TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

Home page La vita Politica Lo sport Cultura Informazioni turistiche In città la nostra E - mail

SARA' SPOSTATA SULLA ZONA INDUSTRIALE

LA FIERA DEL SANTO PATRONO

di Enzo Schiavano, dal Quotidiano del 27/03/05

 

L’amministrazione comunale ha ufficializzato lo spostamento della “Fiera di San Giovanni Elemosiniere” da contrada “Botte” alla zona industriale. L’annuncio è stato fatto ieri mattina dall’assessore al Commercio, Rocco Rizzello, nel corso di una conferenza stampa alla quale ha partecipato anche il presidente del “Comitato Feste Patronali”, Giuseppe Toma. La scelta del trasferimento del mercato, che il Comune considera sperimentale, è stata presa su sollecitazione del comitato, dopo alcuni incontri con i tecnici comunali e colloqui informali con i commercianti.

I motivi che hanno portato al trasferimento sono numerosi: aumento della sicurezza; eliminazione del disagio ai cittadini di contrada “Botte” e dintorni; ampia disponibilità di parcheggi per le auto e per gli spazi commerciali; possibilità di espansione del mercato. Proprio gli ampi spazi a disposizione potrebbe essere l’arma vincente del nuovo corso della “Fiera di S. Giovanni”. L’ampia strada principale della zona industriale, a doppia corsia (che va da Filanto fino al Cisi), sarà il cardine del nuovo mercato, dove saranno disposti i commercianti del settore non alimentare; intorno all’isolato delimitato dallo stesso viale e dalla caserma dei vigili del fuoco, saranno disposti gli altri settori e la tradizionale la fiera del bestiame.

La zona tutto intorno all’area fieristica sarà trasformata in un grande parcheggio per le auto. “L’unico neo, se proprio vogliamo trovarlo, è che il sito è molto periferico”, ha ammesso l’assessore Rizzello, che era coadiuvato dal dott. Fedele Coluccia, responsabile dell’ufficio commercio, e dal vigile urbano Gianni Aretano, che gestisce gli spazi fieristici, e da Paolo Zompì, presidente del Consiglio Comunale. Per agevolare coloro che quel giorno (15 maggio) non useranno o non possono utilizzare l’auto, l’assessore ha disposto un servizio di bus navetta. Sono stati individuati tre capolinea (stadio, giardini comunali e viale Ferrari), ma su suggerimento di Zompì è probabile che saranno istituiti altri punti di partenza in contrada “Botte” e vicino la stazione ferroviaria.