TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

  Home page

   La vita Politica

  Lo sport

  Cultura

  Tutto città

   Informazioni turistiche

    scrivici

QUESTO PAESE PER ESSERE DALLA PARTE DELLA LEGALITA' DOVREBBE AVERE UN MORTO AMMAZZATO ECCELLENTE ALL'ANNO. (GIOVANNI FALCONE)

Compostaggio domestico e agricolo: quali vantaggi per l’agricoltura?

 

Cia Provinciale di Lecce

Casarano, 18/05/2010

 

Giovedì 20 maggio ore 19.00

Chiostro Comunale Casarano

 

Saluti

Ivan De Masi  –  Sindaco Casarano.

 

Intervengono

 

Rocco Greco - Responsabile CIA Casarano.

Francesca Fersino - Assessore Agricoltura Casarano

Vito Murrone – Presidente Provinciale CIA

 

Conclusioni

 

Loredana Capone

Vice Presidente Regione Puglia

             

Antonio Barile

Presidente CIA Puglia

  

            Abbandonare i “rifiuti organici” in discarica  (scarti alimentari” e “scarti verdi agricoli” ) non solo crea problemi ambientali (inquinamento delle falde, produzione di gas) ma impedisce la restituzione alla terra di ciò che le è stato sottratto.

            I fertilizzanti chimici sono rimedi che non ricostituiscono la struttura del terreno impoverito, limitandosi a fornire alcuni elementi essenziali alla crescita delle piante, allo stesso tempo possono essere facilmente dilavati dalle piogge finendo per inquinare fiumi, laghi e mari. Chi ha la fortuna di avere una casa con giardino o una campagna, può già “chiudere il cerchio” destinando gli “scarti di cucina”, gli “sfalci” del proprio giardino o gli “scarti vegetali” delle attività agricole al “compostaggio domestico o agricolo” che non fa altro che riprodurre in piccolo ciò che avviene naturalmente nel sottobosco con la trasformazione del fogliame in torba.

Trasformare gli scarti organici in “Compost” può essere uno dei modi per contribuire in modo significativo all’uso sostenibile delle risorse. Infatti l’impiego del compost come ammendante sui terreni, oltre a mantenerne la fertilità, permette di ridurre l’impiego di “risorse non rinnovabili”, utilizzate per produrre fertilizzanti chimici, riducendo allo stesso tempo la quantità di scarti organici da avviare alle operazioni di smaltimento (incenerimento). Tutto questo si traduce in una riduzione delle emissioni in atmosfera dei gas responsabili dell’effetto serra, che all’interno dello scenario energetico nazionale, permette di poter rispettare gli obiettivi previsti dal “Protocollo di Kyoto”.

            Gli scarti organici provenienti da attività domestiche o agricole non devono essere considerati come rifiuti, ma come delle vere e proprie risorse energetiche

avvalorando l’equazione R=R cioè RIFIUTO = RISORSA.

 

Enzo Biagi Intervista a Don Luigi Ciotti

 

 

 

 

               

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   14/05/2010 Gli affari di D'Alema in Puglia

 

 

    14/05/2010 Ecco cosa pensa Carlo De Benedetti di Berlusconi e degli imprenditori che scendono in politica

 

 

    14/04/2010 La religione del proprio orticello.

Di Patrizia Cristaldi

 

 

Vendesi arredamento per negozio ortofrutta e alimentari

 

31/05/04 Conferita a don Ciotti la cittadinanza onoraria

 

 

 

2000 - 2010 www.tuttocasarano.it All rights reserved.