TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

Il gruppo di ricerca Lytos attribuisce al celebre pittore la Crocifissione presente nella Chiesa Madre
Scoperta una nuova tela: Oronzo Tiso fa 18

di Alberto Nutricati, dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 18/03/04

 

 

Le tele di Oronzo Tiso presenti a Casarano sarebbero 18 e non 17, come vorrebbe il De Brant, autore di «Paesi e figure del basso Salento». A fare questa scoperta, assieme all'attribuzione al Coppola di una tela situata all'interno della Chiesa Matrice, è stato il gruppo di ricerca Lytos.
La «nuova» tela del Tiso, chierico formatosi artisticamente a Napoli nella cerchia del Solimena, si trova nella sagrestia della Chiesa Madre. Date le dimensioni (90x50), si tratta presumibilmente di un bozzetto. «Posso affermare quasi con assoluta certezza - dichiara l'architetto Pino De Nuzzo di Casarano, autore della scoperta - che la tela relativa alla crocifissione presente in sagrestia è un'opera del Tiso». A far propendere per questa attribuzione vi sono diversi elementi: dalla plasticità dei corpi alla resa dei volti, dai drappeggi ad alcuni particolari del paesaggio ricorrenti nelle opere del Tiso.
Le tele dell'artista leccese presenti a Casarano sono di particolare importanza, giacché il Tiso le dipinse subito dopo quelle della cattedrale di Lecce. Furono le tele casaranesi, risalenti agli anni '70 del 1700, a sancire il successo del Tiso, consegnandolo agli onori della gloria. Fu solo dopo la loro realizzazione, infatti, che il pittore ricevette commissioni da tutto il Salento, da Grottaglie a Leuca.
Di indubbio interesse risulta anche la pala delle anime del purgatorio, situata in corrispondenza del terzo altare sulla destra. Si tratta di un'opera che Luciana Margari, giovane casaranese iscritta all'Accademia delle Belle Arti di Lecce, ha attribuito al Coppola, con l'avallo della professoressa Carmen Lorenzetti, docente di Storia delle Tecniche Artistiche. «Mi sono interessata di quest'opera - dice Luciana - a causa di una ricerca e mi sono subito resa conto che in essa c'era qualcosa di familiare. Infatti non mi sbagliavo: le anime raffigurate sono sorprendentemente simili a quelle di un'altra tela del Coppola presente nella cattedrale di Gallipoli». Anche in questo caso l'attribuzione è stata proposta sulla base di precisi riscontri stilistici, tecnici e di impostazione con altre opere dell'autore in questione. Si tratterebbe di un'opera risalente addirittura al quindicennio tra il 1640 e il 1655, dalle dimensioni di 348x238.
Quest'ultima scoperta risulta di particolare interesse perché arricchirebbe il catalogo delle tele presenti all'interno della Chiesa Madre con un nome prestigioso e perchè amplierebbe il raggio di azione del Coppola che ha operato quasi esclusivamente a Gallipoli, anche se si era formato a Firenze, dove sono presenti due sue opere.
Si tratta di scoperte che, se confermate, arricchiranno enormemente il già cospicuo patrimonio artistico della Chiesa e, si spera, contribuiranno a catalizzare sull'edificio sacro i fondi necessari al suo restauro; anche perché le tele in questione, soprattutto quella del Coppola, sono in condizioni decisamente pessime.