TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

 

 

  Home page

   La vita Politica

  Lo sport

  Cultura

  Tutto città

   Informazioni turistiche

    scrivici

 

Adelchi, i cinque operai restano sul tetto di palazzo Gallone. E un loro compagno inizia lo sciopero della fame e della sete

 

Di Antonio Andrea Ciardo

Dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 29/09/09

 

Maritati visita i lavoratori. La Cgil preme su Sergio. Si muove la Regione

• TRICASE . Un’altra giornata di tensione sociale quella vissuta ieri a Tricase. I cinque operai del gruppo Adelchi continuano la drammatica protesta sul tetto di palazzo Gallone. E da ieri pomeriggio, nei gazebo allestiti dai lavoratori in piazza Pisanelli, Salvatore Fusaro ha iniziato lo sciopero della fame e della sete.

L’operaio avrebbe voluto prendere il posto di Rocco Annesi, costretto ad abbandonare i compagni Rocco Panico, Cosimo Nicolardi, Gianfranco Bramato, Graziano Pantaleo e Luca Simone per essere ricoverato in ospedale a causa di una broncopolmonite. Ma non è gli stato possibile accedere al luogo della protesta.

«Dal suo letto in ospedale - spiega Fusaro - l’amico Rocco ci ha invitato a continuare a lottare fino a quando qualcuno non ci ascolterà. Non posso prendere il suo posto sui cornicioni di palazzo Gallone? Resterò in piazza a fare lo sciopero della fame e della sete». Una forma di protesta non nuova per lui, che l’aveva già sperimentata per dieci giorni con Rocco Panico nell’inverno di due anni fa, quando insieme si incatenarono ai cancelli della Nuova Adelchi.

Ieri pomeriggio è salito sul tetto per incontrare gli operai il senatore Alberto Maritati. «Questa loro condizione aumenta la drammaticità della situazione generale - ha poi dichiarato - ho incontrato l’im - prenditore Adelchi Sergio, che mi ha illustrato il piano che venerdì prossimo presenterà in Prefettura. Non posso entrare nel merito, credo tuttavia che quel piano non rappresenti una soluzione ai problemi che questi lavoratori rappresentano».

«Si apra un tavolo permanente tra istituzioni e parti sociali, compresa Confindustria - chiede il segretario generale della Cgil di Lecce, Salvatore Arnesano - La protesta dei lavoratori è legittima. Adelchi sia di parola e presenti un piano credibile».

Intanto la Regione «intende fornire soluzioni concrete al comparto Tac del Salento, alle imprese e ai lavoratori in stato di agitazione»: lo hanno sottolineato la vice presidente Loredana Capone e l’assessore al lavoro Michele Losappio, che hanno aggiunto: «Nelle prossime ore il presidente Vendola chiederà al ministro Scajola la convocazione del Collegio di vigilanza composto dai Ministeri interessati, dal presidente della Regione e dal presidente della Provincia di Lecce. Indicativamente si hanno a disposizione 40 milioni di euro: cifra stata individuata sulla base degli investimenti previsti dalle imprese private all’epoca dell’Accordo di programma sul Tac del Sud Salento, pari a circa 173,5 milioni di euro».

Questa sera, intanto, alle 20, sarà l’associazione “Terra del Fuoco-Mediterranea” di Castrignano dei Greci a discutere ed ascoltare gli operai in protesta.

 

24/09/09 La solidarietà agli operai Adelchi da parte della Sinistra Unita per Casarano

 

 

 

abbonamento a il fatto quotidiano

 

 

Mahatma Gandhi

 

 

 

 

               

 

 

http://www.percorsidarte.org/

 

www.livingcasarano.it

 

09/01/09 I giovani e i loro problemi.

Di Mario Casto

 

 

Serve un altro miracolo...

 

 

 

 19/09/09 Bagnasco: "Degrado politico e crisi
perché mancano progetti ed etica"

 

 

 18/09/09 Orario scuola elementare via Messina

 

 

 17/09/09 Guelfi e ghibellini allo stadio. Di Rita Stefano

 

 

 15/09/09 Via dalla Rai.

Di Antonio Di Pietro

 

 

 15/09/09 “La società sparente” e “Famelika” - Intervista all’autore Francesco Saverio Alessio

 

 

 12/09/09 Pizze, Pinte e PierPaolo Pasolini.

Di Marco Mastroleo

2 commento

 

 

  10/09/09 Rieccomi qui.

Di Simone Totaro

2 commenti

 

 

 

http://www.pieroricca.org/

 

 

 

 

2000 - 2009 www.tuttocasarano.it All rights reserved.