TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

 

  Home page

   La vita Politica

  Lo sport

  Cultura

  Tutto città

   Informazioni turistiche

    scrivici

  oggi vi segnaliamo il blog: genitori scuola salento

centale biomasse

Determinante passo in avanti verso la realizzazione della centrale a biomasse «Heliantos 2» progettata dal gruppo Italgest

 

 

Di Alberto Nutricati

Dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 12/12/08

 

 
Determinante passo in avanti verso la realizzazione della centrale a biomasse «Heliantos 2» progettata dal gruppo Italgest.
La centrale, infatti, non ha alcun bisogno della valutazione di impatto ambientale (Via), purché si rispettino alcune prescrizioni che andranno verificate in sede autorizzativa.
A deciderlo è stato il Servizio politiche energetiche della Provincia, attraverso una determina dirigenziale.
Le condizioni poste dalla Provincia sono ben precise: installazione di un sistema di filtri allo scopo di abbattere le polveri totali al di sotto di 50 mg/Nmc; rilevamento continuo delle concentrazioni di polveri totali, NOx, O2 libero e ossido di carbonio; valutazione del reale apporto di rumore al clima acustico della zona; integrazione della documentazione con il piano di gestione operativa, il programma di sorveglianza e controllo ed il piano di ripristino ambientale.
L’esclusione d’assoggettamento a Via, precisa la Provincia, è «subordinata all’utilizzo, quale combustibile, della specifica biomassa di progetto, ovverosia olio vegetale grezzo ottenuto per premitura meccanica dei semi di piante oleaginose (colza, girasole, eccetera)». In tal modo, si sgombera il campo dall’ipotetico utilizzo di qualsiasi altro tipo di combustibile, mettendo a tacere alcune voci circolate tra i cittadini.
Ma quali sono le caratteristiche dell’impianto?
Intanto, si tratta di una centrale a ciclo combinato per la cogenerazione di energia elettrica (25 Mega Watt) e calore (8 MW) alimentata a biomassa.
L’impianto sarà costituito da due gruppi elettrogeni con motori endotermici a ciclo diesel. L’energia prodotta sarà di tipo meccanico, per la rotazione del motore, e di tipo termico, per i fumi di scarico e l’acqua di raffreddamento. L’energia meccanica sarà convertita in energia elettrica, mentre quella termica sarà utilizzata per alimentare un ulteriore generatore elettrico e per autoconsumo.

Due le criticità evidenziate dalla Provincia: la tecnologia di abbattimento delle emissioni a camino, che dovrebbe garantire degli «standard tecnologici più avanzati», e «la mancata localizzazione del bacino interessato dalle coltivazioni oleaginose, per l’approvvigionamento di biomassa proveniente da filiera corta, con indicazione degli ettari di superficie necessari e dell’eventuale ricorso a pratiche irrigue». Su quest’ultimo aspetto la Provincia pretende che vengano «valutati i costi, i consumi e le emissioni legati al trasporto della biomassa».

Secondo quanto si legge nella determina, la filiera di tali coltivazioni, che a regime dovrebbe integrare per il 30 per cento i fabbisogni della centrale, non è ancora stata avviata. Per questo motivo, nel primo periodo di esercizio, fino al completamento della conversione verso le colture energetiche autoctone, è previsto il «ricorso ad olio vegetale proveniente dall’Indonesia o dal sud-est asiatico, da stoccare in serbatoi nel porto di Brindisi». Su questo aspetto, però, giunge la precisazione del gruppo Italgest che parla di filiera corta e, ad integrazione di quest'ultima, di filiera lunga sostenibile, in virtù di un accordo con una regione del Madagascar.
Ad ogni modo, quello relativo al rifornimento, insieme alla pur minima quantità di emissioni, è il punto che nel recente passato ha suscitato le maggiori perplessità da parte di chi guarda con occhio critico alla realizzazione di «Heliantos 2».

 

 

 

Il Regalo Più Grande - Tiziano Ferro.

 

 

 

               

 
Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare. Federico Fellini

 

Free Tibet

 

http://www.percorsidarte.org/

 

 

 12/12/08 Procure contro e Pd nei guai.

Di Anselmo Ciuffoletti

 

 

 12/12/08 Centrali a punta di spada.

Di Gianni Bellisario

 

 

 12/12/08 Le facce della paura.

Di Antonio Memmi

 

 

 11/12/08 La volpe e i leone.

Di Paolo Memmi

3 commenti

 

 

 10/12/08 Zorro.

Di Marco Travaglio

 

 

 09/12/08 Le considerazioni dell'ing. Francesca De Robertis alla lettera della Italgest contro il dott. Serravezza

 

 

 09/12/08 Esaù e il piatto di lenticchie.

Di Gabriele Bastianutti

 

 

 09/12/08 Controllo & Riduzione del Potere - Economico
 

 

 08/12/08 Casarano: la città dove tutti si distrugge e nulla si migliora.

Di Francesco De Matteis

 

 

 06/12/08 Una città a misura di...

Di Francesco Ferrari

 

 

 06/12/08 Il PD di Berlusconi.

Di Enrico Fattizzo

 

 

  05/12/08 Questione Morale.

Di Marco Mastroleo

 

http://www.pieroricca.org/

 

 

2000 - 2008 www.tuttocasarano.it All rights reserved.