.

«Viaggio» all'interno dell'ospedale per conoscere i nuovi primari. Il dottore Alessandro Tronci torna nel suo vecchio reparto «Pediatria, nel solco della tradizione»
Gli obiettivi prioritari? «Attrezzature e sistemazione logistica del reparto»

di Antonio De Mattesi, dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 26/02/03

La «rivoluzione» è in pieno svolgimento nella Asl Lecce/2. La delicata fase del riordino ospedalierio comincia a dare frutti concreti.
In questo quadro, che tende a fare dell'ospedale «Francesco Ferrari» una struttura d'«eccellenza», si inseriscono gli arrivi dei primari nei reparti che risultavano «scoperti» e la nomina della dottoressa Gabriella Cretì quale direttore sanitario al posto del dottore Marino Torsello passato ad altro incarico nella stessa Ausl.
Comincia dal reparto di Pediatria, dove da circa un mese è giunto il nuovo primario, il viaggio della Gazzetta per conoscere dalla viva voce degli operatori come la struttura si sta attrezzando a rispondere alle aspettative dei degenti ma anche a quelle della città, sempre legata al «suo» ospedale.
Alla guida del reparto di Pediatria, il direttore generale dell'Ausl di Maglie, Nicola Rosato, ha nominato il dottore Alessandro Tronci che giunge a Casarano dall'Ospedale di Maglie ma che in passato è stato già nello stesso reparto del nosocomio casaranese. Essendo, perciò, persona che conosce la struttura gli è bastato poco per farsi un'idea di una situazione che in fondo è cambiata poco negli ultimi quindici anni.
«E' stato un piacere - ha esordito Alessandro Tronci - ritornare fra colleghi dei quali conosco professionalità e correttezza per essere stato assieme a loro per 17 anni. Mi ha riempito di gioia il calore col quale mi hanno accolto questi amici con i quali sono stato allievo dell'allora primario, il professore Enrico Corvaglia. Ritengo che ci si sono tutte le potenzialità per fare sempre meglio. E ne avrà grande beneficio anche la nostra professionalità. Purtroppo il reparto, dal punto di vista strutturale, è rimasto com'era un tempo».
Quali sono i problemi principali da questo punto di vista?
«Principalmente la carenza di servizi igienici: un solo bagno a disposizione di cinque stanze, com'era nella logica di quando è stato costruito l'ospedale. La civiltà di oggi, invece, richiede almeno due bagni in casa; lo stesso vale per un ospedale. C'è da pensare a soluzioni che consentano di avere un bagnetto per camera ma questo è un problema che potrà essere affrontato e risolto quando, come assicurato dalla direzione generale, avviando il nuovo lotto, anche Pediatria avrà a disposizione locali più idonei».
Altro problema da risolvere è l'attuale divisione del reparto su due superfici diverse?
«Si, c'è questa separazione "irrazionale" dal day hospital. Dobbiamo realizzare un reparto più grande, più accogliente e con tutti i servizi aggregati».
Come vanno le cose con le attrezzature?
«Ci sono ma sono un po' vetuste. Ci è stato assicurato, però, che superata la fase degli accorpamenti ci sarà una ridistribuzione delle risorse e Casarano sarà adeguatamente potenziato. Manca, ad esempio, la Risonanza magnetica che appena disponibile ci qualificherà notevolmente in quanto con i bambini la Rmn è da preferire alla Tac che qui a Casarano viene eseguita, comunque, con un ottimo apparecchio affidato a medici e tecnici molto qualificati. Tutto sommato si tratta di problemi risolvibili. E la sensibilità della direzione generale dell'Asl rappresenta la migliore garanzia».
L'organico è sufficiente?
«Sicuramente no. A tutto il personale del reparto ho chiesto il massimo impegno e di stringere i denti fino all'attuazione completa del piano di riordino quando sarà possibile tirare le somme».
C'è dell'altro da rivedere?
«Si, c'è il problema della pulizie del reparto che è affidato all'esterno. Non tutto va bene, bisogna lavorare per una organizzazione più precisa ed una maggiore puntualità».
I problemi non li nasconde ma è abituato ad affrontarli a viso aperto e sempre con una buona dose di ottimismo. Il dottore Tronci punta ai risultati. «Il reparto di Pediatria dell'ospedale Ferrari - conclude - continuerà ad essere un punto di riferimento autorevole per il territorio soprattutto perchè dispone di personale altamente qualificato e motivato».

 

 

Dì la tua opinione sul FORUM di Tuttocasarano

la nostra e-mail: tuttocasarano@tin.it