TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

 Home page

 La vita Politica

 Lo sport

 Cultura

  Tutto città

 Informazioni turistiche

 La nostra E - mail

Cartelle pazze dell'ICI, il sindaco promette chiarezza

 

Di Enzo Schiavano

Dal Nuovo Quotidiano di Puglia del 18/11/06


 

“Valuteremo la situazione dei casi più controversi”. Il sindaco Remigio Venuti interviene sulla vicenda degli accertamenti delle aree fabbricabili e apre alla possibilità di un esame più dettagliato della situazione. Mentre i cittadini continuano a protestare, in particolar modo i proprietari delle aree di espansione della “zona 167” di contrada Pietra Bianca, diversi esponenti della maggioranza di centro-sinistra sarebbero stati sorpresi dall’impatto che la prima parte dell’operazione ha avuto sui cittadini ed ora auspicano che si trovi una via di uscita.

I più inviperiti sono i proprietari dei terreni di tipologia “E1” (Aree per la Legge 167). Hanno ricevuto, per terreni che loro considerano agricoli, avvisi di pagamento per svariate migliaia di euro e non riescono a capacitarsi di un clamoroso paradosso: “Se vendessero oggi quei terreni – spiega un consulente fiscale – non riuscirebbero a mettere insieme i soldi necessari per pagare l’Ici che grava sugli stessi terreni. E’ una situazione abnorme”. Una condizione insolita scaturita da una norma del collegato fiscale della Finanziaria del 2005 che, con effetti retroattivi, considera “aree fabbricabili” i terreni agricoli classificati nel Prg come zone di espansione, anche se lo stesso Prg risulta adottato e non ancora approvato.

“Ai miei clienti – racconta lo stesso professionista – ho consigliato di presentare un progetto e vediamo come si comporta l’amministrazione comunale: se viene approvato, il proprietario si ritrova con una nuova casa; se non viene approvato, perché insiste su zona agricola, allora devono annullare gli accertamenti e restituire i soldi”. Palazzo dei Domenicani spera che non si arrivi a simili livelli, anche perché costruire in zona 167 comporta una procedura molto più complessa di quella descritta dal consulente. Verso questi casi, tuttavia, il sindaco lancia un messaggio di disponibilità: “Se c’è una possibilità che ci permette di esentare questi contribuenti, lo faremo”.

Sulle altre fattispecie di errore denunciate dai cittadini, come il giardino di pertinenza della casa di abitazione classificata come “area solare”, Venuti ribadisce l’orientamento della “San Marco spa”, la società concessionaria che gestisce le entrate tributarie del Comune, è cioè che “se saranno riscontrati errori evidenti, l’atto verrà annullato direttamente allo sportello, senza recare ulteriore disagio ai cittadini”.

 

 

 

07/11/06 Filanto addio, Michele Zonno se ne va

 

 

04/11/06 Giorgio Martina: arriva all'ospedale Ferrari il «mago» del rene.

 

 

 Le vostre poesie

 

 

Domenica 29 Ottobre, presso l’Auditorium Comunale , la presentazione del libro "Io Tengo per il Lupo"! di Gianluca Memmi

 

 

17/10/06 Olivocoltori: si parte! ....In frantoio.

Di Antonio Stea

 

 

14/10/06 Dopo due anni e mezzo di vana attesa, la Scuola Edile abbandona Casarano

 

 

15/09/06 Remigio Venuti torna  sul "problema ADSL" e chiede l'intervento della Regione

 

2000 - 2006 www.tuttocasarano.it All rights reserved.