi ha preso la parola Maggiani e l’auditorium improvvisamente per me si è trasformato, quest’uomo con i suoi racconti mi ha preso e condotto in alto, in alto; le sue parole aprivano orizzonti alla mia mente stordita, annebbiata per spalancarmi scenari di guerra di cui mi faceva capire l'orrore, perché non può esistere un guerra giusta, anche se lontana da noi migliaia di km, perché ogni guerra è fatta solamente di dolore, e chi la subisce anela alla pace e noi abbiamo il dovere di mantenere la pace ovunque nel mondo. Abbiamo ereditato la pace, dobbiamo impegnarci perché la pace regni ovunque, respingendo ogni guerra. Maggiani, parlando di guerra o di pace faceva riferimento sempre a ciò che suo padre gli aveva concretamente trasmesso avendo vissuto sulla propria pelle entrambe le condizioni, e lui sentiva la responsabilità di tutto questo. Pace: la possibilità di vivere nella gioia, di conoscere, di vivere in salute. Questa in sintesi il suo pensiero concreto di cosa sia la pace. Termini molto semplici, essenziali, per spiegare concetti descrivibili in mille modi, ma in questo suo particolare modo di raccontare la vita così semplicemente sta la sua straordinarietà. Dovreste ascoltarlo almeno una volta, perché io non potrò mai farvi capire chi è Maurizio Maggiani; sappiate che è sicuramente una persona semplice, chiara, concreta, coerente. La persona che tutti aspiriamo a diventare, penso. Comunque, dopo più di un ora di Maggiani, mi sentivo come sottoposto ad un’emotrasfusione, mi sentivo rinato, come un arido terreno dopo un’abbondante pioggia. Mi sentivo in pace con me stesso e con il mondo intero, felice e sereno.

Del libro praticamente non ne ha quasi parlato, ha solo detto che con questi pensieri ha descritto la storia del suo ultimo lavoro, Il viaggiatore notturno, che ha dedicato al suo migliore amico, Tom, morto lo scorso anno.

Grazie Maurizio Maggiani   

 

copertina

23/03/05 ore 23:42