TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

 Home page

 La vita Politica

 Lo sport

 Cultura

  Tutto città

 Informazioni turistiche

 La nostra E - mail

Il bavaglio al sindacato. (L'esercito dei mammalucchi*)

 

Casarano 18/10/06  

 

SECONDA CONTESTAZIONE DI ADDEBITI AL SEGRETARIO PROVINCIALE DELLA CISAL SANITA’ D’AMBRA GIOVANNI

è stato omesso oltre alla funzione ricoperta il titolo del volantino:

D I M I S S I O N I  ! (n.d.r. )

 

 “…… con nota prot.62971 del 21.9.06, la Direzione Sanitaria Aziendale ha fatto pervenire alla scrivente un volantino che la S.V. avrebbe distribuito ed affisso all’interno del presidio. Il contenuto di detto volantino,redatto su carta intestata “ Federazione CISAL SANITA”, 18.09.06 e recante il nominativo della S.V.,quale autore dello stesso, risulta essere gratuitamente oltraggioso e gravemente lesivo della onorabilità gestionale della Direzione Generale dell’ASL LE/2, e in nessun modo giustificabile né nell’ambito del ruolo sindacale dalla S.V. ricoperto, né quale espressione della libertà di pensiero. Per quanto sopra, si formula contestazione di addebiti, con assegnazione di un termine di 20 giorni per fornire le proprie controdeduzioni. Firmato il dirigente amministrativo dott.Annamaria Paolini “.

 

 

Denunciamo con forza le continue intimidazioni che, soprattutto da un anno a questa parte solo il nostro sindacato continua a ricevere e , per questo, ci riserviamo di agire in ogni sede e giudizio nei modi e tempi che riterremo opportuni, per la salvaguardia e la tutela dei diritti e delle prerogative sindacali della nostra sigla CISAL SANITA’.

Deploriamo, altresì, il colpevole e ambiguo silenzio di tutte le altre organizzazioni sindacali di ogni categoria : ANAAO ASSOMED, ANPO, CIMO , CIMO SNABI,  CGIL MEDICI , CISL MEDICI , CUMI AISS , FESMED, SIMET, SIVEMP, UIL MEDICI, UMSPED AAROI, UMSPED AIPAC, AUPI, CONFEDIR SANITA’, SINAFO, SI.DIR.S.S. , SNABI, CGIL FP, CISL FPS, UIL FPL, FIALS, FSI, RSU  che  hanno preferito attuare, su argomenti così importanti per i lavoratori della sanita’ e per tutti gli utenti,  la cosiddetta politica del mammalucco che si nutre di inconsapevolezza mista ad incoscienza , con l’ormai classico: non vedo , non  parlo, non sento !  E  non si pone attenzione all’utenza che, a chiare lettere, anche dalle pagine dei giornali ci etichetta come facenti parte di una sanita’ da terzo mondo !

Tutto questo , oltre che vergognoso , lascia spazio ad ogni tipo di interpretazione anche per la  stragrande ( e purtroppo ancora silenziosa ) maggioranza dei dipendenti dell’Ausl le 2 di Maglie  che e’ comunque disgustata da questa condotta !

Forse  non spetta anche al sindacato il controllo per un  corretto, accertato e stabile funzionamento di delicate apparecchiature diagnostiche che devono servire a dare risposte di salute e di qualita’agli utenti ; o il rispetto di seri standard organizzativi del personale ; o  la certezza di erogazione delle prestazioni sanitarie in tempi accettabili ; o  una seria organizzazione del lavoro di tutto il personale dipendente ( nessuno escluso ! ) con  la considerazione di reali dotazioni organiche ; o  la certezza ad adempiere alla lettera i protocolli d’intesa con le varie ditte che hanno in appalto la pulizia dei nostri ospedali e distretti , il servizio di cucina e la distribuzione dei pasti ai degenti, i servizi di manutenzione dei vari impianti ospedalieri ; o controllare affinché vengano veramente ( e finalmente )  eliminate le decine e decine di barriere architettoniche che continuano ad esistere nelle nostre strutture sanitarie e che non permettono o limitano la completa mobilita delle persone o , fatto ancor più grave,  ai disabili e che determina una gravissima forma di discriminazione punita, tra l’altro,dall’art.23 comma 5 della legge 104/92 ? Noi, per esempio, il coraggio civico di denunciare quest’ultima cosa alla Procura della Repuibblica  di Lecce lo abbiamo avuto ! Dagli altri, solo  il silenzio !

O questi , sono  solo argomenti di poco conto per tutti i sindacalisti che siedono ogni giorno al tavolo “ delle trattative “  !

Ma si’, loro hanno da pensare a tutt’altro !

Devono pensare alle tante sistemazioni, fatte solo attraverso l’appartenenza e l’affiliazione alle loro sigle e ai loro potentati politici, senza tener conto invece delle professionalità e dei meriti di tanti ed altrettanti professionisti che esistono in Azienda.

Devono pensare a far nominare una fiumana di responsabili, vice responsabili, coordinatori, vice dei vice del vice, con i soli soliti a fare i soliti turni e mandare avanti i reparti ed i servizi !

 Devono pensare a metter mano ad una miriade di unita’ operative semplici e  complesse (più di 50!) ……” finalizzata all’allargamento dell’offerta quali-quantitativa all’utenza e alla piena espressione delle numerose professionalità presenti nella nostra Azienda  “ ( ! ) .

Ci domandiamo cosa significano queste parole e vogliamo sapere quali sono stati i criteri di individuazione adottati. A ben vedere nell’Ausl Le2 di Maglie ( ma anche nelle altre ) abbiamo un esercito di Generali e Colonnelli  e solo un manipolo di soldati !

E mentre loro continuano beati ad interessarsi solo di ciò , noi continuiamo, invece,  a dire di essere stanchi di assistere, alle ininterrotte lamentele del personale e degli utenti sulla disorganizzazione dei Servizi e degli uffici .

 

 

 

 

 Ma soprattutto, ci siamo stancati di dover vedere e continuare a subire scelte organizzative fatte con grande approssimazione !  E avallate da chi dovrebbe difendere i lavoratori !

 Questo modo di fare sindacalismo è divenuto ostaggio di situazioni che nulla hanno a che vedere con le funzioni ed i ruoli che gli competono all’interno delle realtà lavorative dell’Azienda.

Questa è l’amara realtà che ci si guarda bene dall’ evidenziare !

 

NOI DI CISAL SANITA’ NON CI PIEGHEREMO E DIREMO LA NOSTRA OGNI VOLTA CHE RITERREMO UTILE INTERVENIRE.

E NON PERMETTEREMO A NESSUNO DI  OFFRIRCI LEZIONI SUL MODO DI FARE SINDACATO  NE’ TANTOMENO DI PRIVARCI DEL NOSTRO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL NOSTRO PENSIERO !

 

 

  

 

  • Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. ( Art.21 della Costituzione della Repubblica Italiana ).

  • L’organizzazione sindacale è libera. Ai sindacati non può essere imposto altro obbligo se non la loro registrazione presso uffici locali o centrali, secondo le norme di legge ( Art 39 della Costituzione della Repubblica Italiana )

    

 

 

==============================

 

 

*Il mammalucchi erano membri di una casta di schiavi turchi,trasformatisi dopo in  mercenari al servizio degli arabi che dominarono l’Egitto dal 200 all’800 quando fù sconfitta da Napoleone, che ci passò sopra.

 

 

Giovanni D’Ambra

Segretario Provinciale CISAL Sanità

cisalsanitale@hotmail.com  

 
 

 

 Le vostre poesie

 

  15/09/06 Speciale vendemmia:

"La mia festa".

Di Alessandra Nuzzo

 

  23/08/06 Gli ignoranti non vanno in vacanza. .... E si vede!!

 L'ennesima e mail di un cittadino che reclama l'attivazione della raccolta dei rifiuti differenziata

Di Tiziano Cosi (leggi i vari post)

 

  22/08/06 Intervista all'imprenditore Paride De Masi, proclamato

 «Salentino dell'anno» 2006.«La mia terra? Un paradiso di energia»

 

  13/07/06 Rifiuti ingombranti? Per disfarsene telefonare alla Geotec 800132821

 

 

   07/06/03 UN PATRIMONIO DA SCOPRIRE:  la necropoli in zona Cisternella, di Silvia Giannì.

 

2000 - 2006 www.tuttocasarano.it All rights reserved.