"Come arrivano lontano i raggi di quella piccola candela: così splende una buona azione in un mondo malvagio."
(W. Shakespeare)

 

 

 

 

 TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

 

  Home page

   La vita Politica

  Lo sport

  Cultura

  Tutto città

   Informazioni turistiche

    scrivici

"L'amore, al pari della preghiera, è una forza e un processo evolutivo. E' curativo. E' creativo." (Z. Gale)

 

Belgio - Italia: un seul coeur

 

Di Martina Decina - 3 AL

Liceo Scientifico G.C. Vanini Casarano

Casarano, 03/04/2010

 

Siamo la 3 AL del liceo scientifico Giulio Cesare Vanini di Casarano, un gruppo di 29 ragazzi coinvolto in una magnifica esperienza . E’ cominciata quasi per puro caso questa magica avventura e di certo nessuno di noi avrebbe mai immaginato il grande effetto che avrebbe avuto sulle nostre vite.


Un giorno il nostro lettore madrelingua di Francese, Antonio Monsellato, ci prospettò l’idea di intraprendere uno scambio culturale con una classe di un liceo belga. Il progetto, che è sembrato da subito un’idea eccezionale a tutti i professori, è stato approvato dal consiglio di classe. Anche noi ne rimanemmo entusiasti sin dal primo momento, ma sicuramente il vero contatto con una cultura totalmente differente dalla nostra ha superato ogni aspettativa.
Nonostante numerose difficoltà, ’les Belges’, lunedì 29 aprile ore 15.30, arrivano nel nostro istituto accompagnati dalle prof.sse Maria Greco e Maria Cazzato, docenti del Vanini.


Ad accoglierli calorosamente nella nostra terra Salentina in una splendida giornata di primavera il preside, Prof. Sergio Pagliara; la vice-preside, prof.ssa Claudia Costantino e, con grande entusiasmo noi tutti.Cartellone decorato alla mano(Bienvenus en Italie!), applausi e gioiose risate animavano quel magico momento. Finalmente, non avevamo più un semplice nome su di un pezzo di carta, ma una nuova persona entrava a far parte della nostra vita quotidiana.
In seguito ai saluti iniziali e ad un breve rinfresco, ognuno è tornato a casa con un nuovo compagno e con tanta voglia di comunicare e scoprire una nuova cultura. Les Belges e Les Italiens(come usavamo chiamarci a vicenda ironicamente)sono riusciti ad instaurare un rapporto di amicizia reciproca sin dal primo istante.


Non neghiamo che le difficoltà, che possono nascere dall’incontro di due Paesi diversi, ci siano state, ma non ci è poi voluto molto tempo affinché noi mostrassimo loro le nostre usanze e affinché anch’essi si lasciassero coinvolgere totalmente, tanto da poterci considerare ormai’un solo cuore’. In fondo, per quanto possano essere diverse le proprie culture, la voglia di scoprire il mondo è la stessa per ognuno e l’entusiasmo dei nostri anni riesce a rendere il tutto un gioco fondato su di un unico, essenziale valore: l’AMICIZIA.
Il programma che avevamo ideato già da tempo è stato rispettato in tutto e per tutto e ad esso(oltre alla componente culturale) si sono aggiunte anche: Serate in pizzeria, scherzi, giochi, risa e un’indimenticabile mattinata in spiaggia con tanto di bagno in costume.


D’altro canto, il sapore della nostra terra rimane per sempre nei cuori di tutti coloro che la visitano e siamo sicuri che anche i nostri compagni abbiano apprezzato i colori sgargianti, il calore e l’ospitalità che contraddistinguono l’Italia ed in particolar modo il Salento.
Come ogni favola che si rispetti, anche la nostra ha una fine.


Il momento in cui tutti i nostri ospiti dovevano salire sul bus che li avrebbe poi portati sino all’aeroporto, è stato veramente commovente. Per i primi minuti abbiamo cercato di resistere alla commozione,ma poi,quando ci siamo abbracciati, pochi hanno trattenuto le lacrime. Loro parlavano di rimanere qui in Italia,mentre noi chiedevamo di poterci nascondere nelle valigie per evitare di separarci.


E così, loro da una parte del finestrino del bus e noi dall’altra; ci siamo divisi temporaneamente con la consapevolezza che tra meno di due settimane ci saremmo riuniti, questa volta in Belgio, e che il meraviglioso clima di complicità si sarebbe instaurato di nuovo.


I nostri ringraziamenti vanno al Preside, Sergio Pagliara, che ha dato a noi studenti la possibilità e la fiducia nel realizzare questo progetto;ai professori della 3 AL, alle famiglie che hanno generosamente ospitato i ragazzi e che si sono prodigati al massimo affinché potessimo prender parte a quest’esperienza, al sindaco, Dott. Ivan De Masi, che ha fatto sentire vicina l’amministrazione comunale, al sig. Lucio Parrotto, ideatore e presidente del ‘Museo del minatore di Casarano, e, infine(ma non per importanza) alla prof.ssa Maria Greco, che ha coordinato in maniera ottimale i contatti con l’istituto Belga, definito i particolari dello scambio permettendone l’ottima riuscita.


Speriamo vivamente che queste iniziative possano continuare nel tempo, per favorire, non solo un approfondimento linguistico, ma anche un’apertura di orizzonti in noi giovani, affinché la società del futuro sia libera da ogni pregiudizio e sentimento nazionalista.

 

Jhon Lennon - Imagine

 

 

 

 

               

 

Clicca sugli annunci Google per sostenere TuttoCasarano

 

 

 

 

 

 

31/05/04 Conferita a don Ciotti la cittadinanza onoraria

 

 

 

2000 - 2010 www.tuttocasarano.it All rights reserved.