TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

Home page La vita Politica Lo sport Cultura Informazioni turistiche In città la nostra E - mail

PRENOTAZIONI TELEFONICHE IMPOSSIBILI AL CUP DI CASARANO

di Enzo Schiavano, dal Quotidiano del 22/02/05

 

Per gli utenti del Distretto Socio-Sanitario di Casarano, prenotare un esame diventa sempre più difficoltoso. Il Cup (Centro Unico di Prenotazione), il centralino istituito presso il Dss di corso Vittorio Emanuele, è in affanno e dimostrerebbe da tempo lacune non indifferenti. La denuncia parte dal “Tribunale per i Diritti del Malato” che, raccogliendo numerose segnalazioni da parte degli utenti, ha scritto al responsabile del distretto, dott. Pierluigi Camboa, per sollecitare l’azienda a rimuovere gli ostacoli che impediscono di usufruire del servizio.

La responsabile territoriale del Tdm, Anna Maria De Filippi, si è mossa il 17 febbraio scorso, quando all’associazione di volontariato “è pervenuto – si legge nella nota inviata al dott. Camboa – un numero eccessivo di segnalazioni circa la difficoltà di fruire delle prenotazioni telefoniche presso il Cup del Distretto a entrambi i numeri messi a disposizione dell'utenza”. Quel giorno, come i precedenti, era impossibile prenotare un esame. “Un numero, relativo ad un’utenza telefonica disattivata – spiega la responsabile del Tdm – risultava occupato, e non capiamo perché l’azienda non lo cancella dall’elenco e dal suo sito internet, visto che gli ignari cittadini lo usano spesso; all’altro numero, invece, non rispondeva nessuno”.

Il responsabile del servizio, rispondendo alla nota del Tdm, ha ammesso che qualcosa non funziona. Camboa, infatti, prendendo atto della segnalazione ha chiesto un incontro con la stessa De Filippi e con il Direttore Sanitario del presidio ospedaliero “Ferrari”, dott.sa Gabriella Cretì. I problemi del Cup, secondo Camboa, sarebbero dovuti “ad una singolare ed inappropriata organizzazione di prenotazione del Distretto che deve soddisfare anche le richieste di prenotazione dell’ospedale”. Il responsabile del distretto, in sostanza, ammette che sarebbe opportuna un maggiore coordinamento tra strutture sanitarie.