TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

Home page La vita Politica Lo sport Cultura Informazioni turistiche In città la nostra E - mail

L'AMMINISTRAZIONE COMUNALE VUOLE ACQUISTARE L'EX CINEMA ARALDO

di Enzo Schiavano, dal Quotidiano del 13/02/05

 

L’amministrazione comunale potrebbe presto acquisire al proprio patrimonio immobiliare il cine-teatro Araldo, uno dei simboli della città. Ieri mattina, infatti, il sindaco Remigio Venuti ha manifestato ai proprietari dello storico immobile l’interesse di Palazzo dei Domenicani a trattare l’acquisto. Le parti si sono incontrate in Municipio verso mezzogiorno, convocate dallo stesso Venuti. Per la parte pubblica erano presenti anche l’assessore alla Cultura, Claudio Pedone, e il dirigente dell’Ufficio Tecnico, geom. Anselmo Antonaci; per la “Mario Margari srl”, società proprietaria del cinema, trattavano Mario e Marcello Margari e il loro consulente, Egidio Montonato.

Venuti ha dimostrato con determinazione l’interesse dell’amministrazione comunale di acquistare l’Araldo per farne un contenitore culturale di primo livello e dotare la città di un’esigenza molto sentita. Il sindaco ha fatto la sua offerta che è risultata molto più bassa rispetto al prezzo richiesto (€ 1.750.000). La famiglia Margari, però, per venire incontro alle esigenze della città e constatata la determinazione del sindaco di arrivare all’obiettivo, ha dimostrato molta sensibilità ed ha concesso al Comune un forte sconto sul prezzo di partenza. La cifra pattuita, però, non è stata resa nota.

Le parti, raggiunta l’intesa verbale, si rivedranno entro 15 giorni. Tanto il Comune si è concesso per dare una risposta definitiva. Le speranze di rivedere l’Araldo nel suo antico splendore, quindi, si rinnovano. Il rischio che ancora corre l’immobile, dopo la decadenza delle norme di salvaguardia del Piano Regolatore, è la demolizione. Le vigenti norme urbanistiche, infatti, non ne prevedono la tutela e la possibilità ai proprietari di edificare immobili destinati a residenze, negozi e uffici. Se il Comune dovesse far cadere l’opzione, la proprietà ha già pronto un nuovo progetto. E la destinazione del nuovo edificio non sarà certo culturale.