TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

INTERNET E LE SUE "TRAPPOLE"

di Eugenio Memmi, 15/03/03

Internet, fonte immensa di notizie, cultura, di contatti immediati fra mondi lontanissimi, trasferimento di dati in  un batti baleno, ma... di internet ci sono anche lati oscuri, strumento che nelle mani di gente senza scrupoli può causare danni economici, violare la privacy, intercettare codici di carte di credito, per non dimenticare il filone pedofilo o quello terroristico o di spionaggio. Ce ne insomma di tutti i colori, un immenso universo virtuale che spazia da Padre Pio a Bin Laden tutto grazie ad un computer. Ci sorge quindi spontaneo dire che internet come un'automobile, se non guidata da mani esperte può farci incorrere sicuramente in qualche incidente, ma a volte non tanto per colpa nostra inesperti navigatori del web, ma perchè, i volponi del settore, sapendo che la stragrande maggioranza degli utenti internet non è abbastanza smaliziata, ha preparato per loro delle belle trappole, che se non riconosciute in tempo rischiano di farci trovare con il sedere per terra. Vi racconto quello che è successo al nostro amico Ippazio Pizzileo, di Casarano, un internauta come tanti, non espertissimo, ma a sufficienza per soddisfare le sue passioni astronomiche, botaniche o di collezionista. Qual'è stata la sua colpa? Essere un fedele visitatore di LIBERO, il noto portale, che aveva come pagina predefinita iniziale all'apertura del browser di navigazione sul suo computer. Il 27 novembre 2002, su libero c'è un banner che reclamizza bellissime immagini artistiche da vedere, l'ignaro amico clicca sul banner, si apre una finestra che dice di scaricare un programma per poter visualizzare le immagini, il buon Ippazio acconsente ad installare il programma ma dopo qualche minuto di attesa si accorge che non succede nulla, tutto questo dura 9 minuti e 04 secondi come riportato sul dettaglio chiamate  della fattura inviata dalla Telecom in data 05/12/02, Ippazio comunque ha il presentimento che stava succedendo qualcosa di strano, così si disconnette da internet e spegne il computer; quei 9 minuti gli costeranno 18,63 euro, perchè quel programma che gli serviva per vedere le immagini non era altro che un programma per attivare una nuova connessione ad un numero che inizia per 7093450++++ residente sembra nelle Filippine al costo di 2 euro al minuto. A distanza di quasi un mese, il 21/12/03 il nostro amico si collega ad internet, ma questa volta invece della solita connessione di Libero, si autoattiva il numero "misterioso" 7093450..... all'insaputa del nostro navigatore, che in più connessioni, in quella data a cavallo della mezzanotte, rimane collegato per un totale di circa 4 ore che gli costeranno la bellezza di 556,76 euro. Il nostro Ippazzio, dire che è arrabbiato è poco, a parte il danno economico, non riesce a comprendere come un azienda seria come Infostrada e Wind che gestiscono Libero, possano permettere che nel loro sito visitato da milioni di utenti e non tutti espertissimi, ci siano simili trappole....... Il nostro amico ovviamente a cercato di protestare al Call Center di Libero, ma non ha trovato risposte soddisfacenti idem a Telecom. Noi piccolo sito, cercheremo di far conoscere a quanta più gente possibile quanto accaduto, perchè si metta un freno a queste subdole connessioni superpagate perchè altri non capitino la stessa disavventura.

         
 
 

La prima bolletta con la connessione di 9 minuti: costo 18 euro

La seconda bolletta con il collegamento di 4 ore: costo 556,76 euro

La lettera di conferma della Telecom

La lettera della Telecom che dice al sig. Ippazio che deve solo pagare

minuti: costo 18 euro

La seconda bolletta con il collegamento di 4 ore: costo 556,76 euro

La lettera di conferma della Telecom

La lettera della Telecom che dice al sig. Ippazio che deve solo pagare