"Come arrivano lontano i raggi di quella piccola candela: così splende una buona azione in un mondo malvagio."
(W. Shakespeare)

 

 

 

 

 TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

  Home page

   La vita Politica

  Lo sport

  Cultura

  Tutto città

   Informazioni turistiche

    scrivici

"L'amore, al pari della preghiera, è una forza e un processo evolutivo. E' curativo. E' creativo." (Z. Gale)

casarano

L'Italgest riprende l'iter per la costruzione della centrale a biomasse a Casarano

E.A.V.
Comitato intercomunale Energia Ambiente e Vita Casarano

energiaambientevita@tiscali.it 

20/02/2010

 

Il comitato EAV, dopo un periodo di riflessivo silenzio e di partecipazione costante alle tematiche nel frattempo dibattute di natura ambientale e sociale, apprende dalla stampa la notizia di una nota trasmessa anche al comune di Casarano dalla Regione Puglia area delle Politiche dello Sviluppo Lavoro ed Innovazione Servizio Energia reti e Infrastrutture Materiali per lo sviluppo, attraverso la quale si da formalmente avvio al procedimento per la convocazione della conferenza dei servizi finalizzato all’ottenimento dell’autorizzazione unica necessaria per la realizzazione della megacentrale a biomasse di proprietà della Italgest spa a Casarano.

Stupiti e preoccupati dalla riproposta dell’idea imprenditoriale di questo spettro ambientale ribadiamo la nostra contrarietà a questo tipo di proposte progettuali le quali si fondano su premesse difficilmente sostenibili.

Ritenendo inoltre indispensabile che decisioni di fondamentale importanza per la salvaguardia della salute e del territorio debbano passare anche attraverso il coinvolgimento comune delle popolazioni interessate il comitato EAV che sin dal principio si è attivato, insieme ad altre associazioni, in tal senso ha ottenuto con grande mobilitazione popolare, l’importante risultato di poter dare libera e democratica voce alla  comunità in merito al progetto, attraverso l’indizione del referendum il quale sebbene consultivo resta sicuramente determinante.

Maggiormente, quando registriamo come nessun impianto similare proposto sul territorio sia mai stato realizzato e mai abbia incontrato la condivisione delle comunità interessate. Esempio massimo è quello che ha visto un imprenditore locale per una installazione della stessa natura (vedi Surano), anteporre la responsabilità sociale e la coscienza civica al perseguimento del pur legittimo profitto, rinunciando alla realizzazione dell’impianto stesso e ciò dopo aver ascoltato sia le contrarie istante dei conterranei sia le raccapriccianti relazioni tecnico scientifiche degli esperti sulle ricadute nel territorio.

Pare inutile sottolineare come il comitato EAV seguirà la vicenda con rinnovata attenzione nell’unico interesse del bene collettivo e previo confronto con tecnici competenti.

 

 

Lascia stare Biagio Antonacci

 

 

 

               

 

Casarano

 

 

05/02/2010 Personaggi illustri di Casarano: Clodomiro Albanese

 

 

12/02/2010  Un disperato bisogno di lavoro

 

17/01/2010 Troppi compiti?! Una mamma esasperata

 

 

 

Casarano

 

 

 

 

31/05/04 Conferita a don Ciotti la cittadinanza onoraria

 

 

 

2000 - 2010 www.tuttocasarano.it All rights reserved.