TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

 

 

Doppio intervento all'intestino di un neonato prematuro di appena 650 grammi. Il bimbo, di Cutrofiano, sta bene.

Salvato a Brindisi dall'abilità di due chirurghi del «Ferrari»

dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 06/12/2005

 

 

Aveva un'interruzione nel tubo digerente che impediva il passaggio dall'intestino al colon: dopo due interventi chirurgici ora è giudicato dai medici perfettamente guarito ed è stato dimesso dall'ospedale «Antonio Perrino» di Brindisi. Ad operarlo, però, sono stati due chirurghi del «Ferrari», i dottori Guglielmo Paradies e Michele Pagliarulo, in forza al reparto di chirurgia pediatrica. Il dottore Paradies è, infatti, consulente del grande ospedale brindisino dove esiste una della più importanti divisioni di Neonatologia della regione. Una ulteriore dimostrazione del livello raggiunto dalla chirurgia pediatrica di Casarano. L'eccezionalità del caso, secondo gli esperti, sta nel fatto che il paziente - un bimbo di Cutrofiano - ha solo sei mesi e che il suo peso, al momento dell'intervento, era di appena 650 grammi. L'intervento e il decorso post-operatorio sono stati compiuti nell'ospedale di Brindisi. «Il bambino, nato alla venticinquesima settimana di gestazione, ha mostrato un quadro clinico critico sin dai primi giorni di vita - spiega il primario dell'Unità terapia intensiva neonatale (Utin) del Perrino - ed esso era dovuto sia alla grave prematurità sia al problema intestinale che ne impediva una normale alimentazione per via naturale e ne metteva a rischio la sopravvivenza a causa dell'incombente minaccia di una peritonite. Ad un mese di vita, quindi, si è deciso di sottoporre il piccolo ad un primo intervento di ileostomia e ciecostomia reso estremamente delicato dalle condizioni generali del piccolo e dal suo peso che nel frattempo era aumentato di soli cento grammi rispetto alla nascita». L'intervento, durato circa tre ore, è stato eseguito - come dicevamo - a Brindisi dai dottori Paradies e Pagliarulo, chirurghi pediatri dell'ospedale di Casarano, coadiuvati dall'equipe anestesiologica del «Perrino», diretta dal dottore Caretto, con la dottoressa Patrizio. Il decorso post-operatorio è stato seguito alla Utin brindisina, diretta dal dottore Giuseppe Latini, ed è stato rapidamente favorevole consentendo, dopo qualche giorno, una normale ripresa dell'alimentazione del bambino. «All'età di 5 mesi e mezzo, dopo aver raggiunto il peso di tre chili, il piccolo è stato sottoposto al definitivo intervento di ricanalizzazione dell'intestino, consistito - fa sapere Latini - nel riunire i due monconi intestinali temporaneamente abboccati alla parete addominale». Da qualche giorno il piccolo è a casa, ormai fuori pericolo.