TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

 Home page

 La vita Politica

 Lo sport

 Cultura

  Tutto città

 Informazioni turistiche

 La nostra E - mail

Cesarino Leopizzi ricorda un precedente poco rassicurante. Squadra in ritiro

«Troppi pezzi d’antiquariato

il Casarano rischia una figuraccia»

 

 

Di Oronzo Russo

russooronzo@libero.it

Dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 20/11/2007

 
C A S A R A N O. La sconfitta di Massafra rischia di compromettere i rapporti con la tifoseria. Non sono pochi coloro i quali non accettano più la squadra: «Non sono solito fare critiche gratuite - dice Cesarino Leopizzi, tifoso storico del Casarano - anche perchè voglio un gran bene alla mia città, a Paride De Masi che ammiro, alla squadra. Di questo passo, però, rischiamo di fare delle figure meschine che non s'accordano col nostro blasone.

Credo che le ragioni ci siano ed anche vistose. Questa è, infatti, una squadra d’antiquariato. La gran parte dei calciatori, già avanti nell’età, sicuramente grandi campioni del passato, ed è detto senza cattiveria, sono privi di stimoli e motivazioni. Ecco perchè faccio un appello a De Masi ed ai Maci: c'è bisogno, accanto a qualche uomo di grande esperienza che sa giocare di fioretto, di gente di categoria che scenda in campo in maniera ispirata. Ricordo che il Casarano si è trovato in analoga situazione nell’ultimo anno di C1, allorquando arrivarono personaggi del calibro di Policano, Nobile e tanti altri che avevano giocato in serie A. Finimmo per scendere in C2».

Non è dissimile il pensiero di Giovanni Scorrano, per tutti «Scatolone»: «A De Masi abbiamo detto cosa pensiamo e speriamo che ne faccia tesoro. Siamo vicini a lui ed alla Fondazione Sorelle Bastianutti per il progetto meraviglioso che ha cambiato non poche cose nel comportamento dei tifosi, ora molto responsabili». In pratica, la tifoseria è rimasta delusa dall’atteggiamento della squadra, soprattutto nel secondo tempo, allorquando molti calciatori erano fermi sulle gambe, senza stimoli, col Massafra a fare il bello ed il cattivo tempo con determinazione, grinta, grande cuore.

E’ stata una giornata che non sarà facile dimenticare a cuor leggero. Ed è stato questo che ha fatto riflettere sull'anagrafe dei giocatori dei quali un nutrito numero è di ultratrentacinquenni. Tocca ora alla società ed al tecnico comprendere i motivi che fanno del Casarano una squadra inguardabile in trasferta, non foss'altro per rispondere agli sforzi di Paride De Masi che, sin qui, non ha fatto mancare grande determinazione e, soprattutto, risorse. Intanto, due scarne righe della società annunciano la decisione di mandare la squadra da ieri pomeriggio alle 17, sino alla gara di domenica, in ritiro al villaggio di Mondodoro di Trepuzzi.

 

 

 

www.tuttocasarano.it

 

 

Tacco di novembre

 

 

28/06/07 Nell'ambito del Pit 9 si realizzerà a Casarano e non più a Sannicola il "Consorzio Radion"

 

 

 

27/06/07 Tributi comunali (ICI, TARSU), scadono i termini per richiedere le esenzioni.

 

 

 

27/06/07 Casarano c'è! Di Walter Vergari, presidente Pro Loco Casarano

 

 

 

27/06/07 Bullismo, famiglie a raccolta

 

 

 

2000 - 2007 www.tuttocasarano.it All rights reserved.