TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

Home page La vita Politica Lo sport Cultura Informazioni turistiche In città la nostra E - mail

EMERGENZA ACQUA IN CONTRADA PIETRA BIANCA, ICITTADINI CHIEDONO AIUTO AL COMUNE

di Enzo Schiavano, dal Quotidiano  03/04/05

 

Sull’emergenza acqua nel popoloso quartiere di “Pietra Bianca” i cittadini hanno chiesto il sostegno del Comune. Nei giorni scorsi, alcuni abitanti del quartiere hanno avuto un incontro con il sindaco, Remigio Venuti, al quale hanno esposto il problema che coinvolge circa 400 famiglie. Dopo il colloquio, il primo cittadino ha chiesto all’Ufficio Tecnico di Palazzo dei Domenicani di contattare la sede di zona dell’Acquedotto Pugliese e di relazionare sulla eventuali cause che hanno provocato negli ultimi giorni gravi disagi ai cittadini.

Trovandosi nella parte più alta della città, l’erogazione dell’acqua corrente nelle case del quartiere avviene con una pressione molto bassa rispetto al normale, lasciando i cittadini senza acqua per diverse ore al giorno. Una situazione, rilevano gli abitanti, che non è nuova, ma che si è aggravata nelle ultime due settimane. Secondo alcuni tecnici, questa situazione è persistente perché il quartiere si trova allo stesso livello della condotta principale. Il problema si potrebbe risolvere con la costruzione di un torrino, necessario ad aumentare il dislivello affinché l’acqua arrivi nelle case con la giusta pressione.

L’Aqp in questi giorni ha affrontato l’emergenza con l’invio di autobotti per consentire agli abitanti di farsi una scorta d’acqua in vista dei momenti critici. La società ha anche inviato un tecnico che ha consigliato gli utenti a dotarsi di deposito privato e di un’autoclave, circostanza che ha fatto arrabbiare diversi residenti. “Non è normale che l’Acquedotto Pugliese dia simili consigli – commenta Antonio Casarano – non si possono chiedere ulteriori sacrifici ai cittadini se le carenze sono della società che eroga il servizio”. I cittadini, tra l’altro, segnalano che la mancanza di pressione pone un problema serio agli utenti che usano caldaie a gas.

“Se non c’è pressione – spiega ancora Casarano – la caldaia non parte e quindi si rimane senza acqua calda”. Intanto, il disservizio idrico viene segnalato anche in altre zone della città. Il sig. Michele Antonazzo, abitante in via Marconi (nei pressi dell’ospedale), zona sottoposta rispetto a “Pietra Bianca”, ha rivelato al sito internet “Tuttocasarano” che nella sua strada “da mesi l’erogazione dell’acqua è ridotta di un buon 60%, ciò nonostante continuiamo a pagare per intero le bollette. In via Marconi – conclude il cittadino – i tecnici dell’Aqp hanno constatato che la rete idrica fa acqua da tutte le parti, tranne che nelle case”.