TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

Venerdi 24 giugno alle ore 19.00 il presidente del Casarano calcio Fulvio Alfarano sarà ospite della nostra chat per incontrare gli sportivi casaranesi

Home page La vita Politica Lo sport Cultura Informazioni turistiche Link la nostra E - mail

SEGRETERIA PROVINCIALE

LE PAGELLE DEGLI ALTRI, I SILENZI, LE COLPE

 

Casella di testo:  

 

 

 

di Giovanni D'Ambra, Segretario Provinciale Cisal Sanità, Casarano 20/01/05

 cisalsanitale@hotmail.com

 

Stiamo assistendo,ormai da un po’ di tempo al salire in cattedra di tanti “ dottori “ che puntualmente cercano di analizzare ( ! ) con pomposi rapporti lo stato di salute della nostra Azienda e del nostro Ospedale. Ce ne hanno dette tante, di tutti i colori, con definizioni d’ogni genere, dando alla collettività una immagine quantomeno distorta della complessa realtà sanitaria.

Innanzitutto precisiamo fin d’ora che a fronte del “rapporto 2004” fatto del Tribunale per i Diritti del Malato, se vere sono le affermazioni in esso contenute ( e non esitiamo a crederci ), la prima cosa da fare e richiedere le immediate dimissioni del Direttore Generale dell’Ausl  quale responsabile (assieme al Direttore Sanitario) delle situazioni che vengono così dettagliatamente evidenziate. A quanto pare gli incaricati chiamati a posti di responsabilità gestionale ai vari livelli , senza averne forse, neanche documentati meriti ( e che alla collettività costano tanto ) si sono dimostrati un flop e  coloro che dovevano rendere funzionante la macchina organizzativa ed assistenziale dell’Azienda, tutto hanno fatto fuorché quello per cui continuano ad essere pagati: saper dare efficienza ed efficacia ai bisogni di salute dei cittadini. ( e questo bisognava avere il coraggio di denunciare , cosa che invece, non lo si è fatto ! )

Alla coordinatrice territoriale del tdm vorremmo comunque ricordare alcune cose, prima fra tutte che non abbiamo assolutamente bisogno delle sue lezioni. In più di una occasione il nostro sindacato è stata l’unica voce che ha denunciato quanto, ogni tanto, ella evidenzia.

Non comprendiamo, per esempio, come si possa da una parte “ spifferare “( grazie anche ai “collaboratori ausl”prestati per così dire al tdm, cui l’Azienda farebbe bene ad indagare per salvaguardarne il suo buon nome) situazioni sicuramente reali ma che comunque esistono in tantissime realtà sanitarie pubbliche e private, e poi una volta messo alla berlina l’intero sistema AUSL ( senza tenere conto che esiste una buona fetta di professionisti che giornalmente svolgono il loro dovere in silenzio e con grandissima professionalità) téssere un “ elogio “ smaccatamente smisurato verso questa Direzione Generale (che dovrebbe invece fare le valigie ed andarsene).che su argomenti importantissimi  ha fatto tante volte il verso alle mitiche tre scimmiette. Così come sarebbe utile conoscere quali sono stati i motivi che hanno portato la dirigenza ausl, con un modo disinvolto e quasi irresponsabile di dare eccessiva amplificazione istituzionale ad un “ movimento “ che tale rimane ma che ha tutto ciò che vuole dall’Azienda (su questo punto chiederemo lumi all’Assessorato alla Sanità), penalizzando e dimenticandosi invece delle tante professionalità che nella nostra Ausl ad ogni livello sono preparate ad elaborare, istruire, gestire e mettere in pratica metodi di ricerca e di verifica del lavoro svolto in ambito sanitario e delle susseguenti risposte da dare agli assistiti. e che, scientemente, non vengono messe nelle condizioni di ben operare.

Sembra quasi  che il suo rapporto dia , usando un nostro conosciuto termine dialettale,“ nù corpu alla utte e unu allu tampagnu “. Perché ?

Ci rallegri ogni tanto, invece, di una esposizione che metta in luce quanto di buono invece questo Ospedale ha dato e continua a dare alla collettività dell’intero Sud Salento con la maggioranza dei professionisti che nelle varie branche applicano la loro preparazione al meglio, e che nonostante vengano dimenticati nelle loro aspettative più comuni si impegnano, comunque, a dare adeguate risposte sanitarie ai pazienti.

Crediamo nel messaggio di fondo con il quale il Tribunale,dalla sua istituzione in Italia, ha contribuito a notevoli cambiamenti nel modo di erogare i servizi sanitari: Non possiamo avallare però metodi  inquisitori di una coordinatrice territoriale che, per i toni usati, forse nasconde mire personalistiche.

 

 

Segreteria Provinciale Lecce – Sede Operativa: Via Giotto 4 – 73042 Casarano ( Le )

( 368 3267572  e-mail : cisalsanitale@hotmail.com- R.s.a. Presidio Ospedaliero “F.Ferrari”-Casarano Fax 0833 508 384

 

13/01/05 Trib. Dei Diritti del Malato, rapporto anno 2004