TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

  Home page

   La vita Politica

  Lo sport

  Cultura

  Tutto città

   Informazioni turistiche

    scrivici

 Oggi vi segnaliamo il Blog di Remo Tomasi: http://mentelibera.blogspot.com/  

Energia alternativa. Le precisazioni dell'attività. «Il Gruppo Italgest aperto ad ogni confronto»

 

 

Dal Nuovo Quotidiano di Puglia del 29/12/2007

 

La lettura, sugli organi di stampa, delle dichiarazioni rese dal Comitato costituito in Casarano per l'ambiente e l'energia, impone alcune considerazioni.

Si legge che la "centrale" a biomasse da ubicare in territorio di Casarano è un attacco alla vita delle popolazioni (addirittura la si paragona ad "eco-mostri"), che l'imprenditore proponente persegue solo il proprio interesse personale, costi quel che costi, e che il gruppo Italgest si sottrae volontariamente ad ogni confronto sul tema

Tali affermazioni sono false, mistificatorie ed evidente frutto o di malafede o di non conoscenza della questione affrontata. Infatti: il progetto non riguarda una mega-centrale ma un impianto, costituito da due motori diesel inequivocabilmente non inquinante, al contrario di quanto si voglia far pensare!

In realtà si discute su un argomento che il Comitato stesso afferma di non conoscere. Infatti, essi lanciano invettive e giudizi su un progetto che (hanno più volte affermato pubblicamente e sulla stampa) non hanno ancora potuto visionare. Allora, di che cosa parlano? Di affermazioni generiche di principio, o di questioni concrete fondate su un’accurata conoscenza dei problema e dell’oggetto del dibattere? Non farebbero bene, prima di inveire, a studiarsi il progetto?

Si afferma che il gruppo Italgest si è sottratto al confronto: falso, ovviamente. Il gruppo Italgest da tempo sta invitando l'Amministrazione Comunale e recentemente con un comunicato stampa (evidentemente non letto dai responsabili del Comitato) il Comitato stesso ad un confronto pubblico o privato (non fa alcuna differenza) tra esperti del settore, su basi concrete e scientifiche e non su slogan, in ordine al progetto, dato che il gruppo Italgest ritiene indispensabile la corretta informazione e coinvolgimento della popolazione su un'iniziativa, ancora al suo inizio, che concretizza un primo passo verso il cambiamento ed un modello di sviluppo economico nuovo ed eco compatibile. Sino ad oggi, però, né l'Amministrazione Comunale, né il Comitato ha invitato questo gruppo al confronto richiesto.

Si riduce tutto al veniale interesse di un imprenditore senza scrupoli, affermazione sulla quale si preferisce stendere un velo pietoso dato che, da un canto dimostra come uno dei fini del nascente comitato sia l'attacco personale e strumentale, dall'altro la tecnica diversiva: in buona sostanza si desta allarme, senza prima informarsi seriamente, si distribuiscono nella popolazione perplessità e preoccupazioni, si attaccano gli esponenti principali di un'iniziativa, ma ci si guarda bene dall'affrontare seriamente l’argomento, con competenza e dovizia di particolari. In buona sostanza si trasferisce l'attenzione della popolazione sui luoghi comuni e sulle mistificazioni, senza mai approfondire davvero il problema.

Il Gruppo Italgest, e questa ove ve ne fosse bisogno è una dichiarazione ufficiale e formale, si pone a disposizione di tutti per ogni confronto sul progetto in questione, confronto serio, scientifico, approfondito e intellettualmente onesto (aspetto, quest'ultimo, che sembrerebbe il più difficile da perseguire viste le premesse).

Sin da ora, però, dichiara di non essere più disponibile a fungere da bersaglio per accuse ed invettive infondate e basate su falsificazione della veritá, pertanto si tutelerà da ora in poi in ogni sede, incluse quelle giudiziarie contro tali attacchi immotivati e fuori luogo.

La proposta Italgest guarda al futuro, promuove sviluppo ed occupazione nel rispetto della salute e della vita di tutti.

L'impianto a biomasse sarà abbinato a quello fotovoltaico che si svilupperà su 24.000 mq della ex Filanto e sarà il secondo impianto in Puglia come dimensioni, dopo la centrale solare fotovoltaica di Brindisi (anche di questo non si tiene conto. Perché?).

Il rilancio di una città atteso da anni oggi è possibile. Chi ritiene che questo progetto non vada bene, proponga la sua soluzione alternativa anziché dire solo "no".

E' vergognoso accreditarsi spregiudicatamente attraverso le bugie e le strumentalizzazioni, puntando a raggiungere scopi solo personali.

Il gruppo Italgest, invece, desidera vedere realizzato un progetto capace di contribuire a far vivere alla città una stagione nella quale la stessa ritorni ad essere protagonista. L'obiettivo è farla dunque rivivere e non far morire qualcuno inquinandola. I cittadini, quelli di Casarano, sanno bene da che parte sta la verità,

 

 

 

 

 

 

 

 

 www.tuttocasarano.it 

              

 

Nessuno tocchi Clementina

 

www.astronomiacasarano.it

 

Percorsi d'Arte è in Via Matino, vieni a trovarci

 

 

 

  17/12/07 E' in edicola "il tempo e la musa" la prima pubblicazione di Davide Barletta

 

 

 12/12/07 Quando le nostre scelte, per negligenza o per scelta,  ricadono sugli altri.

Di Gabriele Bastianutti

 

 

  11/12/07 William Ghilardi sul nostro Forum prova ad immaginare lo sviluppo economico della nostra città e chiede il vostro contributo di idee.

 

 

  11/12/07 Femore rotto durante una passeggiata in bicicletta ad Otranto, per colpa di una buca.

 

 

  11/12/07 Il Patto di ferro del centrodestra. Di Francesco De Vita. Un commento

 

 

 

 

2000 - 2007 www.tuttocasarano.it All rights reserved.