"Come arrivano lontano i raggi di quella piccola candela: così splende una buona azione in un mondo malvagio."
(W. Shakespeare)

 

 

 

 

 TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

  Home page

   La vita Politica

  Lo sport

  Cultura

  Tutto città

   Informazioni turistiche

    scrivici

"L'amore, al pari della preghiera, è una forza e un processo evolutivo. E' curativo. E' creativo." (Z. Gale)

Messaggio del Vescovo Mons. Domenico Caliandro per la Santa Pasqua 2010

 

 

 

Diocesi di Nardò - Gallipoli

curia@diocesinardogallipoli.it

Nardò, 04/04/2010

 

Carissimi figli, Cristo è risorto!
 

Con quest'acclamazione la Chiesa annuncia la presenza del Risorto nella storia. L'intera salvezza si riassume e compie in questo evento da sempre percepito, nella vita e nella Tradizione della Chiesa, come il più importante, a motivo delle prospettive che esso dischiude. 

In rapporto a questo grande Mistero, vorrei che la nostra attenzione si soffermasse su due aspetti che ritengo particolarmente illuminanti.

Il primo punto fermo è la storicità dell'evento che celebriamo nella ricchezza della liturgia di questi giorni. La risurrezione di Cristo è un "fatto", obiettivo, avvenuto e testimoniato. Non è quindi né un simbolo né una semplice speranza, così come affermato dal "pensiero debole".  Cristo è davvero entrato nella vita e l'ha trasformata al punto da conferirle un senso totalmente nuovo. L'uomo contemporaneo può trovare solo nella risurrezione di Cristo il significato profondo della propria storia e di quelle vicende, tristi o felici, che caratterizzano la sua quotidianità.

Percepire la portata e più di ogni altra cosa, la grandezza di questa verità di fede, significa aver posto già in questa vita le basi per una gioia senza fine e per un'esistenza nella quale "Dio tergerà ogni lacrima" (Apocalisse 21, 4).

Il secondo aspetto è dato dall'inseparabilità del Risorto e del Crocefisso. Croce e Risurrezione si richiamano vicendevolmente come attesta l'angelo alle donne: "Voi cercate Gesù Nazareno, il Crocifisso. E' risorto, non è qui." ( Mc. 16, 6). Mantenere questa identità è essenziale alla vita di fede. Non ogni esistenza, infatti, è sottratta alla vanità ma solo quella che ripercorre il cammino tracciato dal Crocefisso. È la vita donata nel "Figlio dell'uomo", nonostante il dolore e talvolta la durezza dei cuori, a condurre verso le luci del mattino di Pasqua.  In questo senso la risurrezione rappresenta la parola definitiva di Dio sulla morte e su un preciso modo di vivere: quello segnato dall'amore che si lascia ferire dal volto dell'altro.  

A tutti, specialmente a quanti in questo momento soffrono nel corpo o nello spirito, esprimo la mia vicinanza. Penso in particolare agli ammalati, agli anziani in solitudine, alle famiglie provate dalla disoccupazione e dalla crisi, ai giovani scoraggiati per il loro futuro. Giunga il mio più sincero augurio di buona Pasqua ad ogni uomo o donna di buona volontà.

Pasqua 2010

 

        Nel Signore
        + Domenico Caliandro
       Vescovo di Nardò-Gallipoli

 

 

02.04.2010: 5 anniversario della morte di Papa Giovanni Paolo II

 

 

 

 

               

 

Clicca sugli annunci Google per sostenere TuttoCasarano

 

 

 

 

 

 

 

Il Dr. ANTONIO INGROIA

(Procuratore antimafia di Palermo)

il 22 aprile sarà a Casarano

 

 

 

 

31/05/04 Conferita a don Ciotti la cittadinanza onoraria

 

 

 

2000 - 2010 www.tuttocasarano.it All rights reserved.