TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

 

 

Per la pubblicità su www.tuttocasarano.it

scrivi a bannertuttocasarano@virgilio.it   

  Home page

   La vita Politica

  Lo sport

  Cultura

  Tutto città

   Informazioni turistiche

    scrivici

 

Il dott. Guglielmo Paradies

L’intestino era spostato nell’emitorace di sinistra, salvata una neonata operata al "Vito Fazzi" di Lecce dal dott. Paradies e dall'equipe operatoria della Chirurgia Pediatrica del "Ferrari"

 

Di Cesare Mazzotta

Dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 09/08/09

 

• Questa volta ha vinto la professionalità e la perfetta organizzazione sanitaria. E’ stato un successo il delicato e complesso intervento chirurgico eseguito ieri mattina al “Vito Fazzi” di Lecce, su una neonata in condizioni disperate. La bambina, nata da due giorni e figlia di una coppia leccese, presentava una grave malformazione al diaframma e i conseguenti segni dell’insufficienza respiratoria. Un’ernia diaframmatica, come ha rilevato il neonatologo che l’ha subito sottoposta a un’ecografia, che aveva determinato lo spostamento dell’intestino nell’emitorace di sinistra.

Non c’era tempo da perdere. La neonata era diventata di colore nero, proprio a causa dell’insufficienza respiratoria. Ed è a questo punto che è scattata l’emergenza territoriale prevista in questi casi. L’equipe chirurgica del reparto di Chirurgia pediatrica dell’ospedale di Casarano (unico nella provincia di Lecce) si è trasferita presso l’Unità di terapia intensiva neonatale (Utin) del “Vito Fazzi”, dove è stato chiamato d’urgenza anche il dottore Guglielmo Paradies, chirurgo pediatra, primario della Chirurgia pediatrica dell’ospedale per bambini Giovanni XXIII di Bari. Fino a dieci giorni fa il dottore Paradies dirigeva l’equipe chirurgica pediatrica di Casarano. Quindi attorno al tavolo operatorio della neonata leccese si è ricostituito il gruppo di chirurghi neonatali di Casarano. Accanto al loro ex primario hanno operato anche i chirurghi Michele Pagliarulo e Annamaria Corciulo.

Ma veniamo all’eccezionalità e al successo dell’intervento. «Di solito questi neonati, se non vengono operati subito, muoiono - spiega Paradies - Noi siamo intervenuti e siamo riusciti a correggere il difetto. Si è trattato di riprendere l’intestino e di ricollocarlo nell’addome, facendogli assumere un’adeguata posizione. Dopo di che abbiamo ricostruito il diaframma». Nonostante lo stress chirurgico subito dalla neonata, l’intervento, durato quasi tre ore, è perfettamente riuscito e adesso la bambina, intubata, affronta il percorso post-operatorio presso l’Utin di Lecce.

Negli ultimi tre anni l’equipe guidata dal dottore Paradies ha all’attivo sei casi di atresia dell’esofago (neonati che nascono con gravi ostruzioni dell’esofago); tre atresie intestinali; una idronefrosi (ostruzione delle vie urinarie) e questa seconda ernia diaframmatica. La difficoltà risiede nel fatto che il neonato in queste condizioni è intrasportabile e non sempre si riesce ad organizzare sedute operatorie in «trasferta».

 

29/07/09 Chirugia pediatrica perde il suo primario

 

Neffa - Lontano dal suo sole

 

 

 

 

 

 

               

 

Teatro della Busacca

Tre sere in amore

4 - 13 - 24 agosto.

-----------_-----------------------

"A tiempi mei"

Sabato 22 agosto

Piazza S. Giov. Elemosiniere

 

 

  08/08/09 Tempo al tempo! Di Paolo Ditano

 

 

 

 

  06/08/09 La stampa inglese e il paradigma Berlusconi
"Modello negativo da non imitare"

 

 

  05/08/09 Ora è evidente lo scopo ideologico dell'introduzione dell'RU486.

Di Enrico Giuranno

6 commenti

 

 

 05/08/09 I servizi pubblici inquinano piu' delle auto...

Di William Ghilardi

 

 

  04/08/09 Teofilo Stevenson, storia d'altri tempi.

Di Gabriele Bastianutti

 

 

  01/08/09 A chi deve governarci ora, Buon Lavoro.

Di Rita Stefàno.

2 commenti

 

http://www.pieroricca.org/

 

 

 

 

2000 - 2009 www.tuttocasarano.it All rights reserved.