Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede n città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

 

 

I cento anni del senatore Francesco Ferrari

L'uomo che cambiò il volto della città

di Danilo Lupo, dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 27/10//2005

 

 

Cadono questo mese i cento anni dalla nascita del senatore Francesco Ferrari e la città si prepara a ricordarlo. Ferrari, per Casarano, è stato più di un senatore: come amici e avversari gli hanno sempre riconosciuto, fu lui a guidare la trasformazione da centro rurale a cittadina specializzata nei servizi, prima che arrivasse la vocazione industriale. Ecco spiegata la mobilitazione «bipartisan» che accoglierà la ricorrenza dei cento anni dalla nascita del senatore Ferrari: da un mese, infatti, è al lavoro un comitato organizzativo presieduto dal segretario cittadino dell'Udc, Giuseppe Augusto Nuccio, ma che vede al suo interno esponenti di tutti gli orientamenti politici: Luigi Antonaci, Claudio Casciaro, Antonio Casto, Giovanni Cioffi, Giuseppe De Donatis, Salvatore Melgiovanni, Francesco Memmi, Maria Chiara Pino, Mario Pino, Amedeo Sabato e Giuseppe Trullo, tutti uniti con l'obiettivo di «fornire l'adeguato riconoscimento di gratitudine per quello che il senatore Ferrari ha rappresentato per la nostra terra». Un'iniziativa religiosa e una a carattere più laico sono state organizzate dal comitato per dopodomani: alle 18, infatti, sarà celebrata una messa nella chiesa di San Domenico e a seguire si svolgerà una conferenza-dibattito all'interno dell'auditorium comunale. E nei giorni scorsi anche la giunta comunale presieduta dal diessino Remigio Venuti (che già intitolò a Ferrari l'ex via circonvallazione) ha voluto ricordare l'opera del parlamentare. «Ha profondamente amato la sua città d'origine - dice Venuti - dedicandosi esclusivamente alla soluzione dei problemi dei suoi concittadini e favorendo l'apertura di istituti scolastici di ogni ordine e grado, l'insediamento di uffici statali decentrati e, soprattutto, dell'ospedale civile, in seguito a lui intitolato: anche per questo motivo è stato stimato in vita e perennemente ricordato, dopo la sua scomparsa».