Parlare oscuramente lo sa fare ognuno, ma chiaro pochissimi.

Galileo Galilei

 

 

 

 

 TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

 

 

Amicizia è ascoltare gli altri come vorresti che gli altri ascoltassero te

  Home page

   La vita Politica

  Lo sport

  Cultura

  Tutto città

   Informazioni turistiche

    scrivici

Biomasse SI e NO

 

 

 

Di Pierluigi Mazzeo

mazzeo@ba.issia.cnr.it

Bari, 10/05/2010

 

Con vivo interesse partecipo da attento osservatore al dibattito che da alcuni mesi imperversa scoppiettante a Casarano. La grande disputa si affanna tra pagine elettroniche e di carta, in comitati nati per sponsorizzare l’uno o l’altro fronte, il SI ed il NO, i PRO ed i CONTRO. Parole su parole versate da una parte e dall’altra per farsi ragione tra scienziati tirati per la giacchetta e persone con “curriculum” lunghi e pieni di riconoscimenti, ma  anche tra persone comuni che finalmente si accorgono che qualcosa sta accadendo. Evvivadio, finalmente ci si sveglia dal torpore, finalmente ci si accorge di essere vivi, di essere parte di una comunità, e si vuol prendere parte alla discussione si vuole far conoscere la propria opinione, si vuole firmare questa o quel foglio per mettere la propria firma. Io dico non è mai troppo tardi, e fa nulla che il contendere sia “Biomasse si, biomasse no”.

Evviva la discussione, e la dialettica, perché io credo nel confronto di opinioni credo nella diversità dei giudizi, credo che la contrapposizione delle idee (ma non delle persone) sia un esempio di crescita individuale e collettiva. Divento diffidente e mi preoccupo quando manca la discussione quando si vuole decidere senza discutere quando si approfitta della posizione di vantaggio per scegliere nel silenzio.

Bene, in passato, i casaranesi si sono sciroppate una serie di decisioni prese nelle famose stanze dei bottoni senza colpo ferire, solo un po’ di tosse da qualcuno che era più sveglio mentre la maggior parte delle persone dormiva. Dormiva durante il difficile parto della candidatura nel centro sinistra decisa più a Roma che a Casarano, dormiva quando qualcuno brandendo come una spada la sua coerenza tentava di contrapporsi a questo candidato ed ora ne è fedele scudiero, e sonnecchiava contenta mentre eleggeva l’attuale sindaco sicura del fatto che il conflitto di interesse sia qualcosa che risiede nelle stanze di palazzo chigi e quindi a 600 km di distanza da noi.

Sono contento che ora qualcuno si sia svegliato! Anche se penso che la battaglia ancora una volta sia una battaglia politica e che della salute e degli interessi del casaranese medio non gliene freghi nulla nessuno. Premetto che chi scrive non è contro le biomasse, non è contro il nucleare e non è contro nulla che non sia dannoso in termini di salute della popolazione. Sono altresì consapevole che non esistono forme di energia pulita anche l’eolico ed il solare hanno i loro problemi (costruzione e smaltimento) e quindi non ci sono energie a costo zero in termini di inquinamento e quindi di salute pubblica. Tendenzialmente sono a favore a qualsiasi centrale a partire da quella nucleare che sostituisca Cerano ed il suo camino che da anni distribuisce tumori soprattutto nel Sud Salento.

Detto questo io dico SI alla centrale a BIOMASSE se, mi è garantito che nel giro di pochi anni la loro installazione in rete (sinergia tra più centrali a biomasse coordinate da un progetto comune installate sull’intero territorio regionale) porti ad abbassare l’incidenza del tumore al polmone nel basso salento (ovvero  eliminare gradualmente Cerano ma non a parole ma con un protocollo di intesa con la regione, lo stato, e chi la gestisce ovvero l’ENEL), dico SI alla centrale a biomasse se questo comporta un’innalzamento consistente dello stato di salute occupazionale dei casaranesi, ovvero la crescita culturale e professionale di Casarano.

Dico SI in definitiva ad un progetto in cui si possa partecipare attivamente modificandolo e discutendolo a favore della comunità sgombrando il campo da qualsiasi ombra su vari e presunti conflitti di interesse. In definitiva dico SI ad un progetto condiviso che non sia stato deciso nella solita e stantia stanza dei bottoni dove si decide sulle nostre teste e dove l’interesse del cittadino è messo da parte per favorire i soliti interesse di parte.

Cordialmente

Pier Luigi Mazzeo

                                                                                             

The wall - Pink Floyd

 

 

 

 

 

               

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   04/05/2010 Biomasse si! Biomasse No!

Di Antonio Fracasso.

1 commento

 

 

   04/05/2010 PD, se ci sei batti un colpo!

Di Omar Sarcinella

 

 

    04/05/2010 Biomasse: un dibattito inutile. Un casinò ci salverà.

Di Claudio Aleotti

 

 

   03/05/2010 L'Umanita' non ha futuro se non riuscira' a conciliare le esigenze dello sviluppo con la tutela della qualità dell'ambiente.

Di Mario Casto

 

 

   01/05/2010 Biomasse a Casarano

Di Gianluigi Parrotto

3 commenti       

 

Vendesi arredamento per negozio ortofrutta e alimentari

 

31/05/04 Conferita a don Ciotti la cittadinanza onoraria

 

 

 

2000 - 2010 www.tuttocasarano.it All rights reserved.