TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

 

 
 
 
ARCHIVIO  

 VIDEO

 CHAT

ECONOMIA

CHIESE

MONUMENTI

AGRICOLTURA

VOLONTARIATO
.....COSTRUTTORI DI PACE

dal nostro "AMICO" di Russi (Ravenna),  Paolo Argnani,  12/09/04/

 paoloargnani@libero.it

 

Caro Eugenio, mi spiace che l'unica reazione destata da ciò che ti ho scritto (COSTRUTTORI DI PACE) abbia avuto come unica reazione (a me visibile) il testo di Daniele Morelli, non che non sia abituato a quello e a ben più nutriti elenchi di obiezioni contro il "Santo Padre" e alla "Santa Chiesa" (sono romagnolo e la Romagna, storicamente, è forse una delle terre più anticlericali d'Italia), ma mi chiedo: perchè tanto astio nei confronti di ciò a cui non si crede? Il dio che viene rimproverato di non intervenire a togliere il dolore e le sofferenze è in effetti un dio che non conosco neppure io. Io conosco un Dio che non ha tolto le sofferenze neppure a suo figlio, ma le ha rese buone, positive...
...questo da scandalo! Questa cosa qui capisco che dia scandalo, che il dolore non sia reso, tutt'al più, sopportabile, ma addirittura positivo, non desiderabile, ma qualcosa di cui un giorno ringraziare. Se questo da scandalo, lo capisco, perchè di una cosa così grande, o se ne fa esperienza, oppure la mente dell'uomo non la capisce. Il mio intento, con la pubblicazione della testimonianza di Cinzia, era solo quello di condividere con altri lo stupore nel vedere persone che con la loro vita testimoniano la vittoria su questo scandalo. Se sei sposata, con tre figli piccoli e ti chiamano per dirti che tuo marito è stato stritolato da una coclea mentre lavorava, è normale se dai un pò di matto, ti è concesso di andare un pò in depressione, ma se arrivi a dire ciò che dice Cinzia... , ... cos'è?
Eugenio, ti chiedo scusa per la mia incapacità, mi rendo conto di non riuscire a trasmettere ciò che vorrei, ma a volte preferirei, al computer o al telefono, una bella pacca sulla spalla.

 

12/09/04 Caro Paolo, la tua amarezza nel constatare che l'unica “visibile” risposta a quanto da te scritto su Costruttori di pace sia stata quella di Daniele Morelli non ti deve scoraggiare, perché, come tu stesso dici, quella replica è la sola visibile. A volte succede anche a me, e anche per altri di provare la tua stessa delusione.

E’ un “difettuccio” generale e mi ci metto pure io fra coloro che hanno questo difettucio, l'essere ammalati di pigrizia nel comunicare a coloro che scrivono su questo sito le proprie sensazioni, sia belle che “brutte”.

A volte l’apparente indifferenza a quello che scriviamo ci scoraggia, perché  può sembrare che non importi a nessuno ciò che abbiamo scritto,  se ci rispondono, è spesso per criticare. Da questo ne consegue che l’uomo è più incline a giudicare, meno a condividere. Non ti nascondo che a volte questi silenzi, mi spingono a pensare di  abbandonare questa esperienza, poi succede quando meno te lo aspetti che arrivi una lettera, un apprezzamento, diretto o indiretto che mi ridà energia e stimolo a continuare.

Questo, mi ha portato (forse) a comprendere il compito di questo spazio web, che è principalmente di servizio, l’importante è esserci, ma per dare la possibilità a chi non ha voce e spazio di poter esprimere la sua opinione, a prescindere dall'appartenenza sociale, politica, religiosa. Ci sono circa 400 persone che mediamente ogni giorno visitano questo sito, segno che trovano qualcosa di interessante da leggere, questo è il riscontro “invisibile” ma comunque tangibile che tanta gente ci segue, legge le scelleratezze che scrivo, le riflessioni di altri,  legge i tuoi pensieri che mi fai condividere in virtù della nostra amicizia nata durante il periodo del servizio militare nel lontano 1985. Se non ci fosse tuttocasarano non avremmo potuto condividere tante emozioni che spesso leggiamo da queste pagine, condurre tante piccole battaglie. Io dedico tanto tempo a questo sito, ogni giorno, ma questo impegno mi è stato ripagato dalle tante amicizie che ne sono nate, dal rafforzamento di altre e questo è il nostro caso.

Ti giunga la mia più sincera pacca sulla tua spalla.

Eugenio