"Come arrivano lontano i raggi di quella piccola candela: così splende una buona azione in un mondo malvagio."
(W. Shakespeare)

 

 

 

 

 TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

Codice Fiscale 03263200754

  Home page

   La vita Politica

  Lo sport

  Cultura

  Tutto città

   Informazioni turistiche

    scrivici

"L'amore, al pari della preghiera, è una forza e un processo evolutivo. E' curativo. E' creativo." (Z. Gale)

Incendio presso la fabbrica di Radiofarmaci, il Gruppo consiliare del PDl chiede informazioni al vice sindaco

 

Gruppo Consiliare PDL - Casarano

Casarano, 16/04/2010

 

Negli ultimi giorni è tornata prepotentemente all’attenzione dell’intera collettività la questione dell’impianto a biomasse da 25 Mwe alimentato da olii grezzi di girasole proposto dalla società Italgest di proprietà dei fratelli De masi.
Mentre tutta l’attenzione è rivolta, a giusta ragione, sul dibattito apertosi in sede di conferenza dei servizi in quel di Bari, dove il progetto ha visto l’inizio dell’iter, che dovrebbe concludersi con il pronunciamento della stessa conferenza dei servizi, a Casarano qualcuno maldestramente prova a spostare l’attenzione su altri tipi di argomentazioni e di coinvolgere in tutto questo l’ente provincia nella persona del suo assessore Gianni Stefano.


Ci riferiamo nello specifico alla nota fatta dall’associazione liberacittà ( attuale forza di governo) con la quale il  presidente, unitamente al gruppo consiliare ed evidentemente con il placet del Vice Sindaco con delega alle attività produttive, tentano di spostare, appunto, l’attenzione dal progetto delle  biomasse  su una recente determinazione della provincia con la quale si da parere favorevole all’emissione in atmosfera relativo ad un impianto di selezione e lavorazione di rifiuti non pericolosi.


Ci sembra veramente paradossale che codesta Associazione dichiari di aver appreso la notizia dalla stampa, quando la Fersino è l’assessore delegato, e che dalla sua struttura dipende l’approvazione di tale progetto, per tale motivo riteniamo che vi sia in atto un tentativo di spostare l’attenzione da quello che è il vero tema riaperto in questi giorni. Perché?!


Nello specifico del progetto della lavorazione dei rifiuti non entriamo, considerato che in maniera puntuale ed esaustiva l’assessore Stefano ha prontamente risposto in merito, aggiungiamo solo il consiglio agli amici di liberacittà di dedicare più attenzione sia alla reali problematiche della città ma anche di ricordare ciò che la loro referente sottoscrisse nella dichiarazione d’impegno prima delle elezioni amministrative, ed per il caso di specie sollevato dall’associazione ciò che è riportato all’ultimo punto di tale dichiarazione. “ promuovere un modello di trattamento dei rifiuti basato sulla raccolta differenziata spinta e sul compostaggio, che punti a diffondere una corretta cultura del riutilizzo e del riciclaggio……..” forse tale impianto contribuisce a ciò.


Nel contempo ci chiediamo come mai gli esponenti dell’associazione non sentano, invece, il dovere di informare la città e possibilmente rassicurarla circa l’incendio verificatosi presso la fabbrica di radio farmaci in data 19 febbraio anche nella considerazione che il loro Vice Sindaco oltre ad essere l’assessore competente, al tempo di Forza Italia si oppose alla realizzazione dell’impianto, partecipando, anche, a incontri pubblici presso la sala consigliare, o forse è legittimo pensare che il cambio di “interessi” abbia portato tali esponenti a non considerare più tali argomenti utili di attenzione e controllo?


Tale incendio ha interessato un container adibito alla raccolta di rifiuti solidi speciali al cui interno è stato rinvenuto “ vario materiale contaminato”  ed ha visto l’intervento della sezione NBCR(Nucleo Batteriologico Chimico Radioattivo)   del corpo provinciale dei Vigili del Fuoco.
Non è certamente nostra intenzione procurare ulteriore allarmismo oltre a quello che, evidentemente, un simile impianto, naturalmente, procura, visto che, per fortuna, dalle misurazioni effettuate dai Vigili del Fuoco tale contaminazione è nella norma. Non vorremmo,però, che la bramosia dell’apparire conduca certi esponenti politici con evidenti responsabilità a continuare, ad essere avvolti da un torpore ingiustificabile o fin troppo giustificabile!.


Con la presente, pertanto, si chiede all’Assessore alle attività produttive dettagliata relazione scritta  circa l’incendio verificatosi in data  19 febbraio  presso la società Sparkle.


I Consiglieri Comunali


Marrella Giampiero
Bartolomeo Luigi
Gatto Antonio  
 

 

 

 

19/04/2010 Incendio presso la fabbrica di Radiofarmaci, il comandante dei Vigili del Fuoco di Lecce ci scrive per chiarire quanto avvenuto

 

 

 

 

 

Pierangelo Bertoli - Eppure soffia

 

 

 

 

 

 

               

 

Clicca sugli annunci Google per sostenere TuttoCasarano

 

 

 

 

 

 

 

 

  05/4/201 Sono De Santis, il Richelieu di D'Alema
 

 

  02/04/2010 Il cieco pastore che guidava 3 pecorelle smarrite. Di Simone Totaro

3 commenti

 

 

  02/04/2010 Auguri Presidente Vendola. Di Enrico Fattizzo

1 commento

 

 

  30/03/2010 The day-after... Vorrei sapere...

Di Simone Totaro

 

 

  26/03/2010 Raiperunanotte, la trasmissione integrale

 

 

  26/03/2010 Il leader Maximo come il baffo Moretti.

Di Simone Totaro

 

Il Dr. ANTONIO INGROIA

(Procuratore antimafia di Palermo)

il 22 aprile sarà a Casarano

 

 

 

31/05/04 Conferita a don Ciotti la cittadinanza onoraria

 

 

 

2000 - 2010 www.tuttocasarano.it All rights reserved.