TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

Home page La vita Politica Lo sport Cultura Informazioni turistiche In città la nostra E - mail

RETE DEL METANO COMPLETA AL 90%

di Mauro Stefano, dal Quotidiano del 16/02/05

 

 

“La rete di distribuzione cittadina del gas metano è ormai completa al 90 per cento e per l’inizio della prossima stagione invernale contiamo di poter garantire l’attivazione all’intera città”. E’ Walter Rampino, geometra dell’Italcogim Reti spa, a fare il punto sui lavori di metanizzazione che ormai dall’aprile del 2001 interessano Casarano. “In ogni caso, dopo l’avvio nei quartieri Pietrabianca e Ospedale, il resto del territorio sarà servito contemporaneamente, crediamo subito dopo l’estate” continua il tecnico. In questi giorni prosegue, intanto, a ritmo incessante la realizzazione degli allacci alle utente private che beneficiano ancora della riduzione del contributo previsto per gli allacciamenti. Quanti chiedono ora di essere serviti dalla rete cittadina del gas metano pagano, cioè, solo 103,29 euro invece dei 387,34 euro, sempre più Iva, previsti ad offerta conclusa. Intanto, nei due quartieri dove il prezioso combustibile è gia disponibile le richieste di allacciamento sono sempre più numerose. L’iter da seguire per avere in casa il gas è relativamente semplice ma, comportando l’intervento di diverse ditte appaltatrici, a volte finisce per essere un pò farraginoso. Per questo alcuni clienti, dopo aver già presentato la necessaria domanda, sono costretti ad attendere anche alcuni mesi prima di essere serviti. Dopo il passaggio della condotta principale, realizzato ormai da mesi direttamente dall’Italcogim, un’altra ditta procede agli allacci alle utenze private ed un’altra ancora allo scavo per l’allocazione del contatore che sarà poi la stessa Italcogim ad avviare previa telefonata dell’utente al numero verde 800422422. Si tratta di fasi diverse tra loro ma di solito ben coordinate che, però, “in questo periodo di boom nelle richieste”, come affermato dai responsabili del settore commerciale società distributrice, “possono richiedere più tempo”. A segnalare alcuni disguidi sono principalmente quanti abitano nelle zone già servite. A queste utenze, infatti, preme ancor di più stringere i tempi considerando che il gas è già potenzialmente a loro disposizione. Solo nella zona dell’ospedale sono stati richiesti circa 300 allacci per un totale di oltre 500 utenze. Il primo lotto ad essere servito ormai dallo scorso ottobre comprende, tra le altre, le vie Agnesi, Bari, Buonarroti, Giusti, Giotto, Firenze, Da Bormida, Inghilterra, Irlanda, Lussemburgo, Leopardi, Mantova , Matino e viale Ferrari (ex via Circunvallazione).