Appello: restituiamo l'epigrafe romana alla città.

Sottoscrivi l'iniziativa

 

 

 

 

 TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

 

Il guerriero della luce crede. Poiché crede nei miracoli, i miracoli cominciano ad accadere. (Paulo Coelho)

  Home page

   La vita Politica

  Lo sport

  Cultura

  Tutto città

   Informazioni turistiche

    scrivici

Palazzo D'Elia

Nuovo volto per il centro storico di Casarano

 

 

Segreteria del Sindaco Ivan De Masi

segreteria@ivandemasi.it

Casarano, 31/08/2010

 

 

Grazie al finanziamento di 1 milione di euro, ottenuto nell’ambito del progetto di Rigenerazione Urbana, verranno rimessi a nuovo Palazzo D’Elia e Piazza Garibaldi.

Il progetto prevede interventi per un valore complessivo di 1 milione e 250mila euro, grazie ad un cofinanziamento da parte del Comune di 250mila euro.

A descrivere nel dettaglio il progetto sono l’assessore all’Urbanistica Attilio De Marco e l’assessore ai Lavori Pubblici Marcello Torsello.

«A seguito di un incontro tenutosi lo scorso 6 agosto con i cittadini, è emersa – spiega De Marco – l’esigenza di recuperare Palazzo D’Elia e Piazza Garibaldi. Quest’ultima sarà l’elemento di connessione tra Palazzo D’Elia e la parte del centro antico già oggetto di recupero, sia attraverso fondi pubblici, come piazza San Giovanni, sia con finanziamenti privati, come Borgo Terra e Palazzo De Lorenzi. Gli interventi su Palazzo D’Elia prevedono il restauro della facciata ed il recupero del primo piano. Dal punto di vista statico, infatti, il piano terra è in buone condizioni».

«Avendo a disposizione il cosiddetto quadro fessurativo, ovvero lo studio sulla presenza di fessure visibili e invisibili, si procederà – aggiunge l’assessore Torsello - al consolidamento del Palazzo. Contestualmente saranno realizzati gli impianti, da quello elettrico a quello termico e a quello antincendio. Saranno inoltre rimosse le barriere architettoniche e sostituiti gli infissi. Il progetto è stato redatto dal dirigente del Settore Sviluppo locale, Francesco Longo. Di grande impatto risulta il progetto relativo a piazza Garibaldi, anch’esso redatto dall’architetto Longo, che prevede interventi quali la posa del basolato e dei sottoservizi e che prelude alla successiva fase di limitazione del traffico nel centro storico ed al definitivo rifacimento della stessa piazza».

Il Comune di Casarano è stato uno dei 14 comuni dell’intero territorio regionale ad essere ammesso senza riserve, sugli oltre 40 che hanno presentato richiesta.

«Attraverso questo intervento - commenta il sindaco Ivan de Masi – restituiremo alla cittadinanza un vero e proprio gioiello architettonico che diventerà un importante contenitore culturale. Tuttavia, come ho avuto modo di dire in passato, il progetto non si limita alla semplice ristrutturazione di una piazza ed un immobile, ma si inquadra in un ambito ben più articolato e complesso che riguarda l’aspetto socio-economico della Città. Proprio per questo abbiamo incentivato la partecipazione dei cittadini alla elaborazione del progetto, nella convinzione che qualsiasi intervento in sede di urbanistica deve basarsi non solo su ragioni di mera funzionalità, ma deve essere supportato da un’adeguata e approfondita visione antropologica e sociologica».

__________________________________________________________________

 

 

02/09/2010 Leggo con piacere la notizia dei prossimi restauri che interesseranno il centro storico di Casarano; da diversi anni difatti sia personalmente che nell'ambito associativo mi sono occupato in prima persona delle problematiche inerenti lo stato dei beni culturali della città salentina.

Tuttavia pongo all'attenzione dell'amministrazione di Casarano una semplice quanto fondamentale domanda, la linea che si vuol seguire sul recupero del centro storico è quella adottata già nelle precedenti amministrazioni?

Forse è il caso di ricordare che l'approssimazione di quei lavori (sui quali l'amministrazione doveva vigilare) ha tra le altre cose determinato lo scempio del sedile cittadino e della piazza principale ovvero quella di San Giovanni; si vuol finalmente procedere con il giusto criterio non sociologico, antropologico o architettonico ma col quanto mai necessario criterio archeologico?

Non vorrei che anche questa diventi l'ennesima iniziativa aperta ai pochi "eletti" e gli altri tutti fuori.

Attendiamo fiduciosi buone notizie da parte dell'amministrazione di Casarano

Alessandro De Marco

alex.de.marco@libero.it

Presidente ArcheoClub d'Italia,

sede di Casarano via E. Fermi 5, 73042 Casarano (LE)

 

 

 

 

Parla con Me 23-03-10 - Piercamillo Davigo -

 

 

 

 

               

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

 

 

NO ALLA LEGGE BAVAGLIO

 

 

31/05/04 Conferita a don Ciotti la cittadinanza onoraria

2000 - 2010 www.tuttocasarano.it All rights reserved.