Guardate quanto è bello viale Francesco Ferrari, abbellito dai gerani piantati in questi giorni

 

 

 

 

 TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

 

Il guerriero della luce crede. Poiché crede nei miracoli, i miracoli cominciano ad accadere. (Paulo Coelho)

 

  Home page

   La vita Politica

  Lo sport

  Cultura

  Tutto città

   Informazioni turistiche

    scrivici

“Heliantos 2” - Consegnate in Prefettura a Lecce le prime 6000 firme raccolte dal “Coordinamento Intercomunale “No alla Centrale”

 

 

Coordinamento Intercomunale "No alla centrale"

Casarano, 08/06/2010

 

Alcuni rappresentanti del Coordinamento Intercomunale “No alla Centrale” (cui aderiscono la LILT - Sez. Prov. di Lecce, i gruppi politici del PDL, del CDC, del SEL e di IdV di Casarano, il Comitato Energia Ambiente e Vita, Cittadinanzattiva, l’Associazione Grande Salento, il Comitato Cittadino Tutela Ambientale (Casarano), Idee Insieme (Casarano), Io Conto (Ugento), Legambiente, WWF, I Paladini di Via Messina (Casarano), il Forum Ambiente e Salute (Lecce) e numerose altre associazioni) hanno consegnato oggi, 8 giugno 2010, in Prefettura a Lecce le prime 6000 firme relative alla petizione popolare contro la progettata installazione nella Zona Industriale di Casarano di una centrale a biomasse da 25 MW (“Heliantos 2”), proposta da Italgest Energia S.p.A.

 

I cittadini hanno sottoscritto un “Appello per la tutela dell’ambiente e della salute nel Salento”, rivolto al Prefetto di Lecce, al Sindaco di Casarano ed al Consiglio Comunale di Casarano. Ecco il testo dell’appello . “I sottoscritti cittadini, preso atto del  procedimento amministrativo che prevede l'installazione di una centrale a biomasse della potenza di 25 MW nel territorio di Casarano, con grave rischio per la sostenibilità ambientale e per la salute della popolazione residente nel comprensorio, CHIEDONO alle S.S. L.L. che tale procedimento sia arrestato,  al fine di scongiurare l'ennesimo disastro ambientale”.

 

E’ questo il primo frutto della campagna di sottoscrizione, avviata da un mese e tuttora in corso, promossa dal Coordinamento Intercomunale “No alla Centrale”, che raccoglie associazioni, partiti e semplici cittadini.

 

La massiccia adesione alla petizione è un segno inequivocabile della preoccupazione e dell’allarme con cui i cittadini seguono la vicenda della centrale di Casarano. Sono stati essi stessi, in piena consapevolezza, e con grande slancio, a farsi attivamente promotori a loro volta della raccolta firme.

 

Il Coordinamento Intercomunale “No alla Centrale” si augura vivamente che le Autorità competenti, nel decidere, non sottovalutino o peggio non ignorino la volontà chiaramente espressa da parte di tante persone libere.

 

 


Sabina Guzzanti raiot 3 - Gasparri

 

 

 

 

 

               

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

 

 

 

 

 

 

31/05/04 Conferita a don Ciotti la cittadinanza onoraria

 

 

 

2000 - 2010 www.tuttocasarano.it All rights reserved.