"Come arrivano lontano i raggi di quella piccola candela: così splende una buona azione in un mondo malvagio."
(W. Shakespeare)

 

 

 

 

 TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

  Home page

   La vita Politica

  Lo sport

  Cultura

  Tutto città

   Informazioni turistiche

    scrivici

"L'amore, al pari della preghiera, è una forza e un processo evolutivo. E' curativo. E' creativo." (Z. Gale)

Un… “percorso d’arte” lungo otto anni

 

 

Di Antonio Memmi

antoniomemmi@libero.it 

Da "Il Gallo" del 09 gennaio 2010

 

Tanto per cominciare, la grande arte non è mai popolare”. Vogliamo partire proprio da questa affermazione di Ezra Pound, per parlare di una realtà che a Casarano esiste da oltre otto anni: una galleria d’arte nata dalla passione e dalla pervicacia di Cinzia De Rocco, una donna che dell’arte e della sua divulgazione ha fatto la sua missione principale. L’idea di fondo è quella di differenziarsi dalle gallerie d’arte fatte di quadri appesi da guardare e basta creando uno spazio espositivo dinamico e propositivo, dove magari poter contaminare diverse forme d’arte come la poesia, lacinzia de rocco musica ed ovviamente la pittura.

 

Proprio da questi presupposti nascono gli appuntamenti di fine estate che in questi ultimi anni, sotto il nome di “le parole sono pietre”, hanno prodotto delle serate uniche e dal forte impatto emotivo oltretutto allestite all’interno di contenitori cittadini spesso sottovalutati, trascurati  o dimenticati come i giardini del castello Pio o la biglietteria della stazione ferroviaria della sud-est o ancora l’interno di una piccola fabbrica di scarpe nel centro della città.

 

Basta scambiare solo un paio di battute con Cinzia per accorgersi della passione per l’arte che la anima dal profondo. “Nel corso di questi anni molte cose sono indubbiamente cambiate” – ci dice – “l’iniziale diffidenza, se non addirittura paura, di varcare la porta d’ingresso della galleria, è andata via via a diminuire e oggi si sono instaurati dei veri e propri rapporti di fiducia fra me ed i miei amici che, conosciuti magari come coppia di fidanzatini in cerca di una soluzione artistica per la loro casetta in allestimento, oggi sono presenti anche solo per ammirare una bella opera d’arte”. Ed è proprio questa una delle cose che più colpisce di Cinzia: la voglia di divulgare l’arte indipendentemente dall’aspetto puramente commerciale della cosa. “Quello che ancora manca in generale” – ci dice infatti – “è la naturale curiosità che dovrebbe portare a vedere una mostra soltanto perché è bella e non semplicemente perché c’è un quadro da acquistare”.

 

Proprio con questo spirito e veramente a richiesta di chi dell’arte è innamorato, la “mostra del piccolo formato” è stata protratta sino al 31 gennaio prossimo. Si tratta di una collettiva di pittura che raccoglie le opere di 16 diversi artisti differenti fra loro per provenienza e per stile ma tutti accomunati dalle dimensioni ridotte delle loro opere. Capita così allora di passare dai campi di grano assolati del siciliano Giovanni La Cognata, alle provocanti figure femminili del fiorentino Bruno Paoli, scomparso proprio in questi giorni, dal genovese Francesco Musante ed il suo mondo visionario, alle opere metafisiche di Nino Caffè.

 

L’idea di una mostra del piccolo formato è anche quella di rendere il più possibile “accessibile” queste forma d’arte, con l’intento magari di cominciare a considerare un quadro come un regalo diverso ed originale.  Tutta l’arte è completamente inutile… si legge in un passo de “il ritratto di Dorian Gray” e così sembrerebbe se la si portasse al cospetto dei centinaia di problemi che affliggono la nostra vita di tutti i giorni. L’arte però, anche se non serve per alimentare il corpo, alimenta certamente l’anima di chiunque ad essa si avvicini. A Casarano, in via Matino, è possibile sperimentare questa forma di… nutrimento.

 

www.percorsidarte.org

 

 

 

Sabina Guzzanti - Vilipendio, le conclusioni

 

 

 

 

               

 

08/01/2010 Il regime militare del partito dell'amore

 

 

08/01/2010 Far rispettare la legge è economicamente conveniente.

Di Luca Isernia

 

 

06/01/2010 Sei sempre tu uomo del mio tempo.

Di Gabriele Bastianutti

 

 

02/01/2010 Perdiamo un

Signore in Consiglio.

Di Simone Totaro

 

 

Casarano

 

 

 

 

31/05/04 Conferita a don Ciotti la cittadinanza onoraria

 

 

http://www.pieroricca.org/

 

 

 

2000 - 2010 www.tuttocasarano.it All rights reserved.