"Come arrivano lontano i raggi di quella piccola candela: così splende una buona azione in un mondo malvagio."
(W. Shakespeare)

 

 

 

 

 TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

 

  Home page

   La vita Politica

  Lo sport

  Cultura

  Tutto città

   Informazioni turistiche

    scrivici

"L'amore, al pari della preghiera, è una forza e un processo evolutivo. E' curativo. E' creativo." (Z. Gale)

Una nuova Santa Alleanza

 

Di Francesco Primiceri

francoprimeceri@yahoo.it

Casarano, 09/04/2010

 

In questi giorni in Italia stiamo assistendo ad un nuovo evento storico: la santa alleanza tra  la destra italiana, ivi compresa la pagana e xenofoba Lega Nord, e il Vaticano. E' di questi giorni la notizia dell'invio di ispettori, da parte del ministro Alfano, contro un procuratore, colpevole di aver smentito la Curia, per aver affermato che mai in tanti anni è venuta dalla Chiesa una denuncia contro un prete pedofilo.

Quello che più colpisce non è tanto l'arroccamento del Vaticano sul tema della pedofilia dei preti e neanche l'esultanza dei leghisti per i proclami anti RU-486. E' troppo scontato! Quello che risulta veramente insopportabile è, invece, una strana concomitanza nell'atteggiamento della Chiesa Cattolica: la rivendicazione del diritto alla sopravvivenza degli embrioni e lo scudo protettivo posto attorno ai preti pedofili. Che cosa dire di queste ambiguità? La Chiesa crede ancora di essere credibile quando enuncia principi valoriali dopo questo manifesto atteggiamento farisaico? Ho l'impressione che la Curia non abbia neanche la consapevolezza che la pedofilia ecclesiastica esplosa nel mondo è uno scandalo devastante tanto quanto lo furono le indulgenze che suscitarono la Riforma secoli or sono. Una cosa è certamente evidente: lo scandalo non è solo imputabile all'errore gravissimo del singolo prete, ma all'intero sistema. Lo scandalo è strutturale. Ma che cosa fanno i nostri politici nazionali, in particolar modo quelli dell'area governativa? Quale opportunità politica si offre loro? Concedono tutto. Si allineano machiavellicamente alle posizioni della Curia in fatto di legge sull'aborto, di RU-486, inondano di euro le scuole e le cliniche private cattoliche pur di assicurarsi  il controllo totale del territorio nazionale. Come dire: per l'Italia val bene più, molto più di una messa. In fondo lo scambio è per  entrambi, governo e Vaticano, conveniente: siamo l'unico paese al mondo in cui i prelati indirizzano il voto dei cittadini in modo opportunistico (vedi l'invito di Bagnasco a votare i presidenti di regione che sono contrari alla legge 194).

Immagino già quali sono le obiezioni che tanti cattolici mi solleveranno. Mi diranno che la Chiesa è fatta di tante donne, uomini e sacerdoti che si prodigano per gli altri, e molti di loro hanno pagato per le loro scelte. Sono d'accordo con loro. Anzi, dirò di più: sono la maggioranza nella Chiesa, ed io non posso non nutrire ammirazione e stima per loro. Ma questa però è la Chiesa che non conta, che non decide, che opera in silenzio e non sa farsi ascoltare.

Credo che occorra riscoprire il valore della disobbedienza. Può sembrare paradossale: i guai maggiori dell'umanità sono dovuti soprattutto all'obbedienza e al silenzio delle coscienze libere! Allora, come spesso oramai ci accade quando andiamo ad esprimere la nostra volontà politica con il voto, quando ci otturiamo il naso perché ci vengono imposte dai 'signori della politica' scelte non condivisibili, così dovrebbe reagire anche la 'Chiesa che non conta', otturandosi appunto il naso tutte le volte che incontra la 'Chiesa che conta'. Sarebbe una protesta simbolica, ma significativa: si tratta di dar voce a chi non l'ha mai avuta, ma che ha sempre operato per il bene comune. Chissà, in questo modo forse si avrebbe l'opportunità di smentire il detto di Porfirio Diaz: povera Italia, così lontana da Dio, così vicina al Vaticano!     

 

 

 

Piccola Pietra  - Eros Ramazzotti  -

 

 

 

 

 

 

               

 

 

 

  05/4/201 Sono De Santis, il Richelieu di D'Alema
 

 

  02/04/2010 Il cieco pastore che guidava 3 pecorelle smarrite. Di Simone Totaro

2 commenti

 

 

  02/04/2010 Auguri Presidente Vendola. Di Enrico Fattizzo

1 commento

 

 

  30/03/2010 The day-after... Vorrei sapere...

Di Simone Totaro

 

 

30/03/210 Michele Frascaro, testa dura...

Di Marco Mastroleo

 

 

  26/03/2010 Raiperunanotte, la trasmissione integrale

 

 

 

 

 

Casarano

 

03/01/2010 Dedicato a... Dott.ssa A. Vasquez

 

 

 

 

 

31/05/04 Conferita a don Ciotti la cittadinanza onoraria

 

 

 

2000 - 2010 www.tuttocasarano.it All rights reserved.