TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

 

 

Per la pubblicità su www.tuttocasarano.it

scrivi a bannertuttocasarano@virgilio.it   

  Home page

   La vita Politica

  Lo sport

  Cultura

  Tutto città

   Informazioni turistiche

    scrivici

oggi vi segnaliamo il sito: http://www.tiamobastardo.com/  

Programma di residenza internazionale e festival delle arti

 Casarano, 17 ottobre 2009

 

a cura di  David Cossin, Luigi Negro e Alessandra Pomarico

 

 Festival In Sonora e Centro D’Arte Matadero (Madrid)

Con il Patrocinio della Provincia di Lecce

 

 Programma di residenza per lo studio del territorio attraverso il dispositivo sonoro

 

17-24 ottobre 2009, Casarano (Lecce)

 Il Comune di Casarano ha deciso di caratterizzarsi per una politica culturale che metta assieme contemporaneità e partecipazione. Uno degli strumenti principali individuati dal sindaco Ivan De Masi per poter realizzare questo ambizioso progetto è quello delle residenze in loco di artisti di fama internazionale, allo scopo di interagire con i cittadini locali, contribuendo, così, alla crescita culturale ed artistica dell’intero territorio.

È con questo preciso intento che il Comune di Casarano ha deciso di dare avvio ad un progetto d’arte servendosi dell’esperienza di Sound Res, programma di residenza che da anni porta nel Salento artisti di spicco nel panorama mondiale.

 

Poiché la contemporaneità è un modo di pensare e di essere, che non può limitarsi al solo strumento della residenza, per quanto utile esso sia, nelle intenzioni dell’Amministrazione c’è l’idea di articolare una serie di iniziative che investano a 360 gradi i più svariati campi della cultura, dall’arte alla musica e dall’urbanistica all’architettura.

 

In questo disegno rientra il programma di residenza e festival internazionale di musica e delle arti Sound Res 2009-2010, che per altro si svolgerà in un Comune, come quello di Casarano, dove il 50% della Giunta è composto da donne, avvalendosi dell’esperienza di una squadra operativa tutta al femminile, quella di Calliope, Comunicare Cultura con un’età media di 40 anni, e godendo di nuovi partenariati e co-produzioni internazionali (in Sonora e Matadero di Madrid).

Tutto questo consentirà al progetto di sviluppare un programma più ampio e di costruire una stagione articolata nel corso di tutto l’anno.

 

L’idea che sta alla base del progetto è quella di attirare nel Salento, attraverso i programmi di residenza, i protagonisti del mondo culturale internazionale e di offrire loro un luogo aperto dove dedicarsi alla ricerca, allo studio, alla messa a punto di nuove produzioni.

La nuova amministrazione del Comune di Casarano punta alla cultura come mezzo imprescindibile di sviluppo sociale ed economico, nonché di rinascita della città. L’indirizzo che il sindaco Ivan De Masi ha in animo di seguire, è quello della contemporaneità con lo scopo di trasformare Casarano in uno dei principali centri culturali del Salento e punto di riferimento dell’arte contemporanea.

 

Il comune di Casarano sarà la sede di programmi di residenze, concerti, mostre d’arte contemporanea, attività di alta formazione e progetti di scambio con partner internazionali, al fine di sviluppare un’azione culturale organica e funzionale alla crescita del territorio e che sappia al tempo stesso rispondere alle esigenze di una contemporaneità sempre più  complessa e globalizzata andando oltre la logica dell’evento isolato, articolando il progetto nell’arco di tutto l’anno.

 

 

Primo appuntamento:

 

New Sounds_ New territories. 17-24 ottobre 2009  Casarano (Lecce)

Programma di residenza per lo studio del territorio attraverso il dispositivo sonoro

 

Si comincia dunque dal 17 al 24 ottobre con una residenza frutto della collaborazione tra Sound Res, il Comune di Casarano e il festival IN SONORA assieme al Centro d’arte contemporanea Matadero di Madrid, importanti centri della capitale spagnola che hanno selezionato cinque giovani artisti (Miguel Alvarez Fernandez col suo trio DissoNoiSex - composto dallo stesso Alvarez Fernandez, dal programmatore tedesco Stefan Kersten e dalla designer polacca Asia Piascik - Queralt Lencinas, e Manuel Calurano) per la prima fase di uno studio del territorio e degli aspetti sociali e culturali riflessi nel paesaggio.

 

Le premesse concettuali e la visione poetica degli artisti selezionati sembrano accomunate  dalla riflessione, antropologica e filosofica, sulle implicazioni sociali, politiche, emotive del linguaggio, inclusi quelli artistici e tecnologici. Il concetto di paesaggio sonoro, quello di interattività, quello di multimedialità, fondati tutti sulla premessa di un dialogo, di un ascolto, di un movimento dialettico, sono anch’essi spesso condizionati da pesanti sovrastrutture. La ricerca sui nuovi media  appare nel lavoro di questi artisti un modo per indagare la contemporaneità attraverso progetti collaborativi, aperti e condivisi, in cui l’opera diventa una piattaforma da cui partire per fare pratica ed esperienza, e  una modalità per restituire consapevolezza del proprio “ambiente” di vita. La mappatura sonora, scelta dagli artisti come mezzo e metodo dell’esplorazione, restituisce  e ricostruisce metaforicamente il Salento come territorio “nuovo”.

 

Programma

 

Residenza

 

Dal 17 al 24 ottobre gli artisti ospitati nel centro storico di Casarano avranno modo di lavorare con artisti locali e di seguire delle mappe emotive dei luoghi costruite da chi lo abita, saranno coinvolti in momenti di scambio e di convivio con gli abitanti, visiteranno laboratori d’artisti, aree d’interesse architettonico e paesaggistico, e luoghi di vita e di lavoro. Sulla base di queste suggestioni potranno poi sviluppare la propria ricerca attraverso il dispositivo sonoro. Le opere, prodotte in situ, verranno esposte successivamente all’interno della mostra SOUNDSCAPE, l’invenzione del paesaggio, organizzata nel 2010-2011 nel Comune di Casarano, che prevede la partecipazione di affermati artisti italiani e stranieri. La mostra farà poi tappa in altre città, ampliandosi di nuovi interventi per poi approdare in Spagna all’interno della programmazione di In Sonora.

 

 

Workshop

 

Il 23 ottobre dalle ore 15 alle 20 c/o Il Sedile di Casarano workshop sul tema “L’invenzione del paesaggio attraverso il dispositivo sonoro”

Giornata di lavoro e di confronto tra gli artisti ospiti e artisti salentini e pugliesi.

Il workshop e’ aperto al pubblico.

 

a seguire

sempre il 23 ottobre dalle ore 22,00 nell'attigua Piazza Nazario Sauro :

 

Festa/happening

 

concezione e allestimento visivo a cura di Davide Faggiano

intervento sonoro a cura di Pleo

 

 

 

Nel mese di  novembre, il programma Sound Res sarà presentato a Madrid all’interno del festival In Sonora che ha selezionato tre  installazioni sonore di David Cossin,  esposte all’interno dello spazio Off Limits di Madrid. Il nostro direttore artistico si produrrà anche in un concerto nella capitala spagnola, insieme al suo gruppo Bang on a can All Stars e al compositore Steve Reich.

 

 

L’intero programma della stagione Sound Res 2009-2010, patrocinii e collaborazioni sono in fase di definizione e verranno annunciati successivamente.

 

Maggior informazioni e aggiornamenti:

www.soundres.org

 

 

 

UFFICIO STAMPA E PRODUZIONE

CALLIOPE Comunicare Cultura

conntatti@calliopecomunicarecultura.net

Referenti:

Alessandra Caiulo 328.9631751

Elena Riccardo      338. 8321161


 

Cenni biografici degli artisti  e nuove collaborazioni

 

Il Festival In Sonora di Madrid e’ attivo dal 2005 per dare spazio e visibilità ad interventi artistici e sperimentali di giovani  artisti internazionali che utilizzano il dispositivo sonoro e interattivo e le nuove tecnologie. Il progetto, sostenuto con una borsa di mobilità, si avvale anche della consulenza del rinomato centro d’arte contemporanea Matadero, sorto nell’ex mattatoio di Madrid, che ospita e sostiene la ricerca e la formazione artistica e multidisciplinare.

 

In Sonora ha selezionato per Sound Res gli artisti Miguel Alvarez Fernandez col suo trio berlinese DissoNoiSex (composto dallo stesso Alvarez Fernandez e dal programmatore tedesco Stefan Kersten e dalla designer polacca Asia Piascik), Queralt Lencinas, Manuel Calurano per  prendere parte al programma di residenza nel comune di Casarano (17-24 ottobre) e qui realizzare le proprie opere.

 

Il programma Sound Res riparte con l’ausilio di nuove collaborazioni: una squadra operativa tutta al femminile, quella di Calliope, Comunicare Cultura, associatasi nella produzione e organizzazione della nuova edizione e dell’ufficio stampa, e la consulenza della curatrice Anna Cirignola, con uno sguardo privilegiato ad un modello di pensiero e di lavoro al femminile.

 

 

 

MIGUEL ALVAREZ FERNANDEZ  (http://miquelalvarezfernandez.wordpress.com/; http://miguelalvarez.es.kz; www.soundanism.org/)

 

Progetto cui lavorerà nella citta’ ospitante: DissoNoiSex

 

Miguel Álvarez-Fernández, giovane sound artist e designer spagnolo (Madrid,1979), definisce il suo background piuttosto convenzionale: studi di composizione al Conservatorio San Lorenzo de El Escorial, composer in residence alla "Residencia de Estudiantes" di Madrid dal 2002 al 2005, perfezionamento in

Germania all'Internationale Ferienkurse fur Neue Musik di Darmstadt, alla Stockhausen Stiftung di Kurten, all'Elektronische Studio-Technische Universitat di Berlino. A parte qualche collaborazione legata puramente alla composizione di musica elettronica – la colonna sonora per il film “Via Lactea” della regista brasiliana Lina Chamie, presentato all'ultimo Festival di Cannes, e la musica per il concerto/performance live elettronico dei Neues Kunstforum di Colonia, in programma il prossimo novembre – la sua ricerca attuale si sviluppa nella più diffusa mescolanza e ibridazione di media elettronici e artistici, in cui il suono e la relazione tra arte e fisiologia sono gli argomenti principali d'indagine.

Le opere che nascono dalla ricerca di Álvarez-Fernández utilizzano i media elettronici spesso in unione con gli strumenti tradizionali e la voce. Proprio in questo campo, per l'Università di Oviedo,  sta scrivendo una tesi di Dottorato in Musicologia, che indaga le connessioni tra voce e media elettroacustici. Queste teorie sono il terreno di ricerca del progetto DissoNoiSex (il trio Álvarez-Fernández, Kersten, Piascik), per cui Álvarez-Fernández è autore delle installazioni interattive Soundanism e Repressound.

Soundanism o Sonanismo, nella versione spagnola, è un'installazione sonora interattiva creata nel 2006 in

collaborazione con il programmatore tedesco Stefan Kersten e la designer polacca Asia Piascik. Il lavoro esplora le possibili interazioni tra musica, respirazione, masturbazione e sessualità. Il visitatore, indossando un elmetto e una maschera con un piccolo microfono incorporato, entra a far parte di un circuito chiuso: è lui stesso a provocare i suoni che percepisce. Il microfono assorbe i rumori generati dalla respirazione, che sono trasformati digitalmente in tempo reale e ritrasmessi attraverso 14 microcasse inserite all'interno dell'elmetto. Allo stesso tempo le informazioni raccolte sono comparate e ritrasmesse in unione con le caratteristiche di altre migliaia di possibili sonorità, collegate in vario modo con l'idea di sessualità (estratti di pellicole pornografiche, assolo rock di chitarra, suoni ripetitivi di animali e macchinari industriali), che il visitatore modifica e trasforma in modo volontario o involontario attraverso il suo respiro. L'opera esplora, dunque, la nozione di controllo in un sistema interattivo, e si colloca al confine tra evento pubblico e intimo, consapevolezza e sogno. Il lavoro evade dalle categorie di singola installazione o performance o strumento

sonoro, ma invita a interagire provando a controllare e dominare il sistema oppure semplicemente a rilassarsi e respirare. Questo esempio del lavoro creativo di Miguel Álvarez-Fernández chiarisce alcuni dei temi indagati nelle sue opere, fra cui  il modo in cui l'idea di sonorità sia connessa a quella di sessualità . Álvarez-Fernández Miguel ha scritto un testo illuminante su questo argomento, Del diálogo a la ilusión de control: Procesos interactivos en la instalación sonora Sonanismo in cui i temi chiave che sono alla base del lavoro e del pensiero dell'artista emergono con l'evidenza di una teoria,  problematizzando differenti questioni estetiche legate ai processi di interattività. Sonanismo propone una lettura critica di alcuni assunti tipici degli ambienti creativi per quanto riguarda l'arte digitale, l'arte elettronica, la media art. Il termine stesso di interattività, che ha ormai raggiunto una stratificazione di significati, spesso connessi con un'idea di positività e creazione, è oggetto di innumerevoli interrogativi, talvolta ironici, che l'opera vuole suscitare: In questo senso, è l'interattività intesa come dialogo ad essere indagata, come processo che mostra, però, tutti i suoi limiti e talvolta la sua impossibilità. È, infatti, la respirazione del soggetto stesso a generare la risposta dell'oggetto, che diventa in questo caso un “altro” dal soggetto, oppure - in termini migliori – l'“altro” che alberga nel respiro e nella mente di chi respira ed ascolta. Ma nella componente dialogica che si instaura, il sonanista si accorge di essere coinvolto nel processo di attivazione di questo meccanismo che lo rende contemporaneamente produttore e fruitore dell'opera. Questa presa di coscienza avviene nello scarto temporale del ritardo con cui i suoni giungono al visitatore, nel delay che gli autori dell'installazione hanno utilizzato per rendere meno diretta ed immediata l'impressione di risposta e conseguentemente di controllo sull'opera. La componente dialogica si realizza, dunque, nella costante attesa, curiosità, tensione comunicativa e nel contestuale tentativo di dominare il meccanismo dell'installazione stessa. Questa dicotomia si ritrova esattamente nelle relazioni con la musica e con il sesso, come acutamente nota ancora Álvarez-Fernández: La costante contrapposizione tra visivo/sonoro, pubblico/privato, esterno/interno, mente/corpo, materiale/immateriale, soggetto/oggetto, cosciente/incosciente, umano/animale, tecnologia/biologia, è anch'essa un tentativo di parlare dell'altro, sia in termini di suono che di sessualità, come due ambiti in cui si ha la possibilità o la necessità di avere accesso all'altro o all'altro sé che è dentro di noi. La pratica dell'interattività è per Miguel anche un modo di sottolineare l'intento politico dell'arte, in un senso sociale e culturale. Egli afferma che è necessario essere consapevoli che siamo noi stessi a decidere di stare al gioco e che questo in fondo ci piace. Usare l'interattività è un modo profondo di fare esperienza, di condividere anche gli aspetti meno evidenti della società e della cultura e tutte le nostre perplessità a riguardo. Il punto cruciale che Álvarez-Fernández vuole mettere in luce è che il suono, la musica, come il sesso, che sembrano talvolta e ingenuamente essere il frutto di spontanee attitudini, sono invece prodotti di differenti educazioni e di pratiche culturali. Ogni opera serve a costruire una piattaforma da cui partire per essere coinvolti, per fare pratica e vivere una serie di esperienze che permettano di avere più chiaro il meccanismo con cui si costruiscono alcune strutture e politiche culturali e sociali.

Questa idea approda al tentativo di tracciare una cartografia parallela della storia della musica, del suono in generale e della sessualità. Alvarez-Fernandez - e per questo il nostro concetto di musica dev'essere malleabile, flessibile, aperto […]. Un altro aspetto fondamentale e interessante della ricerca di Álvarez-Fernández è legato all'idea di voce intesa come interfaccia primaria – nelle varie modulazioni di suoni, respiri, sospiri, parole, accenti, pronunce – indagata come primo segnale dei modi con cui esprimiamo noi stessi e nel contempo ci rappresentiamo il mondo. La voce e il linguaggio come sistema culturale ricco di significati e messaggi, sono due elementi emergenti dell'installazione Repressound, che il trio DissoNoiSex sta attualmente sviluppando. Nell'installazione la realtà e la sua rappresentazione si confrontano attraverso il suono e l'immagine. Frammenti di film in bianco e nero sono proiettati su uno schermo esteso sull'intera superficie di una stanza: sui mobili e le pareti, simili a quelli che si vedono all'interno degli spezzoni stessi e dipinti in bianco e nero per amplificare e “allungare” il mondo dello schermo in quello esterno. Il pubblico, circondato da questi elementi di finzione, può navigare attraverso le micro-storie presentate nelle proiezioni: brevi scene di vecchi film, che sono fermate, congelate od offuscate; solo producendo suono con la voce o il corpo, il visitatore può attivare – e giocare con – questi frammenti cinematografici. L'intonazione, l'intensità e il timbro dei suoni prodotti fanno avanzare o retrocedere le sequenze, alterano il loro ordine temporale, modificano la qualità dell'immagine.

Di nuovo, ci si trova in presenza di contrapposizioni, che stimolano un rapporto dialogico tra l'opera e il fruitore: realtà/finzione, tempo/spazio, immagine/suono, arte/gioco, al contempo rafforzano e sfumano le distanze tra quello che viviamo e quello che potremmo vivere.

Miguel Álvarez-Fernández intende, dunque, la ricerca attraverso i nuovi media, come un modo per esplorare queste realtà per mezzo di progetti collaborativi, il più possibile aperti e condivisi. Egli stesso è un amateur professionista che ha il gusto per le forme pure dell'arte e dei media, restando ancorato agli aspetti più sostanziali delle opere, che permettano di arrivare al nucleo dell'idea e preservare la concettualità del lavoro dal rischio di una ridondanza tecnica e tecnologica.

 

QUERALT LENCINAS (http://queraltariana.blogspot.com)

 

Progetto cui lavorerà nella citta’ ospitante: Periferia: Un luogo al margine

 

QUERALT LENCINAS nasce a Barcelona e vive attualmente a  Madrid.

2001-2009 _Fine Arts Degree. Complutense University, Fine Arts Faculty (Madrid, Spain).

2008 _Cátedra de Juan Gris with the artist Jorge Pineda. Fine Arts Faculty, Complutense University (Madrid, Spain) _Artistic production workshop with Francesco Jodice, La Casa Encendida, (Madrid, Spain) _Interaction with sound objects workshop, with Josu Rekalde, festival In-Sonora, Intermediae (Madrid, Spain) _Sound recording and edition workshop, SAW Video, (Ottawa, ON, Canada)

2006 _TIPP, International Postgraduate Program (Tihany, Hungary), coordinated by the Fine Arts School of Budapest and The Goldsmith College of London.

1999-2001 _Secondary School in arts. I.E.S. Europa (Móstoles, Madrid) Solo shows

2009 _Descenso al cielo. Instituto Francés de Valencia. Festival Nits d’Aielo i Art, (Valencia, Spain)

2008 _Descenso al cielo. Asociación Conecta la Cultura, (Madrid, Spain)

2007 _Madrid ’06. La movida. Floristeria Lola Castro, (Madrid, Spain)

2005 _La Crépérie de l’Art. Red de Arte Joven de Madrid, (Madrid, Spain) _I.E.S. Puerta Bonita. Red de Arte Joven de Madrid (Madrid, Spain) _Café La Trocha (Madrid, Spain) Group shows

2009 _ Arte en acción, Elcarromato, (Madrid, Spain) _Genérico* Video Show, at Evento#2 de El Globo de Juan, Velha-a-Brança (Braga, Portugal) _Desastres cotidianos, Espacio Menosuno, (Madrid, Spain) _PROJECTarte. El Patio Maravillas, (Madrid, Spain)

2008 _Instantes de Paisaje 2008. CDAN. (Huesca, Spain) _Monitor Digital. Festival de Nuevas Tecnologías (Jalisco, Mexico) _Festival Optica. Videoart International Festival (Gijón and Madrid, Spain) _One Second Video Festival. La Laboral (Gijón, Spain) _I Muestra de Videoarte de Minimadelia Design Circus (Madrid, Spain) _TAIS Showcase 2008. Monster Edition. TAIS Centre (Toronto, Ontario, Canada) _The dirt palace. Intermedia 2008. Ottawa University (Ontario, Canada) _Samples. Primera muestra de vídeo de la Universidad de Puebla (Mexico) _New contemporaries. Lena & Roselli Gallery (Budapest, Hungary) _Show of the Visual Arts Department of the Ottawa University. La Petit Morte Gallery, (Ottawa, ON, Canada)

2007 _IX Edición del Premio Joven. Complutense Foundation (Madrid, Spain) _Certamen Arte Joven La Latina 2006. Latinarte (Madrid, Spain)

2006 _Ne pas toucher le contour. Ecole National d’Art Villa Arson (Nice, France)

2004 _I Concurso de Dibujo y Obra Gráfica de la UCM, Faculty of Fine Arts, Complutense University (Madrid, Spain) _Concurso de Pintura de la Fundación Valparaíso, Kreisler Gallery (Madrid, Spain)

2003 _I Concurso de Pintura y Obra Gráfica, Medicine Faculty, Complutense University (Madrid,

Spain) Prizes and scholarships

2009 _National Prize III Beca de Creación, Centre d’Art la Rectoria (Sant Pere de Vilamajor, Spain) _Selected project at Apadrina un artista 2009

2007-2008 _Ottawa University, (Ontario, Canada). International exchange program at the Visual Arts Department

2007 _IX Edición del Premio Joven. Complutense University (Madrid, Spain). Special Mention for the piece Hay una tensión entre nosotros y esa tensión proviene de ti

2006 _Ecole National d’Art de la Villa Arson (Nice, France), Erasmus Scholarship Other professional activities

2009 _Curator of the Genérico* Video Show

2008-2009 _Colaboration at Espacio Menosuno Association (Madrid, España) _Coordinator of the platform Apadrina un artista

2008 _Curator of the I Muestra de Videoarte de Minimadelia Design Circus (Madrid, Spain) _Volunteering at the production centre SAW Video (Ottawa, ON, Canada)

 

MANUEL CALURANO

 

Progetto cui lavorerà nella citta’ ospitante: Salento's Soundscape

 

Manuel Calurano nasce a Madrid.

 

EDUCATION- 2002, Computer Engineering in the Castilla La Mancha University.

-          2009, Currently studying Bachelor of Social and Culture Anthropology UNED

ADITIONAL EDUCATION- April 2008, “Soundscape and aurality”, workshop taught by escoitar in La Casa Encendida (Madrid).

- February 2008, “Web Design (Dreamweaver and Flash)", Dreamsoft (Madrid)

- December 2007, Electroacustic Music and Soundscape, taught by Jose Luis Carlés in LIEM/CDMC (Madrid)

- December 2006, “Design of interactive applications with MAX/MSP”, taught by Francisco Colasanto. / CDMC, Madrid.

- April 2006, Workshop: Artistic creation with urban environmental sounds taught by Jose Luis Carles in La Casa Encendida (Madrid).

- May 2005, Sound Art based in Simple Genetic Algorithms taught by Kim Cascone in La Casa Encendida (Madrid).

 

WORK EXPERIENCE INDRA SISTEMAS, September 2002-present, SW Analyst-programmer.

TEACHING EXPERIENCE- September 2008, "Learning to listen" workshop in Centro Hispano-Ecuatoriano, Madrid.

- January 2009, "Learning to listen" workshop in Plataforma de Radios Comunitarias, Madrid.

PROJECTS- Development and coordiation of the online project: MadridSoundscape. http://www.madridsoundscape.org

- Currently developing  a sound art, technology and music online magazine. www.sonsonoros.org

- Winning piece in terms of sound art in the call for works “Madrid Abierto 2009-2010”.  http://madridabierto.com/es/noticias/2009/artistas-seleccionados-madrid-abierto-2009-2010.html

- Winning piece in the call “En el aire 2008” (Hablar en Arte, Radio Círculo) http://www.hablarenarte.com/enelaire.htm

 

 

Alla Bua - Pizzicarella

 

 

 

               

 

 

http://www.percorsidarte.org/

 

www.livingcasarano.it

 

Casarano

 

------------------------------

Domenica 18 ottobre

 

 

 

 

 14/10/09 Dividi et impera. Di Piergiorgio Caggiula

1 commento

 

 

 12/10/09 "De Proponentia".

Di Marco Rocco Cavalera

2 commenti

 

 

 09/10/09 Parcheggio selvaggio a Casarano.

Di Gianluca Memmi

 

 

 08/10/09 L'uso politico dei parcheggi per colpire Casciaro.

Di Marco Memmi

1 commento

 

 

08/10/09 Strisce gialle e nere.

Di Franca Memmi

 

 

 08/10/09 Un giorno in consiglio comnuale.

Di Antonio Fracasso

 

 

 

 

http://www.pieroricca.org/

 

 

 

 

2000 - 2009 www.tuttocasarano.it All rights reserved.